Sicurezza e Giustizia

LIMITI CIRCA L’UTILIZZABILITÀ DELLE STATISTICHE NAZIONALI SULLE INTERCETTAZIONI

di Giovanni Nazzaro e Tommaso De Giovanni

In Italia le spese di giustizia si articolano su tre capitoli di spesa, di cui il n. 1363 è relativo alle intercettazioni. Nell’ambito degli interventi di spending review (DL n. 98 del 2011, art. 37, co. 16) è previsto che, a decorrere dall’anno 2012, il Ministro della giustizia presenti alle Camere, entro il mese di giugno, una relazione sullo stato delle spese di giustizia. In tale contesto si ha finalmente conoscenza delle statistiche relative al nostro paese.
Dall’approfondimento qui presente è emerso purtroppo che la metodologia utilizzata per questa ricognizione statistica è affetta da molte criticità, tra cui la mancata indicazione della durata delle intercettazioni e delle relative proroghe e, soprattutto, delle spese che vengono tracciate per fattura e per anno solare in cui vengono liquidate, senza la giusta scomposizione delle reali voci di costo, ed in modo svincolato dai numeri delle intercettazioni che fanno riferimento invece al momento dell’attivazione.

pdf-icon

1.     Introduzione
La statistica ha una funzione molto importante perché riesce a sintetizzare in poche cifre il nostro lavoro, affinché possa essere generalizzato ed accostato a modelli di comparazione, nazionali o internazionali. Lo scopo della statistica è offrire quel giusto dettaglio di realtà per poter intervenire, sanare o risolvere, contribuire alla definizione della governance. Eppure la diffidenza verso questa disciplina è molto diffusa poiché innumerevoli sono stati nella storia i casi di un suo uso distorto. Nel libro “How to lie with statistics” dello scrittore Darrell Huff viene spiegato come il dato statistico può essere interpretato in modi diversi a seconda dei dati correlati e senza il giusto dettaglio, quindi può essere utilizzato per diffondere le più diverse e contrastanti – tra loro – idee economiche e politiche. Ad esempio, la media è indicata come dato poco significativo o fuorviante se non si sa esattamente su quale base è calcolata e con quale criteri: il poeta e scrittore statunitense Charles Bukowski non a caso usava dire “Non mi fido molto delle statistiche, perché un uomo con la testa nel forno acceso e i piedi nel congelatore, statisticamente ha una temperatura media”.

Al di fuori delle battute aforistiche, un risultato matematico può effettivamente portare a conclusioni diverse, o inutili, se non si basa su definizioni e assunzioni certe e concrete. Non vengono esonerate da questo contesto generale le statistiche sulla Giustizia, in particolar modo quelle sulle intercettazioni che, nel recente passato del nostro paese, hanno vitalizzato non poco la scena politica, con discussioni e talk show che poco o nulla ci hanno lasciato oggi, se non la convinzione di essere stati piacevolmente intrattenuti.

 

2.     Le statistiche relative alle intercettazioni negli altri Paesi
Prima di affrontare la questione dal punto di vista italiano, può essere utile allargare un po’ lo sguardo verso alcuni paesi esteri, per verificare quanto potrebbe essere tenuto in considerazione e maggiormente tutelato questo strumento.

Negli Stati Uniti d’America 48 giurisdizioni (il governo federale, il Distretto di Columbia, le Isole Vergini, Porto Rico e 44 stati) attualmente hanno leggi che autorizzano i giudici a emettere un ordine d’intercettazione. La sezione Title III dell’Omnibus Crime Control and Safe Streets Act prevede che l’Ufficio Amministrativo di ogni tribunale fornisca un rapporto annuale per il Congresso, in termini di numero di intercettazioni, durata iniziale e durata dell’eventuale proroga, costo degli apparati utilizzati e, molto importante, l’indicazione sull’esito delle operazioni d’intercettazione, ovvero, se hanno comportato un arresto e una condanna. Il rapporto pubblicato ogni anno non include i dati sulle intercettazioni regolate dalla Foreign Intelligence Surveillance Act del 1978. Le statistiche sono molto accurate al punto da indicare anche il numero delle intercettazioni in cui è stato rilevato l’uso della crittografia (da 22 nel 2014 a 7 nel 2015).

Nel Regno Unito, la sezione 57(1) dell’Investigatory Powers Act 2000 (RIPA), legge che regola i poteri degli enti pubblici in materia di vigilanza e di indagine, prevede la figura del Commissario per le Intercettazioni delle Comunicazioni preposto al coordinamento dell’ufficio IOCCO (Interception of Communications Commissioner’s Office) che risponde al Primo Ministro e che ha il compito di esaminare retrospettivamente le modalità utilizzate per l’intercettazione legale delle comunicazioni, quindi sotto il profilo qualitativo. L’Ufficio è composto da non più di 10 figure aventi grande esperienza tecnico-legale sul tema, con un budget annuo di poco più di 1 milione di sterline, che pubblica il numero delle richieste d’intercettazione per richiedente senza altre informazioni aggiuntive. L’Ufficio effettua anche ispezioni circa la corretta gestione dei dati giudiziari sia sotto il profilo della lawful interception che della data retention.

In Svizzera, il Servizio Sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (SPCT) esegue, su incarico delle autorità inquirenti, la sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni. In altre parole si procura, presso i fornitori di servizi di telecomunicazioni, i dati richiesti dalle autorità inquirenti nell’ambito delle loro indagini. La Confederazione, per il tramite del Servizio SCPT, indennizza i fornitori di servizi di telecomunicazione per gli oneri sopportati per intercettare i dati richiesti. Queste spese sono fatturate alle autorità inquirenti sotto forma di emolumenti. Le rispettive tariffe sono fissate nell’ordinanza sugli emolumenti e le indennità per la sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni. All’occorrenza, il Servizio SCPT fornisce consulenza tecnica e giuridica ai fornitori di servizi di telecomunicazione e alle autorità inquirenti, coopera con molte autorità concedenti e di sorveglianza nazionali e internazionali. Questi scambi permettono al Servizio SCPT, da un lato, di restare al passo con gli sviluppi tecnici; dall’altro, di partecipare attivamente alla definizione degli standard dell’ETSI. Il Servizio pubblica annualmente i numeri relativi alla “sorveglianza in tempo reale” e alla “sorveglianza retroattiva”, cioè i dati relativi al traffico e alla fatturazione dei sei mesi precedenti, e il totale delle indennità e degli emolumenti.

 

3.     Le statistiche relative alle intercettazioni in Italia
Iniziamo sinteticamente con il dire che, rispetto ai casi prima esaminati, l’Italia presenta poco o nessuna organizzazione interna circa l’analisi qualitativa delle intercettazioni, intese come strumento tecnico, e non ha un riferimento nazionale che abbia poteri esecutivi di indirizzamento e di verifica sia per l’Autorità Giudiziaria sia per gli Operatori di telecomunicazioni in merito agli adempimenti da attuare sulle apparecchiature dedicate e utilizzate allo scopo. L’Italia si affida esclusivamente all’applicazione del proprio Codice di procedura penale, sotto il profilo procedurale appunto, e alle preziose indicazioni tecniche del Garante della privacy, che andrebbero tuttavia declinate in modo uniforme, mettendo ancora di più in risalto la sua particolare caratteristica nota a livello europeo circa l’elevato numero di intercettazioni a cui legittimamente si ricorre per i reati previsti. Sorprende quindi notare come ancora oggi l’intero Sistema si sorregga su uno strumento che, a differenza degli altri paesi europei ed extra UE, non abbia una propria definizione e sia ancora da regolamentare sotto il profilo tecnico che è alla base di quello legislativo.

L’attuale codice delle comunicazioni (Dlgs 1° agosto 2003, n. 259) ben tredici anni fa aveva già previsto un Repertorio nel quale sarebbero stati stabiliti le modalità di esecuzione tecnica delle operazioni d’intercettazione, gli obblighi specifici e le relative tempistiche, un repertorio o regolatorio che avrebbe uniformato alla base il mercato interno che recentemente è stato giudicato negativamente dalla Commissione Europea che, il 21 giugno 2012, ha inviato una lettera di messa in mora per violazione della direttiva 2004/18/CE contestando l’assoluta assenza di un procedimento ad evidenza pubblica europea per l’acquisizione e il noleggio di tali strumentazioni da parte delle Procure. Questa situazione è stata poi descritta anche dal cd. rapporto Giarda “Elementi per una revisione della spesa pubblica”, presentato dal Ministro per i Rapporti con il Parlamento al Consiglio dei ministri il 30 aprile 2012. Come risposta alla procedura d’infrazione, nel 2013 il Ministro della Giustizia ha emanato la direttiva per la gara unica nazionale sulle intercettazioni. Sul sito web del Ministero si leggeva “La gara unica, senza incidere su quantità e qualità delle intercettazioni, consentirà notevolissimi risparmi di spesa ed un recupero di risorse umane presso gli uffici giudiziari, oltre ad un miglioramento, anche tecnologico, dei livelli qualitativi del servizio. La direttiva conclude un percorso di razionalizzazione nella materia, frutto di un costante monitoraggio di tale rilevante voce di spesa e si aggiunge, inoltre, ai risparmi derivanti dal pagamento forfettizzato dei compensi spettanti agli operatori di telefonia.” La direttiva, rimasta ad oggi inattuata, prevedeva un allegato tecnico che avrebbe sostituito il repertorio previsto dal Codice delle Comunicazioni e il listino delle prestazioni obbligatorie (Legge di stabilità n. 288 del 24 dicembre 2012).

 

    3.1.     Il ruolo della DG-Stat
La Direzione Generale di statistica e analisi organizzativa (DG-Stat) è stata istituita presso il Ministero della giustizia con decreto del Presidente della Repubblica nel 2001. È collocata presso il Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi (DOG) e fa parte del Sistema Statistico Nazionale (SISTAN). Al fine di adempiere alle più recenti direttive europee in materie di statistiche pubbliche, la DG-Stat ha creato un sito web (https://webstat.giustizia.it) appositamente dedicato alle statistiche giudiziarie. Le sue attività riguardano la diffusione dei flussi di procedimenti civili, distinti per Ufficio e per macro-materia; il monitoraggio statistico dei procedimenti di mediazione trattati presso gli Organismi abilitati; il monitoraggio degli indicatori di performance degli uffici giudiziari; la rilevazione della durata dei procedimenti, sia civili che penali.
Relativamente alle intercettazioni eseguite in Italia, la Direzione Generale di Statistica ha avviato un monitoraggio statistico periodico a partire dal 2003, anche se solo negli ultimi anni c’è stata la diffusione sul territorio nazionale dei sistemi informativi automatizzati atti allo scopo (rif. https://webstat.giustizia.it/Analisi%20e%20ricerche/DG-Stat%20Rapporto%20su%20Intercettazioni%20fino%20al%202013.pdf).
 

 

   3.2.     Modalità di rilevazione dei dati statistici da parte della DG-Stat
La DG-Stat ha precisato alla Redazione di rivista (email dell’8 giugno 2016) che i dati sulle intercettazioni sono raccolti dalla Direzione attraverso due modelli di rilevazione:
– Mod. 37INT per la rilevazione dei dati sulle intercettazioni (numero di richieste del PM, numero dei provvedimenti emessi dal giudice, decreti di autorizzazione e bersagli intercettati) con periodicità trimestrale;
– Mod. 1/A/SG per la rilevazione dei dati sui costi (importi di fatture per le quali il magistrato ha emesso decreto di liquidazione) con periodicità semestrale.
La fonte dei dati inseriti nei modelli statistici è rappresentata dagli omonimi registri ufficiali tenuti dagli uffici giudiziari che ne hanno la responsabilità. La trasmissione dei dati da parte degli uffici avviene online attraverso l’inserimento di dati aggregati in apposite griglie pubblicate sul sito intranet della DG-Stat.

Le tempistiche per l’inserimento dei dati vengono comunicate dalla stessa DG-Stat. Secondo la circolare “Istruzioni di compilazione. Modello di Giustizia Nep. Modello Spese di Giustizia Unep”, i dati relativi alle spese di giustizia devono essere raccolti dagli Uffici entro e non oltre il 15° giorno successivo la scadenza del semestre cui si riferiscono i dati. Secondo la circolare “Rilevazioni dati intercettazioni – Modello 37INT” del 3 aprile 2003 i dati del modello cartaceo devono essere inseriti telematicamente entro il 10° giorno successivo il rispettivo trimestre. Secondo la DG-Stat il procedimento di elaborazione, al pari di molte statistiche da fonte amministrativa, richiede alcuni mesi. Ci viene precisato, al contempo, che la disponibilità alla pubblicazione delle statistiche non potrebbe avvenire prima di 3 o 4 mesi.
Nella realtà, il ritardo con il quale i dati vengono pubblicati supera abbondantemente l’anno, considerando che allo stato in cui questo approfondimento viene scritto (settembre 2016) sul sito della DG-Stat sono disponibili i dati statistici relativi al 2014 (https://reportistica.dgstat.giustizia.it/ – sezione “Altre statistiche”). Tuttavia, nell’ambito degli interventi di spending review (DL n. 98 del 2011, art. 37, co. 16) è previsto che, a decorrere dall’anno 2012, il Ministro della giustizia presenti alle Camere, entro il mese di giugno, una relazione sullo stato delle spese di giustizia. In tale contesto si ha finalmente conoscenza delle statistiche aggiornate e relative al nostro paese.

 

    3.3.     Modalità di comunicazione dei dati statistici da parte delle Procure
I dati statistici riferiti alle intercettazioni vengono quindi inseriti nel portale della DG-Stat mediante la compilazione di maschere contenute all’interno dello stesso sito. Effettuato l’accesso nell’area riservata agli Uffici Giudiziari, i modelli prima descritti vengono compilati nelle diverse sezioni di cui eventualmente si compongono:

 1) Mod 37/INT a sua volta suddiviso in più sezioni:
– nella Sezione A – Provvedimenti – sono inseriti appunto le varie tipologie di provvedimenti (richieste di intercettazione in via ordinaria, decreti d’urgenza, decreti di convalida, richieste e decreti di proroga, ecc);
– nella Sez. B – Tipologia intercettazione – sono inseriti i vari tipi di intercettazioni: telefoniche, (comprensive di IMEI), tra presenti (ambientali) e altre (telematiche, informatiche, ecc). Vi è anche una suddivisione tra il numero dei decreti del PM che dispongono le intercettazioni (RIT) e il numero di bersagli (ambientali e telefoniche). In alcune Procure il RIT corrisponde al singolo bersaglio, in altre un RIT può contenere più bersagli;
– nella Sez. C sono indicati i costi, ma nella realtà l’ufficio liquidazione inserisce autonomamente i dati completi nella maschera Mod. 1/A/SG che vengono estratti dal SIAMM (portale delle liquidazioni);
nella Sez. D – Intercettazioni preventive – anche qui vi è una suddivisione tra RIT e bersagli (le intercettazioni preventive sono usate quasi esclusivamente per i reati di terrorismo).

Il modello 37/INT viene compilato dall’Ufficio CIT di ogni Procura, a mezzo dei dati estratti dal registro intercettazioni, con cadenza trimestrale.

2) Mod. 1/A/SG dove insieme alle varie tipologie di spese sostenute per consulenze, viaggi ed altro trovano collocazione al punto 1.3 – le spese straordinarie nel processo penale per intercettazioni.
Gli inserimenti delle spese di intercettazioni avvengono rispettando varie categorie precompilate:
– per il traffico intercettazioni telefoniche,
– per noleggio apparecchiature intercettazioni telefoniche,
– per traffico intercettazioni ambientali,
– per noleggio apparecchiature intercettazioni ambientali,
– per intercettazioni informatiche,
– per acquisizione tabulati (ormai non più in uso in quanto acquisiti in forma gratuita)
– per videosorveglianza e localizzazione,

Il modello 1/A/SG è compilato dall’Ufficio Liquidazioni di ogni Procura a mezzo dei dati estratti dal portale delle liquidazioni, SIAMM, con cadenza semestrale (sul SIAMM vedi “Fatturazione e spese di giustizia” di F. Baldoni, su questa rivista n. I/MMXV).

 

    3.4.     Considerazioni sui dati raccolti
Per come sono organizzati i due modelli sopra richiamati, occorre porre in evidenza alcune importanti considerazioni.
I provvedimenti inseriti nelle sezioni A, B e D del Mod 37/INT si riferiscono ai sopravvenuti, cioè ai RIT e ai bersagli presi in carico nel trimestre di riferimento e non alle reali pendenze.
Le spese delle intercettazioni inserite nel Mod 1/A/SG, nella realtà, non sono relative ai provvedimenti indicati nello stesso periodo temporale nel Mod.37/INT ma fanno riferimento al momento della liquidazione quindi a provvedimenti di anni precedenti visto l’arretrato che vige in molti Uffici Giudiziari.
In nessun modulo utilizzato è rilevato il tempo di esecuzione o di durata delle intercettazioni, semmai distinguendo anche la durata dell’eventuale proroga.
In merito alle spese di intercettazione inserite nel Mod.1/A/SG del DG-Stat, nelle attività rientrano anche quelle effettuate per le c.d. operazioni speciali (Videosorveglianze, localizzatori GPS, ecc), di contro nel Mod 37/INT il numero dei provvedimenti per questo tipo di operazioni non trova collocazione.
Sarebbe utile, così come avviene già in alcuni uffici di Procura della Repubblica, istituire il Registro Operazioni Speciali (R.O.S.) all’interno del registro intercettazioni, dove già trovano ubicazione i R.I.T. (Registri di InTercettazione), al fine di estrapolare il numero dei provvedimenti relativi alle videosorveglianze e ai localizzatori da inserire successivamente nel Mod 37/INT del DGSTAT. Ciò permetterebbe anche di monitorare queste operazioni, il cui costo è spesso rilevante per l’Erario.

 

4.     Valori degli ultimi dati statistici disponibili
Sul sito della DG-Stat gli ultimi dati statistici disponibili (settembre 2016, ndr) si riferiscono all’anno 2014 e le analisi poco si discostano da quelle pubblicate dallo stesso Ufficio con riferimento all’anno 2013 (Rif. “Giustizia Penale, Intercettazioni di conservazioni e comunicazioni: rapporto statistico anno 2013” disponibile al link https://webstat.giustizia.it/Analisi%20e%20ricerche/DG-Stat%20Rapporto%20su%20Intercettazioni%20fino%20al%202013.pdf).

Secondo il documento pubblicato la distribuzione percentuale dei bersagli per tipologia di intercettazione mostra una netta prevalenza di quelle telefoniche rispetto alle ambientali e alle telematiche.
La distribuzione territoriale dei bersagli intercettati nel 2013 mostra che nel sud e nelle isole si fa maggior uso delle intercettazioni ambientali rispetto al centro – nord, in cui si prediligono le telefoniche. I primi 5 distretti in graduatoria sono Napoli, Roma, Milano, Palermo, Reggio Calabria e intercettano oltre il 50% dei bersagli totali.

 

    4.1.     Osservazioni
L’osservazione più immediata è che la durata effettiva delle intercettazioni e delle relative proroghe non è monitorata a livello centrale. Questo mina subito tutte le eventuali considerazioni in termini di costi assoluti e di costi medi relativi alle intercettazioni. Troviamo anche imbarazzante che nel documento della DG-Stat si ammetta questo limite ““Non conoscendo la durata effettiva di ciascuna intercettazione, le durate medie sono state stimate attraverso un indicatore calcolato sulla base del numero di decreti di autorizzazione e di successive proroghe. La durata media totale è stata calcolata come media ponderata della durata delle intercettazioni ordinarie, che hanno un termine fissato per legge in 15 giorni e possono essere prorogate per periodi di 15 giorni, e della durata media delle intercettazioni riguardanti la criminalità organizzata (mafia e terrorismo), il cui termine è fissato per legge in 40 giorni e le cui proroghe sono di 20 giorni.”

Come diretta conseguenza si rileva, quindi, che le statistiche non servono a comprendere se effettivamente sia coerente il tema che ricorre spesso sugli organi di stampa quotidiana circa una presunta differenziazione dei costi a livello locale per singola intercettazione: “Non conoscendo il costo unitario di ogni bersaglio, si è provveduto a stimarlo come rapporto tra gli importi liquidati ed i bersagli intercettati nell’anno, ipotizzando che la liquidazione avvenga mediamente nello stesso anno dell’intercettazione.” Ricordiamo che nel precedente paragrafo è stato fatto presente come le spese delle intercettazioni (inserite nel Mod 1/A/SG) non sono relative ai provvedimenti indicati nello stesso periodo temporale (del Mod.37/INT), la conseguente rappresentazione storica dei costi per anni solari non è coerente alla realtà.

L’intercettazione telefonica è la tipologia di intercettazioni maggiormente realizzata, quasi 9 su 10. Stupisce questa particolarità considerando che il traffico sviluppato da un’utenza in media coinvolge non poco, e in molti casi in modo predominante, il traffico dati cioè la navigazione su Internet, l’utilizzo dei social networks, le email. A differenza di quanto accade negli USA, non vengono rilevati casi di connessioni cifrate quindi il dato statistico non aiuta a comprendere come mai non si esegue l’intercettazione su un utenza in modo completo, ovvero considerando ogni tipologia di comunicazione che può essere fatta dalla stesso terminale mobile.
Quello che non si può escludere è che, essendo le intercettazioni telefoniche e telematiche nate in momenti storici distinti e aventi caratteristiche tecniche differenti, l’architettura implementata dagli Operatori telefonici possa influenzare quest’attività dal punto di vista dei costi. Non c’è una modalità comune di intercettazione richiesta dalla legislazione nazionale, che ad esempio potrebbe imporre gli standard ETSI come riferimento agli Operatori. Le intercettazioni telefoniche sono nate per prime, poi sono arrivate quelle telematiche, la cui realizzazione è più complicata e per questo il loro prezzo complessivo (compreso del noleggio degli apparati) può essere più alto. Nei primi anni in cui venivano realizzate, le strutture degli Operatori telefonici potevano non essere ancora predisposte per una gestione centralizzata; in questi casi le Procure sostenevano, per il singolo caso d’interesse, anche i costi dovuti ad attività di predisposizione presso gli stessi Operatori.

In merito alla distribuzione dei costi sostenuti nei vari distretti per le attività di intercettazione, la grande difformità rilevata non può essere giustificata dai diversi listini applicati nei vari Uffici Giudiziari (specie ovviamente per le intercettazioni ambientali e telematiche), ma è dovuta alla durata delle stesse.
Nella Procura di Reggio Calabria, dove il Centro intercettazioni (CIT) è unico e suddiviso in tre settori geografici, durante l’anno solare il Procuratore della Repubblica effettua più volte un controllo su tutte le intercettazioni la cui durata si protrae nel tempo. Ebbene il settore dove insistono procedimenti particolari, ad esempio per la cattura dei latitanti, presenta le intercettazioni ovviamente più longeve; amplificando il tutto a livello nazionale, le differenze tra i vari Distretti sono dovute in particolar modo alla maggiore presenze locali di reati per criminalità organizzata.

 

   4.2.     Le statistiche del 2012 analizzate dall’Eurispes
Il riferimento per l’analisi delle statistiche sulle intercettazioni in Italia rimane la DG-Stat, seppur l’associazione ELISS (Experts of Lawful Interception and Security Standards), nata nel 2005, offra un supporto gratuito alle istituzioni per affrontare tematiche relative alle intercettazioni legali, ai tabulati di traffico storico, alla Sicurezza delle reti di telecomunicazioni e dei sistemi informativi deputati al trattamento e alla conservazione dei dati per finalità di giustizia. Ispirata al modello di cooperazione tra istituzioni e professionisti del settore così come accade in tanti altri paesi industrializzati, come associazione ELISS non è mai stata interpellata.
Unica eccezione nella diffusione delle analisi delle statistiche è rappresentata dal documento pubblicato nel 2012 dall’ Eurispes, istituto che offre consulenza alle amministrazioni locali e alle aziende pubbliche. L’analisi non si discosta molto dalle risultanze pubblicate dalla DG-Stat, se non nel punto in cui si precisa, relativamente alla nota metodologica, che i “bersagli” non sono singole utenze “ed è necessario tenere conto del fatto che ad ogni soggetto intercettato corrispondono mediamente 6 utenze”. Considerando che questa informazione non è rilevata dalle statistiche e che non viene citato alcun riferimento in proposito, si ritiene che l’affermazione circa un presunto rapporto 1 a 6 tra soggetto intercettato e utenze telefoniche associate (aggettivo di cui non viene riportata alcuna definizione) sia una valutazione propria dell’Istituto che non trova riscontro oggettivo.

Questo concetto di rapporto tra intercettato e utenze telefoniche purtroppo sarà poi ripreso anche dalla DG-Stat un anno dopo, poiché nel suo rapporto del 2013, prima richiamato, afferma che “Da informazioni raccolte presso alcune società di intercettazione, risulterebbe che in media sono intercettati 1,6 bersagli per persona”. Questo nuovo valore del rapporto tra intercettato e utenze, che cambia a distanza di un anno passando da 1:6 a 1:1,6, da una parte conferma l’assoluta inattendibilità del dato stesso e dall’altra crea una preoccupante percezione circa la fonte di questa informazione, eventualmente anche mal interpretata, che andrebbe verificata per quanto concerne almeno l’estensione del perimetro in cui effettuare una verifica di liceità del trattamento dei dati.

Tutto questo però inspira in modo involontario i lettori più attenti alla considerazione che se le statistiche fossero realizzate in modo più efficiente potrebbero fornire anche l’opportunità, non ancora sfruttata da altri paesi, circa la creazione di un modello comportamentale dell’intercettato – c.d. anche “modello di traffico” – distinto per reato d’indagine. Questo darebbe innegabili vantaggi anche nel contrasto al crimine organizzato.
Anche nelle conclusioni del documento dell’Eurispes viene auspicato “un intervento amministrativo volto alla definizione di criteri di sicurezza informatica e alla tracciabilità digitale delle singole intercettazioni”. Seppur queste conclusioni siano ampiamente condivisibili, appare del tutto slegato il rapporto tra la sfera amministrativa con quella prettamente tecnica relativa ai criteri di sicurezza informatica, e certamente non può essere indicato come aspetto di miglioramento la sola riorganizzazione del “Registro unico delle intercettazioni” o la definizione di un costo standard, dimenticando la propedeutica regolamentazione degli strumenti su cui le rilevazioni statistiche vengono effettuate.

 

5.     Conclusioni
Dall’avvento delle telecomunicazioni il settore delle intercettazioni in Italia non è stato mai regolamentato sotto il profilo tecnico. Nel confronto con gli altri paesi, soprattutto con quelli a noi più simili in Europa, l’Italia soffre anche della mancanza di una figura di riferimento nel settore che possa governare le inevitabili e continue trasformazioni a cui le telecomunicazioni ci hanno abituato, sotto tutti i profili: legale, regolatorio, economico e tecnico. Questa mancanza non è addebitabile al solo profilo economico, dato che siamo in tempi di spending review, poiché esistono esempi virtuosi all’estero di governament a basso costo, al limite anche a costo zero visto che tutti i soggetti economici coinvolti potrebbero contribuire avendo necessità di indicazioni chiare e uniformi. Ad esempio pensiamo ad un soggetto economico straniero, come un Operatore di telecomunicazioni, che vorrebbe investire nel nostro Paese: potrebbe essere seriamente dissuaso dal farlo perché avrebbe molti problemi nel comprendere quali adeguamenti effettuare per garantire le prestazioni obbligatorie verso le Autorità giudiziarie e così ottenere le necessarie licenze. Sarebbe molto più semplice per gli investitori stranieri pagare un servizio istituzionale che lo accompagni in tutto il processo di adeguamento.

La situazione italiana non poteva non essere notata dalla Commissione Europea, la quale è intervenuta con una lettera di messa in mora verso l’Italia sul fronte degli appalti dei servizi di intercettazione. Il legislatore nazionale ha reagito annunciando che avrebbe istituito una “gara unica nazionale”, ma nessun intervento concreto è stato poi realizzato. A questo si aggiunge che tutte le riforme annunciate per questo settore si sono affidate nel tempo a rilevamenti statistici che presentano molte criticità: la durata effettiva delle intercettazioni e delle relative proroghe non è monitorata a livello centrale; le spese delle intercettazioni (inserite nel Mod 1/A/SG) non sono relative ai provvedimenti indicati nello stesso periodo temporale (del Mod.37/INT), quindi la conseguente rappresentazione storica dei costi per anni solari non è coerente alla realtà. Le statistiche non possono essere utilizzate a tale scopo e non si comprende come l’annunciata riforma economica del settore possa essere giustificata come “frutto di un costante monitoraggio di tale rilevante voce di spesa”.

Si auspica, in definitiva, che il legislatore si appresti finalmente a riformare il settore delle intercettazioni in Italia in modo concreto, con un intervento duraturo, affidandoci una struttura che possa gestire anche i cambiamenti tecnologici che caratterizzano il settore. Occorrerà prima regolamentare le intercettazioni dal punto di vista tecnico, economico, senza farsi distrarsi dalle ultime novità come il trojan di Stato, che rientra di diritto nel settore ma che ne rappresenta solo un’appendice. Tutto questo senza dimenticare che prima di ogni buona riforma occorre avere chiaro il reale status quo, che solo statistiche ben fatte possono trasmettere. ©

 


Altri articoli di Giovanni Nazzaro

OBBLIGO DI INTERCETTAZIONE A STANDARD ETSI, NUOVE VOCI DI LISTINO PER LE PRESTAZIONI OBBLIGATORIE E TAVOLO TECNICO PERMANENTE PER IL LORO MONITORAGGIO
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVIII)
Ministero della Giustizia - Decreto 28 dicembre 2017. Disposizione di riordino delle spese per le prestazioni obbligatorie di cui all’art. 96 del d.lgs. n. 259 del 2003 - Pubblicato su: G.U. n. 33 del 09/02/2018
La privacy in ambito penale. Ecco il nuovo Statuto
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVIII)
Con il decreto legislativo 18 maggio 2018, n. 51 anche l’Italia ha recepito la direttiva (UE) 2016/680 del 27 aprile 2016 relativa al trattamento dei dati in ambito penale.
LAWFUL INTERCEPTION OF EMAIL SERVICES ACCORDING TO ETSI
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVIII)
Legge n. 103 del 2017, art. 1 comma 8. La legge n. 103 del 2017 è entrata in vigore il 3 agosto 2017 ed ha delegato il Governo ad adottare decreti legislativi per riformare la disciplina delle intercettazioni. L’Art. 1 comma 88 ha previsto che entro il 31 dicembre 2017 fosse emanato il decreto interministeriale che apportasse una revisione alle voci di listino, da corrispondere agli operatori di telecomunicazioni, in precedenza delineate dal decreto del Ministro delle comunicazioni del 26 aprile 2001. Alla data di uscita del presente numero di rivista il decreto interministeriale non è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, quindi si ipotizza che lo stesso sia stato emanato ma in forma secretata. In tale ipotesi, assumiamo anche che le nuove voci di listino si siano ispirate alle funzionalità tecniche definite dalle organizzazioni internazionali come ETSI, così come accade ormai già da molto tempo negli altri paesi europei. In accordo a queste ipotesi, oggi in Italia l’adozione degli standards ETSI per ogni tecnologia di comunicazione sarebbe obbligatoria, al pari dell’applicazione delle nuovi voci di listino. Vediamo quindi un esempio di adozione degli standards ETSI applicato alle comunicazioni email.
Il 2018 all’insegna della Security e delle (immancabili) Intercettazioni, per effetto della riforma sulla Privacy
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVIII)
Il 2018 sarà l’anno in cui si sommeranno i nuovi adempimenti regolamentari in tema di Privacy e Security.
INTRODUZIONE AI TEMI DELLA LIA, TERZA EDIZIONE
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXVII)
Atti della Lawful Interception Academy edizione 2017. La Lawful Interception Academy ha raggiunto lo straordinario risultato delle oltre 1.000 persone formate, durante le prime tre edizioni, sui temi multidisciplinari afferenti alle intercettazioni delle comunicazioni. L’edizione 2017 della LIA si è svolta dall’ 8 al 10 novembre ed è stata ospitata dalla Direzione Centrale Anticrimine (DAC) della Polizia di Stato a Roma.
La riforma sulle intercettazioni, in sintesi
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXVII)
Un riforma criticata non tanto per i suoi contenuti, benché non abbia accontentato in modo completo tutti i principali soggetti coinvolti, quanto per i tempi di approvazione.
Il sempre più difficile equilibrio tra Privacy e Sicurezza nazionale
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXVII)
Il Regno Unito, la Germania e l’Australia hanno recentemente avviato la revisione della propria legge nazionale sul tema.
LA RIFORMA DELLE INTERCETTAZIONI TRA CRITICITÀ E UNA PLURALITÀ DI DECRETI ATTUATIVI
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVII)
Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario. Esamiamo gli aspetti pratici della riforma, considerando le intercettazioni come strumento investigativo bisognoso di regole tecniche di regolamentazione, in prospettiva anche del nuovo Regolamento EU privacy e della continua evoluzione delle telecomunicazioni.
Il futuro della contestata Section 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (FISA)
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVII)
Il 26 maggio 2017 le 30 principali aziende di servizi elettronici americane e del mondo hanno scritto una lettera a Bob Goodlatte.
SUPERAMENTO DELL’ISTITUTO DELLA ROGATORIA PER LE INTERCETTAZIONI: CRITICITÀ SULLO SCHEMA DI DLGS
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVII)
Schema di decreto legislativo recante norme di attuazione della direttiva 2014/41/UE relativa all’ordine europeo di indagine penale - Atto del Governo n. 405 del 21 marzo 2017.
The national legislation must make provision for a data retention within the same State
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVII)
The Russian law No. 242-FZ seems to have something in common with the judgment of CJEU in cases C-203/15 and C-698/15.
ANNOTAZIONE IN REGISTRI INFORMATICI DELLE OPERAZIONI DI INTERCETTAZIONE
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXVI)
Garante della Privacy - Provvedimento in materia di misure di sicurezza nelle attività di intercettazione da parte delle Procure della Repubblica - 18 luglio 2013 La moderna pervasività dei sistemi informatici impone maggiore rigore nel rispetto della privacy, affinché il dato che essi trattano venga correttamente gestito e trasformato in informazione. L’attenzione posta nel trattamento dei nostri dati dovrebbe essere commisurata al grado di importanza del dato stesso. La più alta attenzione deve essere quindi posta ai dati giudiziari. Qualunque sia stato il metodo di accettazione delle condizioni di trattamento del dato, esiste un modo per noi per comprendere se effettivamente le regole vengano rispettate? La risposta è Si e viene fornita dall’altrettanto moderno concetto di “Audit”.
The next generation of location-based service
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXVI)
Galileo satellite system promises to deliver more precise data than GPS. This does not seem to be enough, Google aims to analyze raw location reports received from more devices.
BLACKBERRY: INTERCETTABILITÀ DEI SERVIZI (II PARTE)
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXVI)
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, sentenza n. 50452 del 10 novembre 2015 e depositata il 23 dicembre 2015.Nel precedente numero: 1. Introduzione, 2. Identificativi dell’utente BlackBerry, 3. I servizi di messagistica del BlackBerry, 3.1 PIN-2-PIN Messaging. 3.2 BlackBerry Messenger, 4. I servizi BIS e BES, 4.1. I servizi BIS (Blackberry Internet Solution), 4.2 I servizi BES (Blackberry Enterprise Solution). In questo numero: 5. Cifratura delle comunicazioni, 5.1 BBM Protected, 6. La sentenza n. 50452/2015 della Corte di Cassazione, 6.1 Intercettazioni delle utenze straniere in roaming, 6.2 Intercettazione delle comunicazioni caratteristiche del Blackberry, 7. Conclusioni.
Looking for the best period of Data Retention
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXVI)
In some European States where data retention regimes are in place, capital and operational costs incurred in compliance are reimbursed by the government.
BLACKBERRY: INTERCETTABILITÀ DEI SERVIZI (I PARTE)
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVI)
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, sentenza n. 50452 del 10 novembre 2015 e depositata il 23 dicembre 2015. In questo numero: 1. Introduzione, 2. Identificativi dell’utente BlackBerry, 3. I servizi di messagistica del BlackBerry, 3.1 PIN-2-PIN Messaging. 3.2 BlackBerry Messenger, 4. I servizi BIS e BES, 4.1. I servizi BIS (Blackberry Internet Solution), 4.2 I servizi BES (Blackberry Enterprise Solution). Nel prossimo numero: 5. Cifratura delle comunicazioni, 5.1 BBM Protected, 6. La sentenza n. 50452/2015 della Corte di Cassazione, 6.1 Intercettazioni delle utenze straniere in roaming, 6.2 Intercettazione delle comunicazioni caratteristiche del Blackberry, 7. Conclusioni.
Attendibilità delle statistiche sulle intercettazioni
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVI)
Il DL n. 98 del 2011, art. 37, co. 16) prevede dal 2012 che il Ministro della giustizia presenti alle Camere, entro il mese di giugno, una relazione sullo stato delle spese di giustizia.
LAWFUL INTERCEPTION ACADEMY REPORT 2015
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVI)
Pubblicato il Lawful Interception Academy (LIA) Report 2015 in formato ebook gratuito. Anche la II edizione della LIA ha mostrato numeri in aumento, come i frequentatori (distinti) che sono stati 428 nell’arco dei 5 giorni previsti. Il 66% ha ritenuto di aver ricevuto utili strumenti per le proprie attività professionali. L’89% ha espresso un alto interesse per i temi trattati nella LIA.
The need for encryption grows
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVI)
Le nuove tecniche di comunicazione utilizzano proprie modalità di trasmissione e di trattamento delle informazioni, in un mondo sempre più telematico. Quali che siano le modalità utilizzate per comunicare, tutte hanno in comune lo strumento che conserva tracce digitali: pensiamo al computer o al cellulare ormai sempre con noi. L’attenzione si sposta verso un problema di più semplice gestione, solo apparentemente.
Le startup innovative
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXV)
Le startup innovative godono di un regime fiscale agevolato, a patto che soddisfino le caratteristiche elencate dal decreto-legge 179/2012, art. 25 commi da b)a g). A questi requisiti se ne aggiungono altri tre (art. 25 comma h) di cui se ne deve possedere almeno uno. Altri incentivi sono il “Fondo a favore di startup innovative”, che ha concesso quasi 156 milioni di euro di garanzie, il progetto SmartStart e l’equity crowdfunding che non ha ancora trovato la via per un significativo sviluppo. La II edizione del rapporto del MiSE si focalizza sulle dinamiche “demografiche” delle startup innovative.
ULTERIORE DIFFERIMENTO IN MATERIA DI MISURE DI SICUREZZA NELLE ATTIVITÀ DI INTERCETTAZIONI
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXV)
Garante della privacy - Deliberazione del 25 giugno 2015. Ulteriore differimento dei termini di adempimento delle prescrizioni di cui al provvedimento del 18 luglio 2013, in materia di misure di sicurezza nelle attività di intercettazione da parte delle Procure della Repubblica.
La difficile vita dell’agente … “captatore”
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXV)
Con la recente sentenza della cassazione n. 27100/ 2015 si è riaperto il dibattito sull’utilizzabilità dell’agente “captatore” che, il 5 luglio, ha acquisito una dimensione mondiale a causa del caso “Hacking Team”. Il problema delle garanzie delle attività svolte da una simile attività sul dispositivo target (computer, tablet o smartphone) erano già conosciute, anche attraverso il rapporto “CALEA II: Risks of Wiretap Modifications to Endpoints” del 2013, con cui 19 esperti mondiali di comunicazioni avevano evidenziato che, di contro, si sarebbe reso più facile il lavoro dei cyber-criminali.
Il suolo “mangiato”
di Giovanni Nazzaro (n.II_MMXV)
Il consumo di suolo in Italia continua a crescere in modo significativo: tra il 2008 e il 2013 il fenomeno ha riguardato mediamente 55 ettari al giorno, con una velocità compresa tra i 6 e i 7 metri quadrati di territorio che, nell’ultimo periodo, sono stati irreversibilmente persi ogni secondo.
La solita raccomandazione
di Giovanni Nazzaro (n.I_MMXV)
Censis - rapporto pubblicato il 19 marzo dal titolo “La composizione sociale dopo la crisi - Protagonisti ed esclusi della ripresa”. Per accelerare una pratica, ottenere un permesso o per altre ragioni di rapporto con la Pa, 4,2 milioni di italiani sono ricorsi ad una raccomandazione, all’aiuto di un parente, amico, conoscente; circa 800.000 italiani hanno fatto qualche tipo di regalo a dirigenti, dipendenti pubblici.
Il lavoro potenzialmente utilizzabile o sottoutilizzato
di Giovanni Nazzaro (n.IV_MMXIV)
Il 17 dicembre 2014 è stato pubblicato il rapporto di monitoraggio sul mercato del lavoro dell’ISFOL, alla sua quarta edizione, da cui spicca la figura del lavoratore con forte potenziale non utilizzato che possiamo identificare in colui che potenzialmente è disponibile a lavorare ma non intraprende azioni di ricerca attiva. Se si includesse nel calcolo del tasso di disoccupazione anche la forza lavoro potenziale, l’indicatore in Italia raggiungerebbe il 22%.
LE PARTICOLARITÀ DELL’INTERCETTAZIONE DEGLI SMS
di Giovanni Nazzaro (n.III_MMXIV)
È del mese di agosto la notizia che WhatsAPP gestisce la comunicazione di 600 milioni di utenti al mese. Gli SMS inviati tramite la rete tradizionale mobile GSM o UMTS sono nettamente diminuiti ma non sono scomparsi. Analizziamo le particolarità dell’intercettazione degli SMS.
Nasce la “Lawful Interception Academy”
di Giovanni Nazzaro (n.III_MMXIV)
La prima edizione della “Lawful Interception Academy” si terrà dal 17 al 21 novembre di quest’anno a Roma presso la scuola “Giovanni Falcone” della Polizia Penitenziaria. Inizialmente pensata come espressione tangibile del confronto intellettuale espresso in precedenza su questa Rivista, è stata poi ridisegnata in forma di seminario e poi di scuola, a vantaggio del lettore che si è “evoluto” in ascoltatore prima ed infine in “discente”.
LE PRESTAZIONI OBBLIGATORIE PER L’AUTORITÀ GIUDIZIARIA COME DISCIPLINA DI STUDIO
di Giovanni Nazzaro (n.II_MMXIV)
Il tema delle “prestazioni obbligatorie” per gli operatori di telecomunicazioni verso l’Autorità Giudiziaria è poco riconosciuto in Italia se confrontato con altri come l’antifrode o la sicurezza informatica o la sicurezza cibernetica, eppure come questi gode di una naturale autonomia in termini di competenza, al punto che non è sbagliato riferirsi ad esso come disciplina autonoma.
WIFI OFFLOAD OF MOBILE DATA: L’INTERCETTAZIONE DELLE COMUNICAZIONI DI RETE MOBILE CON ACCESSO WIFI
di Armando Frallicciardi e Giovanni Nazzaro (n.II_MMXIV)
L’aumento del traffico dati può portare alla congestione delle risorse radio per l’accesso alle reti mobili cellulari. Per ovviare a tale problema gli operatori mobili possono ricorrere al “WiFi offloading” che richiede tuttavia una particolare attenzione sotto il profilo delle intercettazioni mobili richieste dall’AG.
EU’s Data Retention Directive declared invalid
di Giovanni Nazzaro (n.II_MMXIV)
La Corte di giustizia europea ha invalidato la direttiva sulla data retention: il legislatore dell’Unione ha ecceduto i limiti imposti dal rispetto del principio di proporzionalità in termini di idoneità della conservazione dati, necessità della conservazione, livello di ingerenza, controllo dell’accesso ai dati, periodo di conservazione.
Justice delayed is Justice denied
di Giovanni Nazzaro (n.I_MMXIV)
“Giustizia tardiva equivale a giustizia negata”. Il 17 marzo 2014 la Commissione europea ha pubblicato la seconda edizione del quadro di valutazione europeo della giustizia per promuovere la qualità, l’indipendenza e l’efficienza dei sistemi giudiziari nell’Unione europea. Tra il 2010 e il 2012 l’Italia è al primo posto per cause civili pendenti, ma il quadro di valutazione non presenta una graduatoria unica generale e non promuove un tipo particolare di sistema giudiziario.
CLASSIFICAZIONE DEGLI OPERATORI MOBILI VIRTUALI (MVNO) E PRESTAZIONI OBBLIGATORIE PER L’AUTORITÀ GIUDIZIARIA
di Giovanni Nazzaro (n.IV_MMXIII)
Dalle ultime osservazioni dell’Agcom è emerso che il numero di abbonati degli operatori virtuali non tende a fermarsi o a rallentare, raggiungendo oggi la non irrilevante cifra di 5,12 milioni. Gli operatori mobili virtuali sono soggetti all’articolato del Codice delle Comunicazioni al pari degli operatori tradizionali, con particolare riferimento all’art. 96 rubricato “Prestazioni Obbligatorie” per l’Autorità Giudiziaria.
Un’occasione mancata per rafforzare la 231
di Giovanni Nazzaro ( n.IV_MMXIII )
Il tema dei modelli organizzativi di gestione e controllo all’interno delle società, così come disposto dal d.lgs. 231/01, che ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento la responsabilità in sede penale degli enti, ha suscitato sin dalla sua emanazione indubbio interesse, ma anche preoccupazione.
Il mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche
di Giovanni Nazzaro ( n.III_MMXIII )
L’economia mondiale si sta trasformando in un’economia basata su internet e occorre riconoscere il ruolo delle TIC come elemento decisivo per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Questo in sostanza il fulcro del contesto di riferimento in cui si posizionerà il nuovo regolamento proposto l’11 settembre 2013 dalla Commissione Europea, per creare il mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche.
Il Rating di legalità
di Giovanni Nazzaro ( n.II_MMXIII )
“Rating della legalità” assegnato dall’Agcm: il 17 aprile 2013 quattro aziende italiane hanno ricevuto le prime “stelle” come risultato della valutazione.
COS’È LA RETE INTELLIGENTE NELLA TELEFONIA FISSA E MOBILE
di Armando Frallicciardi e Giovanni Nazzaro (N. I_MMXIII)
La Rete Intelligente (il cui acronimo è RI oppure IN da Intelligent Network) è l’architettura di rete standard descritta nelle raccomandazioni ITU-T della serie Q.1200, utilizzata dalle reti di telecomunicazioni sia fisse che mobili. La RI consente agli operatori di differenziarsi tra loro offrendo servizi a valore aggiunto che quindi si aggiungono ai servizi standard di telecomunicazioni come PSTN, ISDN e servizi GSM-UMTS sui telefoni cellulari.
Riflessioni sullo stato della regolamentazione delle intercettazioni legali in Italia
di Giovanni Nazzaro ( n.I_MMXIII )
È stata emanata la direttiva sulla Gara Unica delle intercettazioni, tuttavia, è opportuno ricordare che nel nostro Paese è assente una normativa di riferimento per l’esecuzione tecnica delle intercettazioni.
Regulatory status of lawful interception in Italy
by Giovanni Nazzaro ( n.I_MMXIII )
Once again we find ourselves discussing interceptions, a subject of great media impact, and once again we notice the lack of technical and legal prominence that is given. Although the code of criminal procedure in chapter IV, regulates interceptions as a means of finding proof, in terms of limits of admissibility, requirements and formalities for the measure, execution of operations once the interceptions have been made, it does not add anything about how this tool should be used. There is a lack of regulations about the efficiency and execution of interceptions.
MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DELLE AZIENDE DI TLC, PER RISPONDERE ALLE RICHIESTE DELL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA
di Giovanni Nazzaro (n.IV_MMXII)
La Funzione che nelle aziende di telecomunicazioni risponde alle richieste dell’A.G. ha un ruolo fondamentale. Esempio di organizzazione di tale Funzione in termini di composizione, competenze e attività.
I LISTINI DEGLI OPERATORI MOBILI AMERICANI PER LE RICHIESTE DELLE FORZE DELL’ORDINE
di Giovanni Nazzaro ( n.III_MMXII )
L’articolo del NYT del 1° aprile 2012 sulla presunta pratica di monitoraggio dei telefoni cellulari negli USA ha sollevato una serie di questioni giuridiche, costituzionali e di privacy, a tal punto che è intervenuto il deputato Edward John Markey, che si è rivolto a nove operatori americani di telefonia cellulare, chiedendo a ciascuno di rispondere a quesiti diretti sul rapporto con le forze dell’ordine e l’eventuale guadagno che ne deriverebbe.
IL NUOVO CENTRO DELLA PROCURA DI ROMA: LE INTERCETTAZIONI IN ITALIA FRA PASSATO E FUTURO
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXI)
Incontro con l’Ufficio Automazione della Procura di Roma per approfondire gli argomenti contenuti nella nota diffusa il 20 dicembre 2010 dal proc. agg. Pierfilippo Laviani, con la quale si informava che la Procura di Roma si era dotata di un sistema proprietario che le consentiva di gestire in autonomia le intercettazioni, risparmiando 1,8 milioni di euro all’anno in costi di noleggio dell’apparecchiatura necessaria.

 


Altri articoli di Tommaso De Giovanni

IL REGISTRO DELLE INTERCETTAZIONI: EVOLUZIONE STORICA E I RITARDI DELL’INFORMATIZZAZIONE
di Tommaso De Giovanni (N. II_MMXVII)
Il registro delle intercettazioni di conversazioni o comunicazioni (modello 37) è previsto dall’art. 267 comma 5 del codice di procedura penale. “In esso sono annotati, secondo un ordine, i decreti che dispongono, autorizzano, convalidano o prorogano le intercettazioni e, per ciascuna intercettazione, l’inizio e il termine delle operazioni” .