Sicurezza e Giustizia

LA MISURA DI PREVENZIONE PATRIMONIALE DEL SEQUESTRO NELLE ULTIME MODIFICHE AL CODICE ANTIMAFIA

di Andrea Girella

Legge 17 ottobre 2017, n. 161 (G.U. n. 258 del 4 novembre 2017)
Il nuovo testo di legge prevede misure di prevenzione anche per chi commette reati contro la pubblica amministrazione, come peculato, corruzione (ma solo nel caso di reato associativo) – anche in atti giudiziari – e concussione. È stato introdotto l’istituto del “controllo giudiziario delle aziende” in caso di pericolo concreto di infiltrazioni mafiose. Il controllo è previsto per un periodo che va da uno a 3 anni e può anche essere chiesto volontariamente dalle imprese. L’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali è resa “più veloce e tempestiva” prevedendo una “trattazione prioritaria”. L’Agenzia nazionale per i beni confiscati viene dotata di un organico di 200 persone e rimane sotto la vigilanza del Ministero dell’Interno.

pdf-icon

Come noto, il cd. Codice Antimafia (D. Lgs. 6 settembre 2011, n. 159) riproduce le disposizioni che riguardano le misure di prevenzione personali e patrimoniali, seppur con alcuni adattamenti. Nonostante il breve periodo di operatività esso è già stato oggetto di rivisitazioni e aggiustamenti al fine di migliorarne l’efficacia e la coerenza.
L’ultima correzione in ordine temporale è dovuta alla Legge 17 ottobre 2017, n. 161 che ha – fra gli altri – ampliato i soggetti destinatari delle misure di prevenzione, revisionato il procedimento di applicazione delle misure e dell’istituto della ‘amministrazione giudiziarià, introdotto il controllo giudiziario delle aziende, potenziato l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. Una delle novità di stretto interesse per la polizia giudiziaria concerne il sequestro quale misura di prevenzione.

Le misure di prevenzione sono provvedimenti di carattere amministrativo di competenza dell’Autorità Amministrativa o Giudiziaria adottati nei confronti di soggetti ritenuti pericolosi quali strumenti di difesa sociale per evitare che tale pericolosità possa sfociare nella commissione di concreti fatti delittuosi. Hanno come caratteristica di essere applicate indipendentemente dalla commissione di un precedente reato (da qui la denominazione di misure ante o praeter delictum) che le distingue dalle misure di sicurezza, applicabili ai soggetti socialmente pericolosi che abbiano già commesso un reato.

Presupposto per la loro adozione è il modo di essere e il comportamento complessivo del soggetto assunti a base del giudizio di pericolosità sociale e della probabilità che egli in futuro commetta reati. Sono comunque applicate con un procedimento amministrativo e vengono distinte in:

  • personali, quando incidono sulla libertà personale o di circolazione;
  • patrimoniali, quando incidono sul patrimonio;
  • interdittive, quando limitano l’esercizio di determinate attività.

Il fatto che la competenza sia attribuita all’Autorità Giudiziaria (oltre, A.G.) non deve trarre in inganno: quando il Tribunale decide in merito all’applicazione di una misura di prevenzione esercita una competenza di carattere amministrativo anche se la legge impone il rispetto di tutte le garanzie del procedimento penale.
Per l’applicazione di una misura di prevenzione, ove trova applicazione l’art. 200 c.p. (che prevede si debba tenere in considerazione “la legge in vigore al tempo al tempo della loro applicazione”), è necessario che:

  • il soggetto, in seguito a valutazioni basate su comportamenti ed elementi di fatto, sia ritenuto attualmente pericoloso;
  • in base a tale valutazione il soggetto rientri in una delle categorie previste dalle norme.

Le misure di prevenzione patrimoniali sono moduli ablativi – cioè che limitano o privano di un diritto un soggetto privato a opera dello Stato o di un altro soggetto pubblico – finalizzati all’aggressione dei beni e dei capitali contaminati da delitto, che valorizzano modelli di intervento sempre più affini all’actio in rem pura e semplice (cioè ispirati all’aggressione diretta della res sulla base di una concezione di pericolosità del bene in sé, in quanto provento del delitto) rispetto all’intervento afflittivo incidente sull’habeas corpus.
Sul piano metodologico postulano indagini che appartengono al novero delle pro-active investigations, cioè indagini che prescindono dalla commissione di un singolo reato e della qualificazione di un dato bene come ‘prodotto, profitto o prezzo’ del reato medesimo, orientate ad impedire che uno o più reati siano commessi in futuro.

Vi è un diffuso consenso che una valida strategia di lotta alle mafie deve aggredire le basi economiche del crimine organizzato (intese come vastissima rete di beni e rapporti economici destinati alla conservazione ed all’esercizio dei poteri criminali) sull’idea che l’elemento patrimoniale orienta le strutture criminali secondo criteri di razionalità imprenditoriale e le rende largamente insensibili all’identità ed alle vicende giudiziarie dei singoli componenti. Il ricorso alla prevenzione patrimoniale assume, pertanto, una rilevante valenza deterrente in quanto la possibilità di subire la confisca delle ricchezze illecitamente acquisite opera come fattore che [dovrebbe] dissuade[re] dalla realizzazione dell’attività delinquenziale destinata a produrla.
La sua funzione è allo stesso tempo, quindi, d’impedire l’accrescersi della capacità delinquenziale del soggetto socialmente pericoloso che ha acquisito beni di provenienza illecita e di sottrarre definitivamente tali beni al circuito economico di origine per inserirli in un altro esente da condizionamenti criminali.
Sono misure di prevenzione patrimoniali: la sospensione temporanea o provvisoria dall’amministrazione dei beni; la cauzione; il sequestro; la confisca.

Il sequestro (previsto dall’art. 20 del Codice) è un provvedimento di natura provvisoria e cautelare, successiva all’applicazione delle misure di prevenzione personali ovvero per i beni sottoposti al provvedimento temporaneo di sospensione quando vi sia concreto pericolo che i beni sottoposti al provvedimento vengano dispersi, sottratti o alienati.
Il sequestro riguarda ogni tipo di beni dei quali la persona dispone – direttamente o indirettamente – quando il loro valore risulta sproporzionato al reddito dichiarato o all’attività economica svolta ovvero quando sulla base di sufficienti indizi si ha motivo di ritenere che gli stessi siano il frutto di attività illecite o ne costituiscano il reimpiego per anticipare gli effetti ablativi della confisca antimafia, oltre a essere presupposto di quest’ultima.
L’accertamento di fondatezza della proposta deve essere effettuato sulla scorta degli elementi offerti dall’organo proponente ovvero acquisiti attraverso l’eventuale ricorso ai poteri d’indagine.
Una volta accertata, sulla base di elementi di fatto la sussistenza dei presupposti di carattere soggettivo (esistenza del sodalizio o del reato tipico; indizi idonei a fondare l’appartenenza del proposto al sodalizio predetto ovvero la commissione del delitto tipico previsto dalla norma; attitudine del proposto al delitto) occorre accertare il ricorrere dei presupposti di carattere oggettivo (disponibilità diretta o indiretta dei beni in capo al proposto; sproporzione tra il valore dei beni ed i redditi dichiarati o l’attività svolta; ricorrere di sufficienti indizi idonei a lasciare ritenere che tali beni siano essi stessi il frutto dell’attività illecita ovvero ne costituiscano il reimpiego).

Il sequestro è disposto dal Tribunale; con l’applicazione della misura viene nominato un amministratore ed un giudice delegato.
Fra le novità della citata Legge n. 161/2017 rientra l’esecuzione del sequestro a cura della polizia giudiziaria, mediante apprensione materiale dei beni e immissione in possesso all’amministratore giudiziario (con l’assistenza, ove ritenuto opportuno, dell’ufficiale giudiziario), cui segue la trascrizione del provvedimento (per gli immobili e gli altri diritti reali immobiliare), con le relative notificazioni. Inoltre, lo stesso provvedimento ha previsto l’estensione degli effetti del prevedimento di sequestro (o confisca) di partecipazioni sociali totalitarie anche ai relativi beni aziendali, e la possibilità di applicare lo stesso (o la confisca per equivalente):

  • qualora i beni individuati non siano più nella disponibilità del proposto, indipendentemente dall’eventuale finalità elusiva da questi perseguita;
  • laddove, in seguito alla morte del proposto, il procedimento prosegua nei confronti degli eredi o degli aventi causa o sia iniziato nei confronti dei successori a titolo universale o particolare.

I beni mobili iscritti in pubblici registri, le navi, le imbarcazioni, i natanti e gli aeromobili sequestrati possono essere affidati dall’A.G. in custodia giudiziale agli organi di polizia che ne fanno richiesta per esigenze di polizia giudiziaria ovvero ad altri organi dello Stato per finalità di giustizia, di protezione civile o tutela ambientale.
Se la persona nei cui confronti è proposta la misura disperde, distrae, occulta o svaluta i beni al fine di eludere l’esecuzione dei provvedimenti di sequestro su di essi, il sequestro ha ad oggetto denaro o altri beni di valore equivalente.
Il sequestro è eseguito con le modalità previste dall’art. 104 delle disposizioni di attuazione del c.p.p. per il sequestro preventivo.

Articoli 104 e 104-bis disp. att. c.p.p.
Il nuovo art. 104 delle disposizioni attuative del c.p.p. disciplina in modo dettagliato l’esecuzione del sequestro preventivo e, soprattutto, con riguardo ai beni immobili e mobili registrati che ne costituiscano oggetto, impone la trascrizione del provvedimento presso i competenti uffici. La norma specifica le modalità di esecuzione del sequestro preventivo sui mobili e sui crediti (secondo le forme prescritte dal codice di procedura civile per il pignoramento presso il debitore o presso il terzo in quanto applicabili), sulle azioni e sulle quote sociali (con l’annotazione nei libri sociali e con l’iscrizione nel registro delle imprese), sugli strumenti finanziari dematerializzati, ivi compresi i titoli del debito pubblico (con la registrazione nell’apposito conto tenuto dall’intermediario). È previsto che il sequestro preventivo sui beni aziendali (organizzati per l’esercizio di un’impresa) sia eseguito, oltre che con le modalità previste dalla natura del singolo bene sequestrato, con l’immissione dei beni in possesso dell’amministratore (e con l’iscrizione del provvedimento nel registro delle imprese presso il quale è iscritta l’impresa).
Il nuovo art. 104-bis stabilisce che, nel caso in cui il sequestro preventivo abbia per oggetto aziende, società ovvero beni di cui sia necessario assicurare l’amministrazione (esclusi quelli destinati ad affluire nel Fondo unico giustizia, l’A.G. deve nominare un amministratore giudiziario, che dovrà essere scelto nell’Albo nazionale degli amministratori giudiziari.

Il nuovo art. 104 riproduce, poi, il richiamo, già contenuto nel precedente testo, alla disposizione di attuazione contenuta nell’art. 92 alla stregua della quale l’ordinanza che dispone il sequestro preventivo deve essere immediatamente trasmessa, a cura della cancelleria del giudice, all’organo che deve provvedere all’esecuzione ovvero, nel corso delle indagini preliminari, al Pubblico Ministero che ne ha fatto richiesta, il quale ne cura l’esecuzione.

Il sequestro anticipato o precauzionale, previsto dall’art. 22 del Codice, riguarda i beni di cui si prevede debba essere disposta la confisca e vi sia il concreto pericolo che vengano dispersi, sottratti o alienati; ovvero i beni dei quali la persona dispone – direttamente o indirettamente – quando il loro valore risulta sproporzionato al reddito dichiarato o all’attività economica svolta ovvero quando si ha motivo di ritenere che gli stessi siano il frutto di attività illecite o ne costituiscano il reimpiego.
Gli effetti sono i medesimi visti per il sequestro.
Anche in questa ipotesi, se la persona nei cui confronti è proposta la misura disperde, distrae, occulta o svaluta i beni al fine di eludere l’esecuzione dei provvedimenti di sequestro su di essi, il sequestro ha ad oggetto denaro o altri beni di valore equivalente.
Il sequestro è eseguito con le modalità previste dall’art. 104 disp. att. c.p.p. per il sequestro preventivo. ©


Altri articoli di Andrea Girella

I DATI INFORMATICI ACQUISITI DALLA MEMORIA DI UN TELEFONO NON RIENTRANO NEL CONCETTO DI CORRISPONDENZA
di Andrea Girella (N. III_MMXVIII)
Corte di Cassazione, Sezione V Penale, sentenza n. 1822 del 21 novembre 2017 e depositata il 16 gennaio 2018. I dati informatici acquisiti dalla memoria del telefono in uso all’indagata (sms, messaggi whatsApp, messaggi di posta elettronica “scaricati” e/o conservati nella memoria dell’apparecchio cellulare) hanno natura di documenti ai sensi dell’art. 234 cod. proc. pen. La relativa attività acquisitiva non soggiace né alle regole stabilite per la corrispondenza, né tantomeno alla disciplina delle intercettazioni telefoniche. Secondo l’insegnamento della Corte di legittimità non è applicabile la disciplina dettata dall’art. 254 cod. proc. pen. con riferimento a messaggi WhatsApp e SMS rinvenuti in un telefono cellulare sottoposto a sequestro, in quanto questi testi non rientrano nel concetto di “corrispondenza”, la cui nozione implica un’attività di spedizione in corso o comunque avviata dal mittente mediante consegna a terzi per il recapito.
LE AUTO CON TARGA TEDESCA POSSONO CIRCOLARE IN ITALIA ANCHE SENZA FINALITÀ DI IMMATRICOLAZIONE
di Andrea Girella (N. IV_MMXVII)
Corte di Cassazione, Sezione II Civile, sentenza n. 25220 del 19 giugno 2017 e depositata il 24 ottobre 2017. La Corte ha accolto il ricorso e cassato la sentenza gravata. Secondo il tribunale l’unica circolazione consentita è quella a fini di importazione; in altri termini, secondo il tribunale, in Italia si potrebbe circolare con targa temporanea tedesca solo per raggiungere, dal confine, l’importatore che dovrà immatricolare la macchina. L’interpretazione del tribunale torinese non è stata condivisa dalla Corte, perché non trova riscontro nel testo dell’accordo italo-germanico del 22.10.1993 che contempla “viaggi di prova, collaudo e trasferimento”.
MONEY TRANSFER: ORDINANZE DI INGIUNZIONE PER USO ILLECITO DEI DATI
di Andrea Girella (N. III_MMXVII)
Garante della Privacy - Comunicato del 10 marzo 2017: 11 mln di multa a cinque società per uso illecito di dati. Sanzioni per oltre 11 milioni di euro sono state comminate dal Garante privacy a cinque società che operano nel settore del money transfer per aver usato in modo illecito i dati personali di più di mille persone inconsapevoli. Le gravi violazioni sono emerse nel corso di un’indagine della Procura di Roma. Il Nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza su delega della magistratura ha infatti accertato che una multinazionale, in concorso con altre quattro società, raccoglieva e trasferiva in Cina somme di denaro riconducibili a imprenditori cinesi, in violazione non solo della normativa antiriciclaggio, ma anche di quella sulla protezione dei dati personali. La violazione della normativa sulla privacy ha determinando l’intervento del Garante.
ATTIVITÀ DI CONTRASTO AL TERRORISMO DA PARTE DELLA POLIZIA GIUDIZIARIA: I COLLOQUI A FINI INVESTIGATIVI
di Andrea Girella (N. I_MMXVII)
Decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244 (GU Serie Generale n.304 del 30-12-2016). Sono più di 103 le proroghe previste in diversi settori dal Decreto legge n. 244/2016 di fine anno. Pubbliche amministrazioni (art. 1). Adeguamento normativa antincendio scuole (art. 4, comma 2). Impianti di produzione di energia termica (art. 12, comma 2). Beni e attività culturali (art. 11). Sistri (art. 12, comma 1): viene prorogato, per la quarta volta e fino al 31 dicembre 2017 il subentro del nuovo concessionario e il periodo in cui continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi relativi alla gestione dei rifiuti antecedenti alla disciplina del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (Sistri).
Nel presente articolo si analizza l’art. 8 che conferma, sul fronte della sicurezza, la possibilità per l’intelligence di effettuare colloqui preventivi nei confronti di detenuti per raccogliere informazioni utili a prevenire delitti di terrorismo.
CIRCOLAZIONE DI VEICOLO IMMATRICOLATO FUORI DALL’UNIONE EUROPEA E “NUOVO” CONTRABBANDO
di Andrea Girella (N. III_MMXVI)
Decreto Legislativo 15 gennaio 2016, n. 8. Con la recente riforma in materia di depenalizzazione (D.Lgs. n. 7/2016 e n. 8/2016 in vigore dal 6.2.2016) il legislatore italiano ha trasformato in illeciti amministrativi molti reati previsti dal codice penale e da leggi speciali. Sono depenalizzati tutti i reati per i quali è prevista la sola pena della multa o dell’ammenda previsti al di fuori del codice penale e una serie di reati presenti invece nel codice penale. Tra questi ultimi vi è anche quello di contrabbando. Restano esclusi dal provvedimento i reati che, pur prevedendo la sola pena della multa o dell’ammenda, attengono alla normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, ambiente territorio e paesaggio, sicurezza pubblica, giochi d’azzardo e scommesse, armi, elezioni e finanziamento ai partiti.
L’USO LEGITTIMO DELL’ARMA DEVE RISPONDERE AL PRINCIPIO DI PROPORZIONALITÀ INTESO COME BILANCIAMENTO TRA INTERESSI CONTRAPPOSTI
di Andrea Girella (N. I_MMXVI)
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, sentenza n. 41038 del 16 giugno 2014 e depositata il 2 ottobre 2014. L’uso delle armi o di altri mezzi di coazione deve costituire extrema ratio nella scelta dei metodi necessari per l’adempimento del dovere: diventa cioè legittimo solo ove non vi sia altro mezzo possibile. Ed è regola di condotta irrinunciabile quella di graduare l’uso dell’arma secondo le esigenze specifiche del caso e sempre in ambito di proporzione, sicché è sempre il criterio della proporzione che deve guidare il pubblico ufficiale al quale si chiede, senza che debba rinunziare all’adempimento del dovere di ufficio, di conseguire lo scopo con il minor sacrificio del contrapposto interesse.