Sicurezza e Giustizia

RICOSTRUZIONE DI EVENTI E DI DINAMICHE ATTRAVERSO S.U.M.O., UN AVANZATO TOOL DI SIMULAZIONE DEL TRAFFICO URBANO

di Sebastiano Battiato, Oliver Giudice, Antonino Barbaro Paratore


L’ausilio di strumenti di simulazione informatica permette una più completa e per quanto possibile esaustiva valutazione degli eventi grazie alla capacità intrinseca di tali strumenti di generare automaticamente centinaia di migliaia di eventi, al variare di tutte le combinazioni di variabili e situazioni incognite. A tale scopo in questo articolo si presenta il software opensource “Simulation of Urban Mobility” (SUMO).


 

1. L’esperimento giudiziale
L’esperimento giudiziale (ref art. 218 c.p.p.) è il mezzo con il quale è possibile accertare se un fatto (rilevante a fini processuali) sia o possa essere avvenuto in un determinato modo, e consiste nella riproduzione, per quanto è possibile, della situazione in cui il fatto si afferma o si ritiene essere avvenuto e nella ripetizione delle modalità di svolgimento dello stesso. Ovviamente il fatto storico di reato è irripetibile; scopo dell’esperimento è quello di valutare la verosimiglianza della ricostruzione riproducendone le modalità di svolgimento. L’esperimento può ad esempio tendere ad accertare se in un determinato luogo il testimone abbia potuto effettivamente percepire quello che dice di avere visto o sentito. Il mezzo di prova si basa sulle metodologie proprie della sperimentazione scientifica ovvero formalizzazione, misurabilità della tecnica utilizzata e ripetibilità della stessa.

L’esperimento giudiziale è un mezzo di prova di tipo dinamico, che mira a valutare un evento sulla base della sua riproduzione artificiale in tutte le sue caratteristiche sia statiche che dinamiche. L’esperimento giudiziale può essere effettuato dunque, in varie circostanze e diversi modi.

A titolo esemplificativo, si immagini, di voler calcolare il tempo di percorrenza dal punto A (luogo in cui è avvenuto un incidente stradale), al punto B (luogo in cui è stato avvistato l’ipotetico pirata della strada 5 minuti dopo l’incidente), al fine di accertare che il sospettato 5 minuti prima potesse o meno trovarsi nel luogo dell’incidente. Per valutare quindi il tempo necessario a compiere il tragitto si potrebbe effettuare una prova su strada ripercorrendo il tragitto una o più volte con una comune automobile, magari dello stesso modello/marca dell’autoveicolo coinvolto.
Le domande che ci si pongono sono però le seguenti: quante simulazioni servono per dipanare ogni dubbio sulla presenza o meno del sospettato nel luogo di interesse esattamente 5 minuti prima? Cosa posso inferire a partire dai pochi dati certi a disposizione? Come comportarsi, infine, quando le condizioni stradali attuali non permettono di effettuare le dovute analisi a causa di un cambiamento della topologia stradale?

E’ evidente che l’ausilio di strumenti di simulazione informatica permette una più completa e per quanto possibile esaustiva valutazione degli eventi grazie alla capacità intrinseca di tali strumenti di generare automaticamente centinaia di migliaia di eventi al variare di tutte le combinazioni di variabili e situazioni incognite.

A tale scopo in questo articolo presentiamo il software “Simulation of Urban Mobility” (SUMO) in riferimento alle sue funzionalità che ben si prestano all’espletamento di un esperimento giudiziale.

2. Simulation of Urban Mobility
SUMO, è un tool open source di simulazione del traffico stradale, rilasciato nel 2002 dal Centro Aerospaziale Tedesco (DLR) [1]. Il software permette di creare reti stradali o di importarle se già esistenti, simulando su di esse la mobilità urbana al variare di numerosi elementi, quali ad esempio numero di veicoli circolanti, tipologie differenti di veicoli, presenza o meno di pedoni, indicazioni stradali, ecc. Per eseguire una simulazione in SUMO è necessario innanzitutto definire lo scenario nel quale i veicoli dovranno circolare, ovvero la rete stradale comprensiva di corsie, segnaletica, semafori, incroci e quant’altro utile alla rappresentazione della realtà e successivamente bisogna creare la “domanda di mobilità” che si intende simulare, ovvero l’elenco dei veicoli che prenderanno parte alla simulazione e le loro caratteristiche.

Per fare ciò, attraverso OpenStreetMap [2] è possibile esportare la rete stradale di interesse e importarla su SUMO.

L’aspetto interessante a fini forensi di questo tool, una volta definita la rete stradale su cui effettuare la sperimentazione, è proprio la possibilità di poter impostare e quindi controllare i svariati parametri e/o le regole che gli attori presenti nella sperimentazione dovranno rispettare. All’interno di un apposito file (rou.xml) è possibile definire le categorie di veicoli incluse nella simulazione e associare a queste degli attributi che rispecchiano le macro-caratteristiche della tipologia di veicolo di appartenenza.

Alcuni degli attributi assegnabili ad una determinata tipologia di veicolo sono i seguenti:

 

….continua su EDICOLeA

 


Altri articoli di Sebastiano Battiato

ANALISI VIBRAZIONALE AVANZATA (AVA): UN ALGORITMO INNOVATIVO PER L’ESECUZIONE DI INTERCETTAZIONI AMBIENTALI
di Francesco Rundo, Sebastiano Battiato, Sabrina Conoci e A. Luigi Di Stallo (N. I_MMXVIII)
Decreto legislativo 29 dicembre 2017, n. 216. Con decorrenza Gennaio 2018, entra in vigore la riforma della disciplina delle intercettazioni attuata con il decreto legislativo 29 dicembre 2017, n. 216: “Disposizioni in materia di intercettazioni di conversazioni o comunicazioni, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 82, 83 e 84, lettere a), b), c), d) ed e), della legge 23 giugno 2017, n. 103”. La riforma rafforza il ruolo delle intercettazioni come indispensabile strumento di indagine ed investigazione forense. Nell’ambito di questa riforma, gli autori intendono illustrare nel presente articolo, una innovativa pipeline di elaborazione dati che consente, sotto opportune ipotesi, la ricostruzione delle conversazioni tra due o piu’ soggetti, dal solo filmato video (a risoluzione e frame-rate tipici di uno dispositivo di acquisizione video di ultima generazione) senza avere accesso alla relativa traccia audio associata.
SISTEMI “POINT OF CARE” PER LE INDAGINI GENETICHE IN AMBITO FORENSE
di Sabrina Conoci , Salvatore Petralia, Francesco Rundo, Sebastiano Battiato (N. I_MMXVII)
Un’attenta disamina dei processi penali più recenti (alcuni dei quali divenuti “mediatici”) ha evidenziato il ruolo dirompente dell’analisi genetica e bio-molecolare nelle indagini investigative eseguite dagli inquirenti. Quando viene richiesta la repertazione di campioni biologici, le procedure adottate per il campionamento e successiva analisi delle tracce, devono rispettare standard di altissimo rigore scientifico grazie ai quali è poi possibile garantire l’accuratezza, la ripetibilità e l’assenza di contaminazione dovuta ad una non conforme procedura di repertazione o ad una errata catena di custodia del reperto. Nell’articolo che segue, gli autori illustreranno le potenzialità dei sistemi c.d. “Point of Care”(PoC) genetici” sia in riferimento all’indagine genetica in ambito forense che, in generale, come strumento per l’analisi in loco di reperti biologici rinvenuti nella scena di un crimine. Il “PoC genetico” può essere definito come sistema in grado di eseguire il processo diagnostico sample-in-answer-out senza intervento di un complesso laboratorio analitico. Esso è costituito in concreto dalla combinazione tra un sistema di detezione per il riconoscimento della composizione genetica e bio-molecolare del campione, da un sistema di trasduzione ottica od elettrica del segnale e da un sistema di post-processing dei dati, che si avvale di algortimi di interpretazione “immediata” delle rilevazioni acquisite, le quali produrrano in concreto report sulla profilazione del DNA campionato.
LA STIMA DELL’ERRORE NELLA DETERMINAZIONE DELL’ALTEZZA DI UN SOGGETTO RIPRESO DA UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA
di Sebastiano Battiato e Giovanni Tessitore (N. IV_MMXVI)
La diffusione dei sistemi di video-sorveglianza pubblici e privati rende frequente oggigiorno il caso in cui gli autori di un reato siano ripresi dalle telecamere di tali sistemi. La misura dell’altezza può essere un valido strumento per restringere la cerchia dei sospettati ed aiutare ad identificare i soggetti coinvolti. La stima dell’errore di misura deve sempre accompagnare le misure effettuate.
MEDICAL IMAGE ENHANCEMENT NEI PROCEDIMENTI GIUDIZIARI MEDICO-LEGALI IN AMBITO ONCOLOGICO
di Francesco Rundo, Edoardo Tusa, Sebastiano Battiato (N. I_MMXVI)
La professione medica e sanitaria riveste un ruolo cruciale nel tessuto sociale ed economico del nostro Paese, attese peraltro le numerose vicende giudiziarie che hanno costretto, non da ultimo, il legislatore ad innovare nuovamente il quadro normativo che regolamenta e disciplina le azioni giudiziarie per errore medico. In questo quadro piuttosto complesso in cui si contrappongono gli interessi dei pazienti a quelli della professione medico-sanitaria è certamente attuale la figura del consulente tecnico (sia di parte che d’ufficio) che nei contenziosi medico-legali ha l’arduo compito di valutare con giudizio e rigore scientifico l’operato del professionista medico chiamato a rispondere del proprio operato. L’obiettivo del consulente tecnico è, dunque, quello di indirizzare opportunamente l’adito giudicante al fine di discriminare con ragionevole certezza l’errore volontario, doloso o colposo commesso dal professionista per imperizia, negligenza, superficialità ovvero per mancata adesione alle linee guida adottate dalla comunita scientifica, dagli scenari in cui nonostante il risultato avverso per il paziente questo non sia imputabile al professionista medico che ha , dunque, esercitato la sua professione al meglio delle proprie possibilità difettando, in concreto, il c.d. nesso eziologico. Nell’articolo proposto si mostreranno, attraverso la presentazione di un caso-studio in ambito oncologico, gli enormi vantaggi che la costituzione di un team di consulenza multi-disciplinare composto oltre che da medici, anche da ingegneri e matematici, può apportare nei contenziosi medico-legali sia in ambito civile che penale. Nello specifico, il team multi-disciplinare costituito dagli autori (medico-legale, ingegnere, informatico, matematico) attraverso un’analisi rigorosa delle immagini mediche riferite al caso presentato, messe peraltro in relazione con le linee guida adottate dalla comunita medica, ha sensibilmente elevato il livello di accuratezza scientifica della valutazione medico-legale del caso esaminato con l’ovvia conseguenza in relazione al peso probatorio che una tale analisi avrà in sede giudiziaria qualora il paziente decida di adire le vie legali.
VERIFICA DELL’ATTENDIBILITÀ DI UN ALIBI COSTITUITO DA IMMAGINI O VIDEO
di Sebastiano Battiato e Fausto Galvan (N. II_MMXIV)
Tra le conseguenze che l’informatizzazione globale ha sul mondo delle investigazioni, vi è il sempre maggior utilizzo di strumenti digitali per la creazione di alibi. In questo contesto, le immagini e/o i video opportunamente modificati sono molto sfruttati. Al fine di rivelare le manipolazioni dei documenti visivi, oltre ai metodi forniti dalla Image Forensics “classica” vengono qui considerati, in una visione più globale del fenomeno falsificatorio, gli approcci che analizzano la possibile presenza di falsi originali. Alcuni esempi tratti da casi reali completano la trattazione.
RICOSTRUZIONE DI INFORMAZIONI 3D A PARTIRE DA IMMAGINI BIDIMENSIONALI
di Sebastiano Battiato e Fausto Galvan ( n.IV_MMXIII )
Tra gli strumenti di indagine disponibili oggigiorno, cominciano a farsi strada anche metodi che permettono di estrapolare da una (o più) immagini informazioni relative alle dimensione di oggetti e/o persone fotografate. Alcuni di questi algoritmi rendono possibile ricostruire l’intera scena 3D ripresa dalla camera al momento dello scatto. Dopo una breve introduzione alla teoria matematica di riferimento verranno brevemente elencati alcuni risultati di rilievo già utilizzati ampiamente in ambito investigativo.
LA VALIDITÀ PROBATORIA DELLE IMMAGINI E DEI VIDEO
di Sebastiano Battiato e Fausto Galvan ( n.II_MMXIII )
Il numero di immagini in circolazione sul web, e non solo, è in costante aumento. Questo scenario ha un inevitabile riscontro in ambito forense: è sempre più improbabile che un evento delittuoso possa consumarsi senza che la scena del crimine o parte di essa, oppure l’autore del fatto, non vengano ripresi da un sistema di videosorveglianza. La relativa facilità con cui al giorno d’oggi l’uso di software di fotoritocco o di editing video, anche di facile reperimento, permette di “comporre” una immagine o “montare” una scena alterandone i contenuti originari impone che l’acquisizione ed il trattamento di immagini e video digitali sia regolato da “best practice” di riferimento.