Sicurezza e Giustizia

Andrea GIRELLA

Il Ten. Col. Andrea GIRELLA è Capo Sezione presso il Centro Informatico Amministrativo Nazionale della Guardia di Finanza.

 

Titoli di studio

–    Laurea  in Giurisprudenza (1997) presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
–    Laurea  in Scienza della Sicurezza Economico Finanziaria – I livello (2003) presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
–    Laurea  in Scienza della Sicurezza Economico Finanziaria – II livello (2003) presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
–    Laurea  in Scienze Politiche (2005) presso l’Università degli Studi di Trieste
–    Master  in Diritto Penale della P.A. (2005) presso la Scuola di Amministrazione Pubblica e degli Enti Locali di Roma
–    Master  di II livello in Homeland Security – Sistemi, metodi e strumenti per la security ed il crisis management (2014) presso Università Campus Bio-Medico di Roma

Decorazioni, onorificenze e ricompense morali  

–    Croce per anzianità di servizio
–    Medaglia al Merito di Lungo Comando
–    Croce commemorativa della Croce Rossa Italiana
–    Croce commemorativa per operazioni in Afghanistan (missione ISAF)
–    Medaglia commemorativa per operazioni di soccorso per l’alluvione in Piemonte
–    Medaglia di bronzo pubblica benemerenza della Protezione Civile
–    Medaglia commemorativa NATO Afghanistan
–    Cavaliere dell’Ordine Equestre di San Silvestro Papa
–    Addetto NBC
–    Operatore in Medicina Tattica di base
–    Istruttore di tiro di I livello
–    Istruttore militare di difesa personale e tecnica del disarmo
–    Istruttore militare di Scuola Guida
–    Conoscitore militare lingua estera (inglese)
Esperienze didattiche esterne alla GdF
a)    Docente della materia “Attività di Polizia Giudiziaria” per il corso di aggiornamento per U.P.G. (Ufficiali di Polizia Giudiziaria) del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria (Torino, 2003)
b)    Direttore del 1° corso “Tecniche di polizia” per il personale del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria (Orvieto, 2007)
c)    Docente titolare delle materie “Tecniche operative di polizia”, “Teoria e tecnica della difesa personale”, “Teoria e pratica dell’addestramento al tiro” e Direttore del corso di addestramento per il personale della Polizia Locale [Municipale] del comune di Orvieto (Orvieto, 2010)
d)    Docente titolare delle materie “Condizionamento fisico e difesa personale”, “Normative legislative sull’uso delle armi”, “Teoria, tecnica e pratica dell’addestramento al tiro”, “Teoria, tecnica e pratica dell’addestramento specialistico” nonché Presidente di Commissione d’esame del corso di specializzazione “Tiratore scelto” per il personale dell’Aeronautica Militare (Orvieto, 2010)

Pubblicazioni personali e conferenze

Testi:
I.    Open Source Intelligence e fonti di finanziamento per le attività terroristiche jihadiste in Italia – autore – 1^ edizione 2015
II.    Controllo dell’economia – coautore – 1^ edizione 2010, Experta edizioni
Opera adottata dall’Università degli Studi di L’Aquila nel corso “Operatore giuridico d’impresa”, Facoltà di Economia
III.    L’ordine pubblico di polizia – coautore – 1^ edizione 2008, Laurus edizioni
Opera adottata dall’Università di Bologna nel:
–    corso “Politiche della Sicurezza”, Facoltà di Scienze Politiche
–    corso “Psicologia sociale”, Facoltà di Sociologia
Opera adottata dalle Sezioni AT-P.I. d’Italia
IV.    Sinossi “Teoria e tecnica dell’addestramento al tiro” – coautore – edizione 2008 – uso interno Guardia di Finanza
V.    Sinossi “Controlli su strada” – autore – edizione 2009 – uso interno Guardia di Finanza
VI.    Prontuario operativo per A.T.P.I. “Tutela dei marchi” (2006) – uso interno Guardia di Finanza
VII.    Prontuario operativo per A.T.P.I. “La sicurezza dei prodotti: marcatura CE” (2005) – uso interno Guardia di Finanza
VIII.    Prontuario operativo per A.T.P.I. “Arte e antiquariato” (1999) – uso interno Guardia di Finanza
IX.    Prontuario operativo per A.T.P.I. “Identificazione” (1998) – uso interno Guardia di Finanza
Articoli:

I.    Cenni sulle Infrastrutture Critiche (2015 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
II.    Controlli e ispezioni d’iniziativa della polizia giudiziaria (2014 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
III.    Gli esami radiologici tra ispezione e perquisizione (2014 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
IV.    Strumenti operativi (per l’operatore di polizia) per il contrasto alla prostituzione quando fenomeno della tratta di esseri umani (2014 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
V.    Gli esami radiologici tra ispezione e perquisizione (2014, Il centauro)
VI.    Contraffazione dei segni distintivi della Guardia di Finanza e Forze Armate e di identificazione della funzione polizia (2014 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
VII.    Spray al peperoncino: cenni sugli aspetti giuridici (2014, Il centauro)
VIII.    Vigilanza in tema di pubblicità dei prezzi di vendita dei carburanti per autotrazione (2014 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
IX.    Reato di furto in abitazione (dopo un decennio dalla sua introduzione nell’ordinamento penale italiano) (2013 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
X.    Controlli su strada a contrasto dell’abusivismo nel settore dell’autotrasporto in conto proprio (2013 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XI.    Destinazione dei proventi delle sanzioni per violazioni al c.d.s. tra vincoli di bilancio e rischi di danno erariale (2013 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XII.    Contraffazione dei segni distintivi delle Forze Armate e dei segni, contrassegni e documenti d’identificazione degli operatori di polizia (o della loro funzione) (2013 Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XIII.    La Polizia Giudiziaria sulla scena del crimine nei reati di competenza della Polizia Tributaria (2013, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XIV.    Minori e sostanze stupefacenti e psicotrope (2013, Il centauro)
XV.    L’operatore di polizia nel controllo di frontiera (2012, Rivista della Guardia di Finanza; Il centauro)
XVI.    Servizi e controlli di polizia sui veicoli su strada (2012, Rivista della Guardia di Finanza)
XVII.    Esercizi pubblici: la sospensione della licenza (il caso del locale che sia ritrovo di persone in situazioni illecite (2012, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XVIII.    Cenni sulla responsabilità della Pubblica Amministrazione verso terzi in tema di demanio stradale (2012, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XIX.    Gli strumenti di dissuasione per l’operatore di polizia tra armi non letali e altri mezzi di coazione fisica (2012, coautore, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XX.    Attività di polizia in presenza di veicoli abbandonati (2012, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore; Rivista della Guardia di Finanza)
XXI.    Cenni sui rapporti tra operatori di polizia e ausiliari della sicurezza (2011, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XXII.    Il tachigrafo digitale quale innovativo strumento nei controlli di polizia economica finanziaria (2011, coautore, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XXIII.    Gli esami radiologici tra ispezione e perquisizione (2011, Rivista della Guardia di Finanza)
XXIV.    Attività di polizia in presenza di veicoli abbandonati (2011, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XXV.    Minori e sostanze stupefacenti e psicotrope (2011, coautore, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XXVI.    L’operatore di polizia nel controllo di frontiera (2011, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XXVII.    Cenni sulla responsabilità della Pubblica Amministrazione verso terzi in tema di demanio stradale (2011, Il centauro)
XXVIII.    Servizi e controlli di polizia sui veicoli su strada (2010, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XXIX.    Un Istituto unico in Italia (2010, Il grillo parlante)
XXX.    La medicina tattica e il soccorritore militare (2010, coautore, RAIDS)
XXXI.    Le undercover operations nei servizi anticontraffazione (2010, Rivista della Guardia di Finanza)
XXXII.    Il soccorritore militare (2009, coautore, Il finanziere)
XXXIII.    Il tachigrafo digitale quale innovativo strumento nei controlli di polizia economica finanziaria (2009, coautore, Il centauro)
XXXIV.    Le undercover operations nei servizi anticontraffazione (2009, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XXXV.    Libertà di riunione e limitazioni dell’Autorità di Pubblica Sicurezza (2009, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XXXVI.    Il tachigrafo digitale quale innovativo strumento nei controlli di polizia economica finanziaria (2009, coautore, Rivista della Guardia di Finanza)
XXXVII.    Come fronteggiare i violenti (2009, Rivista di polizia)
XXXVIII.    In tema di assenza dal lavoro del dipendente pubblico occultata mediante la falsificazione dell’attestazione di servizio (2009, Rivista di polizia)
XXXIX.    Responsabilità del militare infedele e del superiore gerarchico in caso di falsa attestazione dell’orario nei fogli presenza e di servizio (2008, Rivista della Guardia di Finanza)
XL.    L’identificazione delle persone dopo il pacchetto sicurezza (2008, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XLI.    La decurtazione dei punti della patente: il coobbligato solidale (2008, Sicurezza Urbana – Rivista giuridica di polizia – Maggioli editore)
XLII.    La responsabilità della P.A. di beni dei quali è custode per danni verso terzi (2007, Rivista della Guardia di Finanza)
XLIII.    L’uso del gasolio agevolato (2007, Il giornale di polizia)
XLIV.    Il mercato parallelo delle autovetture d’importazione (2006, Il giornale di polizia)
XLV.    Il danno nella lesione all’immagine del Corpo della Guardia di Finanza (2006, Rivista della Guardia di Finanza)
XLVI.    La sicurezza dei giocattoli (2006, Il giornale della polizia)
XLVII.    Tutela amministrativa e penale del cittadino (2006-2009, serie di articoli di cronaca sui web-quotidiani Atlantidemagazine e Endas)
XLVIII.    L’uso dell’auto di servizio tra peculato e peculato d’uso (2005,  Rivista della Guardia di Finanza)
XLIX.    La contraffazione delle opere d’arte contemporanea (2004, Rivista della Guardia di Finanza)
L.    Tutela amministrativa e penale ambientale (1989-91, serie di articoli sul quotidiano Il corriere di Viterbo)

Conferenze:

I.    Contraffazione dei marchi ed altri illeciti (nell’ambito dell’abusivismo commerciale) (Riccione 2014) – Le giornate della polizia locale
II.    La contraffazione dei marchi e altri illeciti nell’ambito dell’abusivismo commerciale (Cervia, RA, giugno 2011)
III.    La sicurezza economico-finanziaria nel vigente sistema di prevenzione italiano (Palermo, ottobre 2009, Assemblea Regionale Siciliana) – La Sicurezza nel III millennio
IV.    Nuove modalità operative a seguito delle modifiche apportate al Codice della Strada e modifiche al Codice Penale e di Procedura Penale (Vasto, novembre 2008, Ordine Avvocati di Vasto – valido per l’aggiornamento professionale degli Avvocati)

 


 

Articoli pubblicati

I DATI INFORMATICI ACQUISITI DALLA MEMORIA DI UN TELEFONO NON RIENTRANO NEL CONCETTO DI CORRISPONDENZA
di Andrea Girella (N. III_MMXVIII)
Corte di Cassazione, Sezione V Penale, sentenza n. 1822 del 21 novembre 2017 e depositata il 16 gennaio 2018. I dati informatici acquisiti dalla memoria del telefono in uso all’indagata (sms, messaggi whatsApp, messaggi di posta elettronica “scaricati” e/o conservati nella memoria dell’apparecchio cellulare) hanno natura di documenti ai sensi dell’art. 234 cod. proc. pen. La relativa attività acquisitiva non soggiace né alle regole stabilite per la corrispondenza, né tantomeno alla disciplina delle intercettazioni telefoniche. Secondo l’insegnamento della Corte di legittimità non è applicabile la disciplina dettata dall’art. 254 cod. proc. pen. con riferimento a messaggi WhatsApp e SMS rinvenuti in un telefono cellulare sottoposto a sequestro, in quanto questi testi non rientrano nel concetto di “corrispondenza”, la cui nozione implica un’attività di spedizione in corso o comunque avviata dal mittente mediante consegna a terzi per il recapito.
LA MISURA DI PREVENZIONE PATRIMONIALE DEL SEQUESTRO NELLE ULTIME MODIFICHE AL CODICE ANTIMAFIA
di Andrea Girella (N. I_MMXVIII)
Legge 17 ottobre 2017, n. 161 (G.U. n. 258 del 4 novembre 2017) Il nuovo testo di legge prevede misure di prevenzione anche per chi commette reati contro la pubblica amministrazione, come peculato, corruzione (ma solo nel caso di reato associativo) - anche in atti giudiziari - e concussione. È stato introdotto l’istituto del “controllo giudiziario delle aziende” in caso di pericolo concreto di infiltrazioni mafiose. Il controllo è previsto per un periodo che va da uno a 3 anni e può anche essere chiesto volontariamente dalle imprese. L’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali è resa “più veloce e tempestiva” prevedendo una “trattazione prioritaria”. L’Agenzia nazionale per i beni confiscati viene dotata di un organico di 200 persone e rimane sotto la vigilanza del Ministero dell’Interno.
LE AUTO CON TARGA TEDESCA POSSONO CIRCOLARE IN ITALIA ANCHE SENZA FINALITÀ DI IMMATRICOLAZIONE
di Andrea Girella (N. IV_MMXVII)
Corte di Cassazione, Sezione II Civile, sentenza n. 25220 del 19 giugno 2017 e depositata il 24 ottobre 2017. La Corte ha accolto il ricorso e cassato la sentenza gravata. Secondo il tribunale l’unica circolazione consentita è quella a fini di importazione; in altri termini, secondo il tribunale, in Italia si potrebbe circolare con targa temporanea tedesca solo per raggiungere, dal confine, l’importatore che dovrà immatricolare la macchina. L’interpretazione del tribunale torinese non è stata condivisa dalla Corte, perché non trova riscontro nel testo dell’accordo italo-germanico del 22.10.1993 che contempla “viaggi di prova, collaudo e trasferimento”.
MONEY TRANSFER: ORDINANZE DI INGIUNZIONE PER USO ILLECITO DEI DATI
di Andrea Girella (N. III_MMXVII)
Garante della Privacy - Comunicato del 10 marzo 2017: 11 mln di multa a cinque società per uso illecito di dati. Sanzioni per oltre 11 milioni di euro sono state comminate dal Garante privacy a cinque società che operano nel settore del money transfer per aver usato in modo illecito i dati personali di più di mille persone inconsapevoli. Le gravi violazioni sono emerse nel corso di un’indagine della Procura di Roma. Il Nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza su delega della magistratura ha infatti accertato che una multinazionale, in concorso con altre quattro società, raccoglieva e trasferiva in Cina somme di denaro riconducibili a imprenditori cinesi, in violazione non solo della normativa antiriciclaggio, ma anche di quella sulla protezione dei dati personali. La violazione della normativa sulla privacy ha determinando l’intervento del Garante.
ATTIVITÀ DI CONTRASTO AL TERRORISMO DA PARTE DELLA POLIZIA GIUDIZIARIA: I COLLOQUI A FINI INVESTIGATIVI
di Andrea Girella (N. I_MMXVII)
Decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244 (GU Serie Generale n.304 del 30-12-2016). Sono più di 103 le proroghe previste in diversi settori dal Decreto legge n. 244/2016 di fine anno. Pubbliche amministrazioni (art. 1). Adeguamento normativa antincendio scuole (art. 4, comma 2). Impianti di produzione di energia termica (art. 12, comma 2). Beni e attività culturali (art. 11). Sistri (art. 12, comma 1): viene prorogato, per la quarta volta e fino al 31 dicembre 2017 il subentro del nuovo concessionario e il periodo in cui continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi relativi alla gestione dei rifiuti antecedenti alla disciplina del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (Sistri).
Nel presente articolo si analizza l’art. 8 che conferma, sul fronte della sicurezza, la possibilità per l’intelligence di effettuare colloqui preventivi nei confronti di detenuti per raccogliere informazioni utili a prevenire delitti di terrorismo.
CIRCOLAZIONE DI VEICOLO IMMATRICOLATO FUORI DALL’UNIONE EUROPEA E “NUOVO” CONTRABBANDO
di Andrea Girella (N. III_MMXVI)
Decreto Legislativo 15 gennaio 2016, n. 8. Con la recente riforma in materia di depenalizzazione (D.Lgs. n. 7/2016 e n. 8/2016 in vigore dal 6.2.2016) il legislatore italiano ha trasformato in illeciti amministrativi molti reati previsti dal codice penale e da leggi speciali. Sono depenalizzati tutti i reati per i quali è prevista la sola pena della multa o dell’ammenda previsti al di fuori del codice penale e una serie di reati presenti invece nel codice penale. Tra questi ultimi vi è anche quello di contrabbando. Restano esclusi dal provvedimento i reati che, pur prevedendo la sola pena della multa o dell’ammenda, attengono alla normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, ambiente territorio e paesaggio, sicurezza pubblica, giochi d’azzardo e scommesse, armi, elezioni e finanziamento ai partiti.
L’USO LEGITTIMO DELL’ARMA DEVE RISPONDERE AL PRINCIPIO DI PROPORZIONALITÀ INTESO COME BILANCIAMENTO TRA INTERESSI CONTRAPPOSTI
di Andrea Girella (N. I_MMXVI)
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, sentenza n. 41038 del 16 giugno 2014 e depositata il 2 ottobre 2014. L’uso delle armi o di altri mezzi di coazione deve costituire extrema ratio nella scelta dei metodi necessari per l’adempimento del dovere: diventa cioè legittimo solo ove non vi sia altro mezzo possibile. Ed è regola di condotta irrinunciabile quella di graduare l’uso dell’arma secondo le esigenze specifiche del caso e sempre in ambito di proporzione, sicché è sempre il criterio della proporzione che deve guidare il pubblico ufficiale al quale si chiede, senza che debba rinunziare all’adempimento del dovere di ufficio, di conseguire lo scopo con il minor sacrificio del contrapposto interesse.