Sicurezza e Giustizia

DALLE PERSECUZIONI CONTRO I CRISTIANI AGLI EDITTI DI TOLLERANZA

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

di Faustino De Gregorio

La nascita e la formazione del sistema della Respublica Christiana è stata, sin dalle origini, caratterizzata da peculiari accadimenti che gli storici riconducono principalmente al tempo della dominazione romana, nella quale l’auctoritas traeva il suo riconoscimento dall’imperium popoli. L’Imperatore romano amava rappresentarsi come un dio in terra, secondo la visione orientale della sacralità propria di chi è chiamato a governare. I cristiani non accettavano di venerare l’Imperatore allo stesso modo del loro Dio, innescando così un meccanismo di tradimenti e sospetti da indurre Roma ad agire con le maniere forti sino al punto da dichiarare la religione che costoro professano come ‘illicita’.
Al termine delle persecuzioni contro la ‘setta’ dei cristiani, una nuova stagione viene formandosi lasciando ampio spazio al potere pubblico, che non disdegnava una qualche interferenza negli affari ecclesiastici così come l’esercizio del potere nei confronti di una parte della gerarchia.


 

 

La nascita e la formazione del sistema della Respublica Christiana è stata, sin dalle origini, caratterizzata da peculiari accadimenti che gli storici, ma non solo, riconducono principalmente al tempo della dominazione romana soprattutto in terra palestinese nonostante la ferma opposizione di alcune frange indigene che mal volentieri sopportavano l’idea di un potentato invasore. Diciamo subito che i cristiani della Palestina venivano perseguitati perché rifiutavano di venerare la figura dell’imperatore come fosse un dio ed anche perché non riconoscevano le divinità adorate dai romani: non a caso Pietro, il primo vescovo di Roma, fu crocefisso per questa ragione.

C’è da registrare quanto la cultura romana poggiasse la propria convinzione sull’idea che l’auctoritas traesse il suo riconoscimento dall’imperium popoli che, certamente escludeva ogni riferimento che potesse identificarsi con la supremazia di un dio che tutto può. Mentre basterà ricordare come, nella concezione medievale, prescindendo dall’ultimo riferimento appena annotato, quello cioè radicato nella struttura costituzionale romana, risulterà quasi impossibile, nell’immaginario collettivo del tempo, accettare che le cose accadessero casualmente o magari semplicemente perché il destino lo volesse, in quanto tutto era accettato e preordinato da un Dio e da Lui voluto.

Ecco perché, ad avviso dello scrivente, va inquadrata proprio in questa direzione la concezione secondo la quale i rapporti intercorrenti ed ordinati tra le strutture pubbliche ed ecclesiastiche nel governo della civitas Christiana non fossero il frutto di una mera casualità, quanto il risultato della sola volontà dell’Essere Supremo il quale doveva intendersi come il ‘garante’ Unico del sistema temporale. Ed allora, l’idea cristiana che gli uomini del tempo hanno di Dio si spinge oltre la convinzione che fosse solo il Creatore dell’universo bensì anche l’Ordinatore, il Legislatore e Giudice di tutta l’umanità.

C’è da dire, però, ritornando indietro nel tempo, che l’Imperatore romano ama rappresentarsi come un dio in terra, secondo la visione orientale della sacralità propria di chi è chiamato a governare per quanto, questa sacralità fosse in qualche modo slegata dall’investutura che gli tributava il popolo anche se, sottolineamo, si va facendo strada l’idea che fosse necessario anche il riconoscimento di una volontà divina che, dunque, gli conferisse proprio quella sacralità della quale si diceva. Tutto nasce dal fatto che i cristiani non accettano di venerare l’Imperatore allo stesso modo del loro Dio innescando un meccanismo di tradimenti e sospetti da indurre Roma ad agire con le maniere forti sino al punto da dichiarare la religione che costoro professano come ‘illicita’, con tutte le conseguenze che ne comportava. Da qui le persecuzioni contro quei cristiani che si ostinavano a professare il credo ‘bandito’ e, per di più, rifiutavano di adorare l’Imperatore romano ne più ne meno di un dio in terra.

 

…continua su EDICOLeA e sull’APP gratuita (iOSAndroid)


 

Altri articoli di Faustino De Gregorio

LA FAMIGLIA E LE NUOVE IDEOLOGIE COLONIZZATRICI
di Faustino De Gregorio (N. I_MMXVI)
Nel suo viaggio del 2015 nelle Filippine, l’ultimo giorno Papa Francesco ha incontrato le famiglie nel Palazzo dello sport ‘Mall of Asia Arena’ di Manila. In questa occasione ha esortato a “stare attenti alle nuove ideologie colonizzatrici. Esistono colonizzazioni ideologiche che cercano di distruggere la famiglia”. Il Papa ha continuato ricordando che “i pesi che gravano sulla vita della famiglia oggi sono molti. Qui nelle Filippine, innumerevoli famiglie soffrono ancora le conseguenze dei disastri naturali. La situazione economica ha provocato la frammentazione delle famiglie con l’emigrazione e la ricerca di un impiego, inoltre problemi finanziari assillano molti focolari domestici. Mentre fin troppe persone vivono in estrema povertà, altri vengono catturati dal materialismo e da stili di vita che annullano la vita familiare e le più fondamentali esigenze della morale cristiana. Queste sono le ideologie colonizzatrici”. “Quando le famiglie mettono al mondo i bambini, li educano alla fede e ai sani valori e insegnano loro a contribuire al bene della società, diventano una benedizione per il mondo. Le famiglie possono diventare una benedizione per il mondo”.
PRIME NOTE IN MATERIA DI ESENZIONE ICI PER GLI ISTITUTI RELIGIOSI
di Faustino De Gregorio (N. III_MMXV)
Corte di Cassazione, Sezione V Civile, sentenze n. 14225 e 14226 del 20 maggio 2015 e depositate l’8 luglio 2015. Le sentenze della Suprema Corte di Cassazione n. 14225 e 14226, depositate lo scorso 8 luglio, ribadiscono che gli istituti scolastici religiosi di Livorno dovranno pagare l’Ici. La controversia concerne l’impugnazione del pagamento dell’imposta comunale sugli immobili dal 2004 al 2009 su unità di enti religiosi, i quali reclamavano l’esenzione prevista dall’art. 7, comma 1, lettera i), D.Lgs. n. 504/1992. La Commissione adita accoglieva il ricorso. La decisione era confermata in appello, avverso la quale il Comune di Livorno proponeva ricorso per cassazione con unico motivo.
SULLE NUOVE FRONTIERE DELLA FECONDAZIONE ASSISTITA
di Faustino De Gregorio
Con sentenza n. 162/2014, la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 4 comma 3 che stabiliva per la coppia il divieto del ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo, qualora sia stata diagnosticata una patologia che sia causa di sterilità o infertilità assolute ed irreversibili. La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 4 settembre 2014, ha approvato un documento sulle problematiche relative alla fecondazione eterologa a seguito di questa sentenza.