Sicurezza e Giustizia

LE INNOVATIVE TECNICHE DI SOPRALLUOGO E RICOSTRUZIONE 3D APPLICATE AL COLD CASE DELL’OMICIDIO DI POLI VALERIANO

di Gianluca Badalamenti, Gianpaolo Zambonini, Giovanni Tessitore

Valeriano Poli era il buttafuori della discoteca TNT e ucciso in un agguato in via della Foscherara, il 5 dicembre 1999. Nel giugno del 2018 il gip ha ordinato l’arresto per Stefano Monti, 59 anni, accusato di quel delitto avvenuto 20 anni prima. Questo cold case è stato risolto grazie all’introduzione di tecniche di virtualizzazione di reperti e dei luoghi reali in ambienti tridimensionali ricreati al computer con la successiva simulazione dei fenomeni fisici che in esso accadono.

pdf-icon

 

Il sopralluogo giudiziario, ideato nel secolo scorso da Ottolenghi (a sua volta ripreso dal francese Bertillon), ha negli ultimi anni subito una profonda evoluzione grazie alla disponibilità di strumenti e metodologie sempre più sofisticate. Il dominus di tale avanzamento è la spinta data dall’informatizzazione delle procedure tipiche del sopralluogo, nonché l’introduzione delle tecnologie di ricostruzione 3D della scena del crimine. In questo caso si assiste all’evoluzione della descrizione della scena criminis che ribalta l’archetipo di inizio ‘900 (dal basso verso l’alto, dal generale al particolare, e così via), verso una descrizione dal tutto verso il tutto. Sarà l’utente (Organo investigativo, Pubblico Ministero, Giudice), dentro una simulazione immersiva ed interattiva, a rivivere la dinamica della scena del crimine dalla prospettiva che riterrà più opportuna, alla velocità desiderata, avendo a disposizione tutte le informazioni metriche d’interesse e così via.

Ed è in questo alveo che sono maturate le tecniche impiegate per l’approccio allo studio dell’omicidio di Poli Valeriano, ucciso a colpi di arma da fuoco il 5 dicembre 1999 in via della Foscherara a Bologna, sulle cui scarpe, indossate al momento dell’omicidio, fu rinvenuto materiale genetico che risultò poi essere appartenente a Stefano Monti.
La corrispondenza tra il DNA prelevato dal Monti ed il DNA estratto dalle macchie di sangue delle scarpe in reperto è stata accertata e validata da tecnologie di genetica forense con una valenza scientifica oggigiorno assolutamente indiscussa. Di contro va appurata la circostanza nella quale il materiale ematico sia venuto a contatto con le scarpe del Poli e da tale contestualizzazione temporale deriverà la vera forza probante dell’analisi genetica delle macchie di sangue.
Difatti Valeriano Poli e Stefano Monti si incontrano una prima volta nel marzo del 1999 presso la discoteca TNT di Bologna, dove la vittima lavorava come buttafuori. In quella occasione i due hanno un alterco che ben presto si traduce in lite nella quale il buttafuori ha la meglio.
Per gli inquirenti, il rancore provato dal Monti per l’affronto subito sarà il movente dell’omicidio del 5 dicembre successivo.

Ritornando alle macchie di sangue sulle scarpe ed al problema della loro contestualizzazione temporale, ci si deve chiedere se l’evento che ha causato il deposito delle tracce ematiche sia ascrivibile alla lite nei pressi della discoteca, avvenuta nel marzo 1999, ovvero se l’evento sia temporalmente più prossimo alla data dell’omicidio, magari ascrivibile ad un alterco avvenuto negli istanti immediatamente antecedenti all’omicidio del Poli.
Qualche settimana prima di essere ucciso, infatti, Valeriano Poli partecipa al rinfresco tenuto in occasione del battesimo del figlio di un conoscente. Ed è in questa occasione che viene girato un filmato amatoriale nel quale si vede inquadrato il Poli che calza le stesse scarpe indossate il giorno della sua uccisione.
Risulta del tutto evidente che se fosse possibile individuare le macchie di sangue sulle scarpe indossate dal Poli e riprese nel filmato amatoriale le macchie stesse sarebbero ascrivibili alla lite di marzo, mentre in caso contrario sarebbero evidentemente legate al giorno dell’omicidio.
Purtroppo la qualità delle immagini a disposizione (vedi Figura 1 – Fotogrammi estratti dal filmato amatoriale con evidenziata la posizione della scarpa), ricavate dalla digitalizzazione della videocassetta VHS dell’epoca, è bassa, inoltre è limitata dalla presenza di diverse discromie potenzialmente ascrivibili a vari fattori come rumore, condizioni di luce, pieghe della scarpa, ecc..

Per tale ragione un’analisi puntuale delle sole immagini derivate dalla videocassetta non è sufficiente a rispondere al quesito posto. Un approccio al problema potrebbe essere la simulazione della scena tramite esperimento giudiziale la cui validità dipenderebbe dall’accuratezza con cui si è in grado di riprodurre la scena, dalla telecamera che ha effettuato la ripresa, dal posizionamento della scarpa con le relative macchie di sangue, dalla loro posizione reciproca all’interno dell’ambiente, dalle condizioni di illuminazione, ecc.. Le risultanze di tale ipotetico esperimento sarebbero stati i fotogrammi prodotti dalla telecamera di test, da utilizzare per il successivo confronto con i quattro fotogrammi estratti dal filmato del novembre 1999.

L’innovazione introdotta nello studio in questione è riconducibile all’introduzione di tecniche di virtualizzazione di reperti e dei luoghi reali in ambienti tridimensionali ricreati al computer con la successiva simulazione dei fenomeni fisici che in esso accadono. Ed è in questo contesto che si introduce il concetto di “virtual evidence” ovvero la versione digitale di una fonte di prova quale può essere un reperto prelevato dalla scena del crimine ed il successivo utilizzo finalizzato al raggiungimento del risultato.
Tale approccio permette l’utilizzo di sofisticati strumenti informatici finalizzati alla modellazione della stanza entro la quale è stato girato il filmato del battesimo, ed alla produzione di viste generate da fotocamere virtuali capaci di simulare il funzionamento della videocamera usata. Tale approccio ha l’indubbio vantaggio di essere ripetibile ed inoltre consente all’operatore di effettuare più prove in un minor tempo variando i parametri che influiscono sul sistema in oggetto.

Nel caso di specie, la virtual evidence è costituita dalla scansione tridimensionale della scarpa in reperto, effettuata in opportuno ambiente controllato presso i laboratori di genetica forense. La tecnica impiegata per l’acquisizione tridimensionale consiste nella proiezione di un pattern luminoso composto da un alternarsi di barre di luce e di ombre sulla scarpa e nella contestuale acquisizione fotografica della stessa. Il modo in cui l’immagine proiettata si deforma nel colpire la scarpa, permette di calcolare le profondità in ogni suo punto (vedi Figura 2 – Fase del processo di acquisizione della scarpa con proiezione del pattern luminoso).

La metodica descritta, conosciuta come scansione 3D a luce strutturata, ha permesso di ottenere un modello digitale della scarpa con precisione inferiore al decimo di millimetro.

L’operazione di scansione non cattura solo la forma dell’oggetto, ma anche il colore dello stesso, per cui il modello digitalizzato riproporrà anche le fattezze cromatiche dell’originale. Questo ci consente di avere, sul modello 3D anche le informazioni riguardo posizione e forma delle tracce ematiche presenti sul reperto (vedi Figura 3 – Modello digitalizzato della scarpa).

Al fine di riprodurre le condizioni di ripresa del video originale è stato necessario modellare la stanza originaria a partire da dati metrici. Nel modello così ottenuto, dopo un attento studio del filmato del battesimo, sono stati posizionati i manichini virtuali che riproducono la posa dei personaggi ripresi nei fotogrammi di maggiore interesse (vedi Figura 4 – Ambiente ricostruito con manichini in posa). Questa operazione ha permesso di delimitare la posizione entro la quale potesse trovarsi l’operatore che ha effettuato le riprese del video originale.

Dopo aver inserito il modello della scarpa e la camera da ripresa nell’ambiente virtuale ed aver regolato i parametri della videocamera desumibili dal filmato del battesimo, si è proceduto alla regolazione fine della posizione della scarpa rispetto alla camera da ripresa.

Bisogna considerare che quando si indossa una calzatura, la comodità dei movimenti del piede è assicurata oltre che dalle fattezze della scarpa stessa anche dalla deformabilità dei materiali utilizzati, appare quindi opportuno precisare che l’allineamento è stato effettuato considerando solo la parte anteriore della scarpa (ovvero la tomaia e la suola sottostante) che, in un normale utilizzo, risulta soggetta a deformazioni molto limitate.

Per l’allineamento della scarpa (vedi Figura 5 – Fotogramma originale, particolare della scarpa) è stata effettuata un’operazione di evidenziazione dei bordi sui fotogrammi estratti dal filmato amatoriale del battesimo (vedi Figura 6 – Particolare della scarpa, esaltazione dei contorni), in questo modo è stato possibile esaltare i dettagli da utilizzare successivamente per l’allineamento vero e proprio.

Il successivo allineamento ha permesso di verificare la posizione sui fotogrammi in argomento delle tracce ematiche, qualora queste fossero state presenti (vedi Figura 7 – Modello 3D della scarpa allineato sul fotogramma. In blu le tracce ematiche rinvenute sulla scarpa).
Il risultato dell’allineamento ha mostrato che le tracce ematiche non si sovrappongono ad alcuna macchia presente sulla scarpa (vedi Figura 8 – Tracce ematiche proiettate sul fotogramma, in verde il profilo della scarpa).

Ulteriore risultato ottenuto dall’operazione di allineamento è l’individuazione della natura delle discromie presenti sui fotogrammi acquisiti, e riconducibili a ombre generate dalle pieghe presenti sulla tomaia e dal gambetto.

È stato eseguito un secondo gruppo di prove volto a confutare i risultati sopra descritti utilizzando la metodica del “reductio ad absurdum”. Partendo dall’assunto che il risultato appena ottenuto sia errato, si è proceduto ad allineare la scarpa imponendo il vincolo che le due discromie più prossime alle tracce ematiche precedentemente indicate fossero esattamente le macchie di sangue. L’applicazione di questo vincolo ha portato ad un palese disallineamento del modello della scarpa rispetto ai fotogrammi. (vedi Figura 9 – Dettaglio del fotogramma di interesse. In verde il contorno dell’allineamento ottenuto con il primo studio, in rosso il contorno ottenuto dal secondo studio)

In definitiva, mentre l’imposizione dei vincoli relativi all’esaltazione dei dettagli su ognuno dei quattro fotogrammi ha condotto ad un corretto allineamento della scarpa, e conseguentemente ha dimostrato che le tracce ematiche del modello 3D non si proiettano su alcuna discromia presente sui fotogrammi estratti dal filmato amatoriale, l’imposizione del vincolo che le due discromie più prossime presenti sui fotogrammi stessi fossero proprio le tracce ematiche ha condotto all’impossibilità di allineare il modello 3d della scarpa con nessuna delle sue quattro rappresentazioni per i fotogrammi in esame. ©

 

 


Altri articoli di Gianluca Badalamenti


Altri articoli di Gianpaolo Zambonini

DAL SURFACE AL DARK WEB, PASSANDO PER IL DEEP WEB (III PARTE)
di Giuseppe Di Ieva e Gianpaolo Zambonini (N. II_MMXVIII)
PRIMA PARTE1. Introduzione, 2. Surface Web, 2.1. Raccolta/Indicizzazione/Ordinamento, 2.2. Link Popularity vs PageRank, 2.3. I motori di ricerca del Surface Web, 3. Deep Web, 3.1. Alla scoperta del Deep Web. SECONDA PARTE: 3.2. Anatomia di una query, 3.3. L’Albo pretorio on-line, 3.4. I contenuti del Deep Web, 3.5. La rete Usenet come Deep Web, 4. Dark Web, 4.1. L’anonimato, 4.2. I Proxy, 4.3. Tor, 4.4. La rete Tor, 4.5. Hidden Service, 4.6. Navigare su un sito onion, 4.7. Basta un click. TERZA PARTE (in qesto numero): 4.8. La valigetta degli attrezzi per il Dark Web, 4.9. ACTIVE o INACTIVE onion site, 4.10. I motori di ricerca del Dark Web, 5. Conclusioni.
INDAGINI DI POLIZIA SCIENTIFICA NELLE AZIONI DI CONTRASTO AL TRAFFICO ILLECITO DI VEICOLI
di Pasquale Luca Iafelice e Gianpaolo Zambonini (N. I_MMXVIII)
Un fenomeno in calo ma che caratterizza ancora il panorama criminale del nostro Paese, complicato dall’apertura delle frontiere e dalle sempre più evolute tecniche utilizzate dalle organizzazioni dedite allo scopo, il traffico di veicoli rubati resta uno degli indici più diffusi per misurare l’efficacia delle azioni di polizia. La pronta risposta nell’attività di prevenzione è oggi accompagnata da efficienti indagini di polizia giudiziaria che, grazie all’utilizzo delle più recenti tecnologie forensi, trovano rinnovata efficacia in un campo dove l’identificazione, anche di un solo veicolo, permette a volte di ricostruire i loschi traffici ed individuare la responsabilità di intere organizzazioni criminali.
DAL SURFACE AL DARK WEB, PASSANDO PER IL DEEP WEB (II PARTE)
di Giuseppe Di Ieva e Gianpaolo Zambonini (N. I_MMXVIII)
PRIMA PARTE1. Introduzione, 2. Surface Web, 2.1. Raccolta/Indicizzazione/Ordinamento, 2.2. Link Popularity vs PageRank, 2.3. I motori di ricerca del Surface Web, 3. Deep Web, 3.1. Alla scoperta del Deep Web. SECONDA PARTE (in qesto numero): 3.2. Anatomia di una query, 3.3. L’Albo pretorio on-line, 3.4. I contenuti del Deep Web, 3.5. La rete Usenet come Deep Web, 4. Dark Web, 4.1. L’anonimato, 4.2. I Proxy, 4.3. Tor, 4.4. La rete Tor, 4.5. Hidden Service, 4.6. Navigare su un sito onion, 4.7. Basta un click. TERZA PARTE: 4.8. La valigetta degli attrezzi per il Dark Web, 4.9. ACTIVE o INACTIVE onion site, 4.10. I motori di ricerca del Dark Web, 5. Conclusioni.
DAL SURFACE AL DARK WEB, PASSANDO PER IL DEEP WEB (I PARTE)
di Giuseppe Di Ieva e Gianpaolo Zambonini (N. IV_MMXVII)
PRIMA PARTE (in qesto numero): 1. Introduzione, 2. Surface Web, 2.1. Raccolta/Indicizzazione/Ordinamento, 2.2. Link Popularity vs PageRank, 2.3. I motori di ricerca del Surface Web, 3. Deep Web, 3.1. Alla scoperta del Deep Web. SECONDA PARTE: 3.2. Anatomia di una query, 3.3. L’Albo pretorio on-line, 3.4. I contenuti del Deep Web, 3.5. La rete Usenet come Deep Web, 4. Dark Web, 4.1. L’anonimato, 4.2. I Proxy, 4.3. Tor, 4.4. La rete Tor, 4.5. Hidden Service, 4.6. Navigare su un sito onion, 4.7. Basta un click. TERZA PARTE: 4.8. La valigetta degli attrezzi per il Dark Web, 4.9. ACTIVE o INACTIVE onion site, 4.10. I motori di ricerca del Dark Web, 5. Conclusioni.
GLI ACCERTAMENTI BALISTICI COMPARATIVI: TENTATIVI DI STANDARDIZZAZIONE NELL’AMBITO DI UN APPROCCIO QUANTITATIVO ALLE SCIENZE FORENSI (III PARTE)
di Pasquale Luca Iafelice e Gianpaolo Zambonini (N. I_MMXVII)
Il problema dell’identificazione è trasversale a tutta l’attività di polizia, sia essa a carattere preventivo o di intelligence, che quella propriamente giudiziaria, messa in atto cioè dopo la commissione di un reato. Però, mentre l’identificazione di persone ha compiuto passi da gigante grazie alle consolidate scoperte scientifiche ed alle evoluzioni tecnologiche che hanno segnato il secolo scorso, l’identificazione di un arma da fuoco per mezzo dell’analisi comparativa balistica ha potuto beneficiare delle nuove tecnologie solo in tempi relativamente recenti.
Come abbiamo avuto modo di illustrare nella prima parte di questo lavoro, nonostante i numerosi aspetti critici la balistica comparativa sta progredendo nella direzione giusta e le innovazioni non mancano. Nel seguito presenteremo una panoramica delle nuove metodologie di analisi e delle innovative tecniche di imaging utilizzate o in corso di studio nell’ambito della balistica forense, analizzandone brevemente i punti di forza e di debolezza. Avremo modo di apprezzare così gli sforzi compiuti da ricercatori in tutto il mondo per la messa a punto di nuove tecniche analitiche e di osservare che, forse, non siamo poi tanto lontani dal raggiungimento dell’obbiettivo finale: una piena identificazione dell’arma da fuoco con un livello di certezza paragonabile a quello fornito dal profilo del DNA nell’identificazione di persone.
GLI ACCERTAMENTI BALISTICI COMPARATIVI: TENTATIVI DI STANDARDIZZAZIONE NELL’AMBITO DI UN APPROCCIO QUANTITATIVO ALLE SCIENZE FORENSI (II PARTE)
di Pasquale Luca Iafelice e Gianpaolo Zambonini (N. III_MMXVI)
Il problema dell’identificazione è trasversale a tutta l’attività di polizia, sia essa a carattere preventivo o di intelligence, che quella propriamente giudiziaria, messa in atto cioè dopo la commissione di un reato. Però, mentre l’identificazione di persone ha compiuto passi da gigante grazie alle consolidate scoperte scientifiche ed alle evoluzioni tecnologiche che hanno segnato il secolo scorso, l’identificazione di un arma da fuoco per mezzo dell’analisi comparativa balistica ha potuto beneficiare delle nuove tecnologie solo in tempi relativamente recenti.
GLI ACCERTAMENTI BALISTICI COMPARATIVI: TENTATIVI DI STANDARDIZZAZIONE NELL’AMBITO DI UN APPROCCIO QUANTITATIVO ALLE SCIENZE FORENSI (I PARTE)
di Pasquale Luca Iafelice e Gianpaolo Zambonini (N. II_MMXVI)
A differenza, ad esempio, della genetica forense, che può contare su solide basi scientifiche e su soglie di probabilità ben determinate per quantificare i livelli di corrispondenza tra profili del DNA, la balistica comparativa soffre ancora di un diffuso empirismo, di valutazioni fortemente legate all’esperienza del singolo esaminatore e della quasi totale mancanza di standard di riferimento. Nel seguito introdurremo l’argomento, spiegando le basi teoriche della comparazione balistica e presentando al lettore il ragionamento statistico che permette di apprezzare il valore dei risultati analitici. Un terzo lavoro sarà poi integralmente dedicato alla stima del valore probatorio del confronto balistico, con la descrizione delle diverse scale valutative adottate in Europa e Stati Uniti e dei metodi statistici adoperati per la stima delle percentuali di corrispondenza.
GEO-TIMING NEI TABULATI DI TRAFFICO STORICO (II PARTE)
di Gianpaolo Zambonini e Claudio Fusco (N. I_MMXVi)
La Data Retention operata dagli Operatori telefonici per fini di giustizia e repressione dei reati è un’attività fondamentale su cui si basa l’attività investigativa condotta dalla Polizia giudiziaria, a cui spetta poi l’analisi dei tabulati di traffico storico. L’analisi tradizionale di questo tipo di dati può realizzarsi con un approccio metodologico articolato in tre step: il primo rappresenta la mera lettura in sequenza cronologica delle celle agganciate, il secondo la georeferenziazione su mappa degli indirizzi dove sono ubicate le celle, infine il terzo prevede la rappresentazione, sempre su mappa geo-referenziata, delle aree di copertura teoriche delle celle. L’esperienza maturata dalla Polizia Scientifica in questa tipologia di accertamenti, oltre ad evidenziare i limiti delle tecniche tradizionali finora esposte, ha consento di ampliare le fasi di analisi rappresentazione dei dati di traffico. Le Best Practices che ne sono scaturite hanno condotto alla implementazione di un quarto step differenziato in base alla tipologia di quesito.
GEO-TIMING NEI TABULATI DI TRAFFICO STORICO (I PARTE)
di Gianpaolo Zambonini e Claudio Fusco (N. III_MMXV)
La Data Retention operata dagli Operatori telefonici per fini di giustizia e repressione dei reati è un’attività fondamentale su cui si basa l’attività investigativa condotta dalla Polizia giudiziaria, a cui spetta poi l’analisi dei tabulati di traffico storico. L’analisi tradizionale di questo tipo di dati può realizzarsi con un approccio metodologico articolato in tre step: il primo rappresenta la mera lettura in sequenza cronologica delle celle agganciate, il secondo la georeferenziazione su mappa degli indirizzi dove sono ubicate le celle, infine il terzo prevede la rappresentazione, sempre su mappa geo-referenziata, delle aree di copertura teoriche delle celle. L’esperienza maturata dalla Polizia Scientifica in questa tipologia di accertamenti, oltre ad evidenziare i limiti delle tecniche tradizionali finora esposte, ha consento di ampliare le fasi di analisi rappresentazione dei dati di traffico. Le Best Practices che ne sono scaturite hanno condotto alla implementazione di un quarto step differenziato in base alla tipologia di quesito.
PRINCIPALI CRITICITÀ TECNICO GIURIDICHE LEGATE AGLI ACCERTAMENTI SUI RESIDUI DELLO SPARO
di Gianpaolo Zambonini (n.II_MMXV)
L’analisi dei residui dello sparo è uno degli aspetti più dibattuti nelle aule di tribunale per quanto concerne gli accertamenti forensi. Vari aspetti sono alla base delle controversie. L’unica problematica che realmente potrebbe inficiare i risultati di un accertamento è quella legata alla possibilità di contaminazione.
LA BALISTICA, COME STRUMENTO D’INDAGINE, GLI ACCERTAMENTI TECNICI, I PROFILI GIURIDICI
di Gianpaolo Zambonini (n.I_MMXV)
Con questo numero si apre la nuova sezione tematica “balistica”. La balistica è il ramo della fisica meccanica che studia il moto di un proiettile, inteso come un corpo inerte sottoposto alla forza di gravità e all’attrito viscoso. Oggi vera e propria scienza, si è differenziata in varie branche di studio: interna, esterna, terminale. Trasversalmente a tutte e tre le branche si muovono gli specialisti della Polizia Scientifica, che operano nel campo della balistica forense.

Altri articoli di Giovanni Tessitore

LA STIMA DELL’ERRORE NELLA DETERMINAZIONE DELL’ALTEZZA DI UN SOGGETTO RIPRESO DA UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA
di Sebastiano Battiato e Giovanni Tessitore (N. IV_MMXVI)
La diffusione dei sistemi di video-sorveglianza pubblici e privati rende frequente oggigiorno il caso in cui gli autori di un reato siano ripresi dalle telecamere di tali sistemi. La misura dell’altezza può essere un valido strumento per restringere la cerchia dei sospettati ed aiutare ad identificare i soggetti coinvolti. La stima dell’errore di misura deve sempre accompagnare le misure effettuate.