Sicurezza e Giustizia

L’USO LEGITTIMO DELL’ARMA DEVE RISPONDERE AL PRINCIPIO DI PROPORZIONALITÀ INTESO COME BILANCIAMENTO TRA INTERESSI CONTRAPPOSTI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

di Andrea Girella


Corte di Cassazione, Sezione III Penale, sentenza n. 41038 del 16 giugno 2014 e depositata il 2 ottobre 2014
L’uso delle armi o di altri mezzi di coazione deve costituire extrema ratio nella scelta dei metodi necessari per l’adempimento del dovere: diventa cioè legittimo solo ove non vi sia altro mezzo possibile. Ed è regola di condotta irrinunciabile quella di graduare l’uso dell’arma secondo le esigenze specifiche del caso e sempre in ambito di proporzione, sicché è sempre il criterio della proporzione che deve guidare il pubblico ufficiale al quale si chiede, senza che debba rinunziare all’adempimento del dovere di ufficio, di conseguire lo scopo con il minor sacrificio del contrapposto interesse.

pdf-icon


L’art. 192 del Codice della Strada (oltre CdS) dispone – fra gli altri – l’obbligo per chi circola sulle strade di fermarsi qualora gli venga intimato l’ “alt” da coloro che espletano i servizi di polizia stradale (ex art. 12 CdS), prevedendo sanzioni amministrative in caso di inottemperanza al predetto ordine. Nell’ipotesi di Tizio, che alla guida di un veicolo, per sottrarsi al controllo veicolare da parte di una pattuglia di polizia che ritualmente gli intima di fermarsi, prosegue la marcia a tutta velocità, compiendo una serie di manovre rischiose e/o vietate tali da porre in pericolo l’incolumità di potenziali utenti della strada, è possibile usare legittimamente l’arma d’ordinanza? O tale condotta può integrare solo il delitto ex art. 337 c.p. (Resistenza a un pubblico ufficiale)?

Per integrarsi la fattispecie prevista dall’art. 337 c.p. la condotta da parte di Tizio può consistere in un duplice comportamento: violenza o minaccia. La minaccia viene costantemente qualificata come prospettazione di un pregiudizio ingiusto e futuro dipendente dalla volontà dell’agente, in conseguenza del comportamento del pubblico ufficiale (oltre, p.u.) di mancata adesione alla “volontà” del singolo. La definizione della condotta violenta da parte della dottrina è ancora dibattuta, mentre è meno complessa la posizione della giurisprudenza, il cui orientamento prevalente è nel senso che la violenza è considerata solo sotto il profilo della idoneità ad impedire o turbare l’attività del p.u., senza che sia necessario che lo stesso riporti delle lesioni o delle conseguenze dannose a seguito della condotta delittuosa subita (Cass., 6.11.2013, n. 46743).

Per la dottrina assolutamente maggioritaria rientra nella mera disobbedienza – penalmente irrilevante – la c.d. violenza impropria, intendendo quelle condotte ostruzionistiche che non hanno contenuto di violenza, in quanto manifestanti il solo intento di non collaborare con il p.u. e non la volontà di aggredire il bene tutelato (cioè, il compimento dell’azione doverosa). La giurisprudenza, a differenza della dottrina, riconosce valenza penale anche alla violenza impropria, ritenendo lecita solo la semplice resistenza passiva, intesa come negazione di ogni violenza e minaccia. Relativamente alla problematica della fuga occorre soffermarsi sulle modalità in cui tale condotta si è realizzata: a) intesa come mero allontanamento dal luogo ove si trova il p.u., al fine di evitare lo stesso, non realizza il reato di resistenza (Cass., Sez. VI, 8.7.2002); b) le situazioni in cui il privato assume un comportamento idoneo ad opporsi all’atto che il p.u. (o l’incaricato di pubblico servizio) sta compiendo/si accinge a compiere sono ipotesi ritenute penalmente rilevanti dalla giurisprudenza. Per la quest’ultima, è integrata la fattispecie ex art. 337 c.p. quando il soggetto conducente di un veicolo ometta di fermarsi all’intimazione di alt e:

  • compia una serie di manovre finalizzate a impedire l’inseguimento, così inducendo nell’inseguitore una percezione di pericolo per la propria incolumità;
  • tenti la fuga in macchina mettendo in pericolo, a causa della guida spericolata, la vita di terze persone (Cass., 16.7.2012, n. 28477);
  • con condotta idonea ad opporsi in modo concreto ed efficace all’atto che legittimamente sta compiendo il p.u., si dia alla fuga ad elevata velocità e – per eludere l’inseguimento – effettui manovre di guida tali da produrre situazioni di grave e generale pericolo per l’operante e altri utenti stradali (ad esempio, senza fermarsi agli incroci e senza rispettare i segnali di stop e la presenza di veicoli e pedoni – Cass., 22.5.2012, n. 46239). Peraltro, il Supremo Collegio ha statuito che in caso di incidente mortale per una fuga dalla polizia, la condotta del conducente integra il reato di omicidio volontario;
  • si diriga con la propria auto contro/in direzione del p.u. (Cass., Sez. II, 26.6.1992; Cass., 7.1.2015, n. 22910) anche se non viene investito solo perché si sposta prontamente ovvero poiché il mezzo non procedeva a forte velocità, circostanza questa che non incide sulla valenza minacciosa della condotta).

Come emerge dal sintetico elenco, la materialità del delitto di resistenza ex art. 337 c.p. è riconosciuta anche nella violenza cosiddetta impropria che – pur non aggredendo direttamente il p.u. – si riverbera negativamente sullo svolgimento della relativa funzione pubblica, impedendola o unicamente ostacolandola (Cass., 22.5.2012, n. 46239).
Tornando al quesito iniziale, va ricordato che nel nostro ordinamento sono presenti alcune disposizioni di legge a carattere speciale che consentono l’uso delle armi contro chi si sottrae con la fuga ad una intimazione (o all’arresto) come in materia di contrabbando (L. 4.3.1958 n. 100 ) o di passaggio abusivo delle frontiere (Cass., 26.3.1998. Cfr. art. 158 TULPS). In ambito generale, invece, l’uso delle armi contro chi si sottrae con la fuga ad una intimazione (o all’arresto) non è legittimo perché esso richiede – fermi restando gli altri elementi indicati nell’art. 53 c.p. – che nei confronti del p.u. si sia posta in essere una resistenza attiva (Cass., Sez. IV, 15.2.1995).

L’interpretazione dottrinale in senso restrittivo del contenuto dei concetti di violenza e resistenza attribuisce rilievo solo alle condotte tali da tradursi in fatti dotati di rilevanza penale ai sensi degli artt. 336 e 337 c.p., escludendo, più in generale, che la mera resistenza passiva o la fuga possano rientrare fra le condotte di resistenza rilevanti per l’applicazione dell’art. 53. Anche in giurisprudenza è assai frequentemente negata la rilevanza della resistenza passiva e della fuga ai fini della applicazione dell’art. 53 c.p. (Cass., Sez. IV, 15.2.1995). Tuttavia, atteso che il p.u. è tenuto ad adempiere al dovere d’ufficio (non essendogli riconosciuta – come nel caso della legittima difesa o dello stato di necessità – un’opzione di rinuncia), la fuga del soggetto non può escludere in assoluto l’esistenza della scriminante ex art. 53 c.p. essendo necessario procedere alla valutazione delle modalità con le quali la fuga stessa è realizzata. Infatti, se dovesse ritenersi che queste siano tali da porre a repentaglio l’incolumità di terze persone (realizzandosi, così, una resistenza attiva) la giurisprudenza ha ritenuto legittimo l’uso delle armi/altro mezzo di coazione se:

  • viene scelto quello meno lesivo, graduato secondo le esigenze specifiche del caso, nel rispetto del fondamentale principio di proporzionalità (Cass., 15.11.2007, n. 854);
  • non vi sia altro mezzo di coazione possibile (Cass., 16.6.2014, n. 41038 ) di pari efficacia ma meno rischioso (Cass., 7.6.2000, n. 9961).

È stato valutato (Cass., n. 9961/2000 ) che, siccome la fuga integra un’ipotesi di resistenza illecita, l’uso delle armi contro le persone allo scopo di reprimerla può essere considerato ammissibile ogni volta che la fuga stessa sia attuata in condizioni e con modalità tali da costituire un attentato particolarmente grave a beni giudicati di rilevante importanza dall’ordinamento. Con sentenza della Cassazione del 16.6.2014, n. 41038, è stato affermato che perché possa essere integrata la scriminante, il ricorso all’uso delle armi deve costituire l’extrema ratio nella scelta dei mezzi necessari per l’adempimento del dovere, essendo esso ammissibile solo quando non sono praticabili altre modalità d’intervento né sono superati i limiti di gradualità dettati dalle esigenze del caso concreto ed è inoltre rispettato il principio di proporzione, inteso come necessario bilanciamento tra interessi contrapposti in relazione alla specifica situazione. Verificandosi tale ipotesi, ed accertata quindi la legittimità dell’uso dell’arma, nella specifica forma prescelta dal pubblico ufficiale, non può farsi poi carico a quest’ultimo dell’evento diverso e più grave da lui prodotto, rispetto a quello preventivato, quando tale evento non sia riconducibile a negligenza o imperizia, ma all’ineludibile componente di rischio che l’uso dell’arma in sè comporta.
Tuttavia, se si travalicano i limiti imposti dalla legge (o dall’ordine della Autorità o dalla necessità, anche desumendolo dal numero dei colpi sparati contro il veicolo del fuggitivo, dalle parti del veicolo attinte dagli spari, dalla modalità di impiego dell’arma, ecc.) si applica l’art. 55 c.p. (Eccesso colposo).

In sostanza, in una situazione nella quale sussistevano i presupposti della scriminante, l’oltrepassare i limiti imposti dalla necessità, concretizza l’eccesso dell’uso dei mezzi (Cass., 15.12.2004, n. 7649 ); infatti, l’art. 55 c.p. regola l’ipotesi particolare di errore sulla scriminante, allorché l’agente, fino a un certo punto del suo svolgimento, è sorretto da una causa di giustificazione effettivamente esistente; mentre, in una fase successiva è accompagnato dalla mera putatività di un elemento della scriminante della quale vengono in realtà ecceduti i limiti (cd. eccesso modale – Cass., 24.9.1991). La Suprema Corte ha ritenuto, altresì, che l’esimente putativa dell’uso legittimo delle armi può ravvisarsi quando l’agente abbia creduto per errore di trovarsi in una situazione di fatto tale che, ove fosse stata realmente esistente, egli sarebbe stato nella necessità di fare uso delle armi.

Concludendo, poiché l’esimente prevista all’art. 53 postula congiuntamente l’uso dell’arma e la necessità di vincere una resistenza attiva, nonché un rapporto di proporzione, risponde di omicidio colposo ex art. 589 c.p. il p.u. che abbia usato l’arma quando la resistenza oppostagli sia meramente passiva e altri mezzi fossero possibili per respingere la violenza o vincere la resistenza.©

 


Altri articoli di Andrea Girella

ACCESSO ABUSIVO A SISTEMA INFORMATICO ANCHE PER CHI SI FA INOLTRARE LE INFORMAZIONI VIA EMAIL
di Andrea Girella (N. I_MMXIX)
Corte di Cassazione, Sezione V Penale, sentenza n. 565 del 29 novembre 2018 e depositata l'8 gennaio 2019. L'attività materiale era stata posta in essere dall'imputato il quale, utilizzando l'account di posta elettronica attivato sul dominio della banca e a lui in uso, aveva inviato due e-mail alla casella di posta aziendale del Collega, anch'esso imputato e dipendente della medesima banca, allegando un file excel contenente informazioni bancarie riservate, alle quali il Landi non aveva accesso (nominativo del correntista e saldo di conto corrente), nonché per aver inviato due ulteriori e-mail di analogo contenuto, che il Collega "girava" al proprio indirizzo di posta personale. L'apporto concorsuale del Collega era consistito nell'avere istigato l'imputato a commettere il reato. L'imputato, dopo aver inviato la lista stessa, chiese al collega di distruggerla dopo averla letta, a comprova che la trasmissione di essa al Collega fosse vietata e della di piena consapevolezza di ciò da parte sua e ragionevolmente anche da parte dell'altro.
I DATI INFORMATICI ACQUISITI DALLA MEMORIA DI UN TELEFONO NON RIENTRANO NEL CONCETTO DI CORRISPONDENZA
di Andrea Girella (N. III_MMXVIII)
Corte di Cassazione, Sezione V Penale, sentenza n. 1822 del 21 novembre 2017 e depositata il 16 gennaio 2018. I dati informatici acquisiti dalla memoria del telefono in uso all’indagata (sms, messaggi whatsApp, messaggi di posta elettronica “scaricati” e/o conservati nella memoria dell’apparecchio cellulare) hanno natura di documenti ai sensi dell’art. 234 cod. proc. pen. La relativa attività acquisitiva non soggiace né alle regole stabilite per la corrispondenza, né tantomeno alla disciplina delle intercettazioni telefoniche. Secondo l’insegnamento della Corte di legittimità non è applicabile la disciplina dettata dall’art. 254 cod. proc. pen. con riferimento a messaggi WhatsApp e SMS rinvenuti in un telefono cellulare sottoposto a sequestro, in quanto questi testi non rientrano nel concetto di “corrispondenza”, la cui nozione implica un’attività di spedizione in corso o comunque avviata dal mittente mediante consegna a terzi per il recapito.
LA MISURA DI PREVENZIONE PATRIMONIALE DEL SEQUESTRO NELLE ULTIME MODIFICHE AL CODICE ANTIMAFIA
di Andrea Girella (N. I_MMXVIII)
Legge 17 ottobre 2017, n. 161 (G.U. n. 258 del 4 novembre 2017) Il nuovo testo di legge prevede misure di prevenzione anche per chi commette reati contro la pubblica amministrazione, come peculato, corruzione (ma solo nel caso di reato associativo) - anche in atti giudiziari - e concussione. È stato introdotto l’istituto del “controllo giudiziario delle aziende” in caso di pericolo concreto di infiltrazioni mafiose. Il controllo è previsto per un periodo che va da uno a 3 anni e può anche essere chiesto volontariamente dalle imprese. L’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali è resa “più veloce e tempestiva” prevedendo una “trattazione prioritaria”. L’Agenzia nazionale per i beni confiscati viene dotata di un organico di 200 persone e rimane sotto la vigilanza del Ministero dell’Interno.
LE AUTO CON TARGA TEDESCA POSSONO CIRCOLARE IN ITALIA ANCHE SENZA FINALITÀ DI IMMATRICOLAZIONE
di Andrea Girella (N. IV_MMXVII)
Corte di Cassazione, Sezione II Civile, sentenza n. 25220 del 19 giugno 2017 e depositata il 24 ottobre 2017. La Corte ha accolto il ricorso e cassato la sentenza gravata. Secondo il tribunale l’unica circolazione consentita è quella a fini di importazione; in altri termini, secondo il tribunale, in Italia si potrebbe circolare con targa temporanea tedesca solo per raggiungere, dal confine, l’importatore che dovrà immatricolare la macchina. L’interpretazione del tribunale torinese non è stata condivisa dalla Corte, perché non trova riscontro nel testo dell’accordo italo-germanico del 22.10.1993 che contempla “viaggi di prova, collaudo e trasferimento”.
MONEY TRANSFER: ORDINANZE DI INGIUNZIONE PER USO ILLECITO DEI DATI
di Andrea Girella (N. III_MMXVII)
Garante della Privacy - Comunicato del 10 marzo 2017: 11 mln di multa a cinque società per uso illecito di dati. Sanzioni per oltre 11 milioni di euro sono state comminate dal Garante privacy a cinque società che operano nel settore del money transfer per aver usato in modo illecito i dati personali di più di mille persone inconsapevoli. Le gravi violazioni sono emerse nel corso di un’indagine della Procura di Roma. Il Nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza su delega della magistratura ha infatti accertato che una multinazionale, in concorso con altre quattro società, raccoglieva e trasferiva in Cina somme di denaro riconducibili a imprenditori cinesi, in violazione non solo della normativa antiriciclaggio, ma anche di quella sulla protezione dei dati personali. La violazione della normativa sulla privacy ha determinando l’intervento del Garante.
ATTIVITÀ DI CONTRASTO AL TERRORISMO DA PARTE DELLA POLIZIA GIUDIZIARIA: I COLLOQUI A FINI INVESTIGATIVI
di Andrea Girella (N. I_MMXVII)
Decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244 (GU Serie Generale n.304 del 30-12-2016). Sono più di 103 le proroghe previste in diversi settori dal Decreto legge n. 244/2016 di fine anno. Pubbliche amministrazioni (art. 1). Adeguamento normativa antincendio scuole (art. 4, comma 2). Impianti di produzione di energia termica (art. 12, comma 2). Beni e attività culturali (art. 11). Sistri (art. 12, comma 1): viene prorogato, per la quarta volta e fino al 31 dicembre 2017 il subentro del nuovo concessionario e il periodo in cui continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi relativi alla gestione dei rifiuti antecedenti alla disciplina del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (Sistri).
Nel presente articolo si analizza l’art. 8 che conferma, sul fronte della sicurezza, la possibilità per l’intelligence di effettuare colloqui preventivi nei confronti di detenuti per raccogliere informazioni utili a prevenire delitti di terrorismo.
CIRCOLAZIONE DI VEICOLO IMMATRICOLATO FUORI DALL’UNIONE EUROPEA E “NUOVO” CONTRABBANDO
di Andrea Girella (N. III_MMXVI)
Decreto Legislativo 15 gennaio 2016, n. 8. Con la recente riforma in materia di depenalizzazione (D.Lgs. n. 7/2016 e n. 8/2016 in vigore dal 6.2.2016) il legislatore italiano ha trasformato in illeciti amministrativi molti reati previsti dal codice penale e da leggi speciali. Sono depenalizzati tutti i reati per i quali è prevista la sola pena della multa o dell’ammenda previsti al di fuori del codice penale e una serie di reati presenti invece nel codice penale. Tra questi ultimi vi è anche quello di contrabbando. Restano esclusi dal provvedimento i reati che, pur prevedendo la sola pena della multa o dell’ammenda, attengono alla normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, ambiente territorio e paesaggio, sicurezza pubblica, giochi d’azzardo e scommesse, armi, elezioni e finanziamento ai partiti.