Sicurezza e Giustizia

LA STIMA DELL’ERRORE NELLA DETERMINAZIONE DELL’ALTEZZA DI UN SOGGETTO RIPRESO DA UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

di Sebastiano Battiato e Giovanni Tessitore

La diffusione dei sistemi di video-sorveglianza pubblici e privati rende frequente oggigiorno il caso in cui gli autori di un reato siano ripresi dalle telecamere di tali sistemi.
La misura dell’altezza può essere un valido strumento per restringere la cerchia dei sospettati ed aiutare ad identificare i soggetti coinvolti. La stima dell’errore di misura deve sempre accompagnare le misure effettuate.

ERRATA-CORRIGE: a pag. 41 il risultato della simulazione riportato come 174,4 cm +-5,2 è da intendersi invece come 175,6 cm +-5,2

pdf-icon

 


 

1.     Introduzione
La diffusione dei sistemi di video-sorveglianza pubblici e privati rende oggigiorno frequente il caso in cui gli autori di un reato siano ripresi dalle telecamere di tali sistemi che diventano dunque fondamentali per lo sviluppo delle indagini e che possono acquisire, se trattati opportunamente [1], effettivo valore probatorio [2].
L’analisi dei filmati della scena del crimine oppure di zone limitrofe o in qualche modo collegate ad essa, è spesso strategica per la ricostruzione della dinamica crimanale e per l’individuazione dei soggetti coinvolti. E’ di tutta evidenza, infatti, che dall’esame di un volto, dall’analisi delle caratteristiche antropometriche di un soggetto o del suo abbigliamento, si possano ricavare tasselli importanti per la ricostruzione dell’evento criminale. E’ altrettanto evidente che sebbene l’informazione cardine per l’identificazione di un soggetto sia legata alle caratteristiche fisionomiche del volto, in molti casi la qualità delle immagini non permette di procedere in tal senso (ad esempio per la bassa risoluzione o perché il volto non è visibile) e si può tentare di restringere la cerchia dei sospettati mediante una stima dell’altezza.

Ad esempio nell’attentato dinamitardo alla scuola “Falcone Morvillo” di Brindisi avvenuto nel 2012 e costato la vita ad una giovane studentessa, la determinazione dell’altezza risultò fondamentale per la riuscita delle indagini. In quel caso il sistema di videosorveglianza di un’edicola inquadrava un soggetto nei pressi della scuola ma la qualità delle immagini non ne permetteva il riconoscimento dalle caratteristiche del volto (Figura 1). Tuttavia la stima dell’altezza permise di appurare che doveva trattarsi di una persona particolarmente “bassa”; questa informazione risultò utile alle indagini che si conclusero positivamente con l’identificazione del soggetto risultato poi il colpevole.

La stima dell’altezza risente anch’essa della risoluzione e dalla qualità complessiva delle immagini ed in genere ha margini di errore dell’ordine dei 3/5 cm da aggiungere o sottrarre alla stima ottenuta. Dunque, nella realtà operativa, tale accertamento tecnico é di interesse soprattutto se il soggetto ha un statura significativamente differente dai valori medi. A tal proposito secondo vari studi fra cui [3] e le statistiche ISTAT più recenti in merito, l’altezza media dei maschi italiani risulta compresa tra 173 e 176 con un chiaro trend crescente delle generazioni più recenti (https://it.wikipedia.org/wiki/Statura).

La letteratura scientifica [4, 5] propone diversi approcci al problema della stima dell’altezza; alcuni di essi richiedono un sopralluogo sul posto, altri il calcolo della cosiddetta “matrice di proiezione” ovvero delle “regole” che hanno permesso di trasformare i punti 3D della scena reale in punti 2D dell’immagine nel sistema considerato [8, 9].

 

2.     Tecnica della stadia metrica o “reverse projection”
Tra le differenti metodologie descritte in letteratura per la stima dell’altezza a partire da una immagine, quella della stadia metrica è certamente tra le più semplici ed intuitive ma presuppone che il sistema di video-sorveglianza (posizionamento della telecamera e sistema di registrazione DVR) siano rimasti immutati rispetto al momento in cui è stato ripreso l’evento criminoso. In quest’ultimo caso bisogna anche accertarsi che le condizioni di acquisizione del sistema (ad es. l’illuminazione della scena) siano tra loro compatibili. Se tale circostanza occorre, è possibile, attraverso un sopralluogo sul posto, collocare una stadia metrica nella stessa posizione in cui si trovava il soggetto di cui si vuole determinare l’altezza, avendo cura che la stessa sia perfettamente ortogonale al terreno. Questo è un passaggio molto delicato perché un posizionamento approssimativo condurrebbe ad una stima errata dell’altezza; per tale ragione si è soliti impiegare un mixer video per “miscelare” le immagine originali ritraenti il soggetto da misurare con il video proveniente dalla telecamera che inquadra la stadia metrica e riposizionare quest’ultima fino a quando non si è soddisfatti dell’allineamento ottenuto.

Una volta individuata la corretta sovrapposizione tra l’immagine del soggetto da misurare e la stadia metrica si legge da quest’ultima l’altezza del soggetto (vedi Figura 2).

battiato_tessitore_2

Sebbene semplice, la tecnica della stadia metrica risulta molto efficace in quanto “riproietta” nella scena, da qui anche il nome di reverse projection, una stadia metrica applicando ad essa le stesse identiche trasformazioni (proiezione, distorsione, codifica dell’immagine, ecc.) che hanno generato l’immagine del soggetto indiziato.
Tuttavia, da quanto esposto, è possibile desumere anche le principali problematiche ad essa legate:
difficoltà nel posizionamento della stadia metrica;
il sistema di video-sorveglianza (telecamera e DVR) non deve aver subito modifiche;
è necessario un sopralluogo sul posto;
l’utilizzo del mixer per la sovrapposizione delle immagini può essere difficoltoso per l’interfacciamento con il sistema di video-sorveglianza o per l’impiego da parte di quest’ultimo di formati video proprietari;
difficoltà nel “leggere” il valore dell’altezza riportato dalla stadia metrica quando la qualità delle immagini è scarsa o con avverse condizioni ambientali (ad es. illuminazione);
nel caso in cui si voglia effettuare la stima dell’altezza di un soggetto inizialmente non considerato nelle indagini è necessario ripetere l’intero procedimento di misura ivi compreso ovviamente il sopralluogo.

 

3.     Stima dell’errore di misura
Resta da stabilire l’errore associato alla stima dell’altezza () ottenuta. A tal proposito va prima di tutto notato che nella stima intervengono due diverse tipologie di errori: un errore sistematico () perlopiù costante al ripetersi delle misurazioni anche se non necessariamente noto a priori, ed un errore casuale () che influenza la stima della misura in maniera casuale in eccesso o in difetto.
Entrambi gli errori possono essere stimati a partire da misurazioni ripetute dell’altezza di soggetti di altezza nota posti in posizione simile a quello del soggetto in esame e possibilmente nella stessa postura. Vediamo brevemente come procedere.
Considerato il soggetto di test -esimo sarà possibile calcolare la differenza tra l’altezza nota del soggetto () e quella stimata dal metodo (). [..

[..]
Al fine di illustrare concretamente l’applicazione delle formule appena esposte, consideriamo il seguente esempio in cui 4 soggetti di test sono misurati 2 volte da due diversi operatori in maniera indipendente. Supponiamo inoltre di avere un sospettato la cui altezza, con le scarpe indossate, è pari a 176 cm.

I dati ottenuti sono riportati in Tabella 3.

L’errore sistematico si ricava dalla media degli errori su tutti i soggetti e tutte le misurazioni degli operatori ottenendo nel caso specifico un valore pari a 0.6 cm. L’errore casuale si ottiene invece applicando in successione le formule (1) e (2) per N=8.
Considerando un livello di confidenza al 95% si ottiene una stima finale pari a 174,4 cm ± 5,2.

Dunque l’ipotesi che il sospettato (176 cm) abbia la stessa altezza della persona ripresa dal sistema di video-sorveglianza non può essere rigettata con un livello di significatività del 95%.

Giova evidenziare che il processo di stima dell’errore di misura, appena illustrato, è indipendente dallo specifico metodo di determinazione dell’altezza e potrà essere impiegato anche in combinazione con altre tecniche (ad esempio Single View Metrology [7]). E’ inoltre evidente che nel caso in cui si voglia confrontare il risultato ottenuto con l’altezza di un sospettato bisognerebbe tenere in considerazione anche la distribuzione di tale valore di altezza nella popolazione di riferimento in quanto la “forza” dell’accertamento è diversa a seconda che si abbia a che fare con un soggetto di altezza tipica, cioè vicino alla media,  rispetto ad un soggetto particolarmente basso o alto. La “forza” dell’accertamento può essere quantificata in termini di Likelihood Ratio [6] come sarà illustrato in un successivo articolo.

 

4.     Conclusioni
L’estrazione di misure antropometriche da immagini di videosorveglianza richiede un’attenta disamina delle caratteristiche complessive del sistema su cui si opera che comprende, la scena e lo stesso sistema di videosorveglianza. In questo articolo ci si è soffermati sulla necessità di tenere conto nel processo di misurazione, dei possibili errori sistematici e casuali da tenere in considerazione ai fini di una corretta procedura di stima dell’altezza. ©

 

REFERENZE
S. Battiato, A. Catania, F. Galvan, M. Jerian, L.P. Fontana – Acquisizione ed Analisi Forense di Sistemi di Videosorveglianza – Chapter in IISFA Memberbook 2014 DIGITAL FORENSICS – Eds. G. Costabile, A. Attanasio – Experta, Italy 2015.
T. Valentine, J. P. Davis – Forensics Facial Identification – Theory and Practice of Identification from Eyewitnesses, Composites and CCTV -, (June 2015), Wiley-Blackwell
P. Grasgruber, , J. Cacek, T. Kalina, M. Sebera – “The role of nutrition and genetics as key determinants of the positive height trend – – Economics & Human Biolog, Volume 15, December 2014, Pages 81–100 – Elsevier Editore”
G. Edelman, G., I. Alberink. “Estimation of body heights in digital images.” Wiley Encyclopedia of Forensic Science, John Wiley & Sons Ltd., Chichester, UK (2009): 1624-1632.
I. Alberink, A. Bolck. “Obtaining confidence intervals and likelihood ratios for body height estimations in images.” Forensic science international 177.2 (2008)
D. Lucy, Introduction to Statistics for Forensics Scientist Wiley, 2006
A. Criminisi, I. Reid, and A. Zisserman, Single View Metrology, in International Journal of Computer Vision, vol. 40, no. 2, pp. 123-148, Nov. 2000
S.Battiato, F. Galvan – Ricostruzione di Informazioni 3D a Partire da Immagini – Sicurezza e Giustizia – Numero IV/MMXIII – pp. 38-40 – 2013.
A. Fusiello: “Visione computazionale. Tecniche di ricostruzione tridimensionale”. Franco Angeli, Milano, (2013).

 


 

Altri articoli di Sebastiano Battiato

IMAGE/VIDEO FORENSICS: THEORETICAL BACKGROUND, METHODS AND BEST PRACTICES – Part two: From analog to digital world -
by Fausto Galvan and Sebastiano Battiato (N. I_MMXIX)
From the beginning of this century, Image/Video Forensics experts faced the need to extract the largest number of information from a digital visual content, developing a plethora of methods and algorithms. These approaches, which may concern the authentication of images or videos, the identification of the device in which the visual data was originated, or the alterations to which the document has been subjected, find applications both in the civil and criminal context. In a series of three papers, we provide first an introductory part about the powerful impact of images and videos in today’s reality, followed by a section where we highlight the differences between the analog and digital age in the formation of an image. Then we will define what is a digital evidence, and we will introduce Image/Video Forensics as a branch of the forensic sciences, highlighting its potential and limits. In the following, we will examine in detail some methods allowing to retrieve information from images when they are not readily available, and finally will provided a list of free and non-free software to face the daily challenges coming from processing images and videos for forensic purposes. The work ends with a list of publications containing the Best Practices in the field.
IMAGE/VIDEO FORENSICS: THEORETICAL BACKGROUND, METHODS AND BEST PRACTICES – Part one: Can we trust Images and Videos? -
by Fausto Galvan and Sebastiano Battiato (N. IV_MMXVIII)
From the beginning of this century, Image/Video Forensics experts faced the need to extract the largest number of information from a digital visual content, developing a plethora of methods and algorithms. These approaches, which may concern the authentication of images or videos, the identification of the device in which the visual data was originated, or the alterations to which the document has been subjected, find applications both in the civil and criminal context. In a series of three papers, we provide first an introductory part about the powerful impact of images and videos in today’s reality, followed by a section where we highlight the differences between the analog and digital age in the formation of an image. Then we will define what is a digital evidence, and we will introduce Image/Video Forensics as a branch of the forensic sciences, highlighting its potential and limits. In the following, we will examine in detail some methods allowing to retrieve information from images when they are not readily available, and finally will provided a list of free and non-free software to face the daily challenges coming from processing images and videos for forensic purposes. The work ends with a list of publications containing the Best Practices in the field.
RICOSTRUZIONE DI EVENTI E DI DINAMICHE ATTRAVERSO S.U.M.O., UN AVANZATO TOOL DI SIMULAZIONE DEL TRAFFICO URBANO -
di Sebastiano Battiato, Oliver Giudice, Antonino Barbaro Paratore (N. III_MMXVIII)
L’ausilio di strumenti di simulazione informatica permette una più completa e per quanto possibile esaustiva valutazione degli eventi grazie alla capacità intrinseca di tali strumenti di generare automaticamente centinaia di migliaia di eventi, al variare di tutte le combinazioni di variabili e situazioni incognite. A tale scopo in questo articolo si presenta il software opensource “Simulation of Urban Mobility” (SUMO).
ANALISI VIBRAZIONALE AVANZATA (AVA): UN ALGORITMO INNOVATIVO PER L’ESECUZIONE DI INTERCETTAZIONI AMBIENTALI -
di Francesco Rundo, Sebastiano Battiato, Sabrina Conoci e A. Luigi Di Stallo (N. I_MMXVIII)
Decreto legislativo 29 dicembre 2017, n. 216. Con decorrenza Gennaio 2018, entra in vigore la riforma della disciplina delle intercettazioni attuata con il decreto legislativo 29 dicembre 2017, n. 216: “Disposizioni in materia di intercettazioni di conversazioni o comunicazioni, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 82, 83 e 84, lettere a), b), c), d) ed e), della legge 23 giugno 2017, n. 103”. La riforma rafforza il ruolo delle intercettazioni come indispensabile strumento di indagine ed investigazione forense. Nell’ambito di questa riforma, gli autori intendono illustrare nel presente articolo, una innovativa pipeline di elaborazione dati che consente, sotto opportune ipotesi, la ricostruzione delle conversazioni tra due o piu’ soggetti, dal solo filmato video (a risoluzione e frame-rate tipici di uno dispositivo di acquisizione video di ultima generazione) senza avere accesso alla relativa traccia audio associata.
SISTEMI “POINT OF CARE” PER LE INDAGINI GENETICHE IN AMBITO FORENSE -
di Sabrina Conoci , Salvatore Petralia, Francesco Rundo, Sebastiano Battiato (N. I_MMXVII)
Un’attenta disamina dei processi penali più recenti (alcuni dei quali divenuti “mediatici”) ha evidenziato il ruolo dirompente dell’analisi genetica e bio-molecolare nelle indagini investigative eseguite dagli inquirenti. Quando viene richiesta la repertazione di campioni biologici, le procedure adottate per il campionamento e successiva analisi delle tracce, devono rispettare standard di altissimo rigore scientifico grazie ai quali è poi possibile garantire l’accuratezza, la ripetibilità e l’assenza di contaminazione dovuta ad una non conforme procedura di repertazione o ad una errata catena di custodia del reperto. Nell’articolo che segue, gli autori illustreranno le potenzialità dei sistemi c.d. “Point of Care”(PoC) genetici” sia in riferimento all’indagine genetica in ambito forense che, in generale, come strumento per l’analisi in loco di reperti biologici rinvenuti nella scena di un crimine. Il “PoC genetico” può essere definito come sistema in grado di eseguire il processo diagnostico sample-in-answer-out senza intervento di un complesso laboratorio analitico. Esso è costituito in concreto dalla combinazione tra un sistema di detezione per il riconoscimento della composizione genetica e bio-molecolare del campione, da un sistema di trasduzione ottica od elettrica del segnale e da un sistema di post-processing dei dati, che si avvale di algortimi di interpretazione “immediata” delle rilevazioni acquisite, le quali produrrano in concreto report sulla profilazione del DNA campionato.
MEDICAL IMAGE ENHANCEMENT NEI PROCEDIMENTI GIUDIZIARI MEDICO-LEGALI IN AMBITO ONCOLOGICO -
di Francesco Rundo, Edoardo Tusa, Sebastiano Battiato (N. I_MMXVI)
La professione medica e sanitaria riveste un ruolo cruciale nel tessuto sociale ed economico del nostro Paese, attese peraltro le numerose vicende giudiziarie che hanno costretto, non da ultimo, il legislatore ad innovare nuovamente il quadro normativo che regolamenta e disciplina le azioni giudiziarie per errore medico. In questo quadro piuttosto complesso in cui si contrappongono gli interessi dei pazienti a quelli della professione medico-sanitaria è certamente attuale la figura del consulente tecnico (sia di parte che d’ufficio) che nei contenziosi medico-legali ha l’arduo compito di valutare con giudizio e rigore scientifico l’operato del professionista medico chiamato a rispondere del proprio operato. L’obiettivo del consulente tecnico è, dunque, quello di indirizzare opportunamente l’adito giudicante al fine di discriminare con ragionevole certezza l’errore volontario, doloso o colposo commesso dal professionista per imperizia, negligenza, superficialità ovvero per mancata adesione alle linee guida adottate dalla comunita scientifica, dagli scenari in cui nonostante il risultato avverso per il paziente questo non sia imputabile al professionista medico che ha , dunque, esercitato la sua professione al meglio delle proprie possibilità difettando, in concreto, il c.d. nesso eziologico. Nell’articolo proposto si mostreranno, attraverso la presentazione di un caso-studio in ambito oncologico, gli enormi vantaggi che la costituzione di un team di consulenza multi-disciplinare composto oltre che da medici, anche da ingegneri e matematici, può apportare nei contenziosi medico-legali sia in ambito civile che penale. Nello specifico, il team multi-disciplinare costituito dagli autori (medico-legale, ingegnere, informatico, matematico) attraverso un’analisi rigorosa delle immagini mediche riferite al caso presentato, messe peraltro in relazione con le linee guida adottate dalla comunita medica, ha sensibilmente elevato il livello di accuratezza scientifica della valutazione medico-legale del caso esaminato con l’ovvia conseguenza in relazione al peso probatorio che una tale analisi avrà in sede giudiziaria qualora il paziente decida di adire le vie legali.
VERIFICA DELL’ATTENDIBILITÀ DI UN ALIBI COSTITUITO DA IMMAGINI O VIDEO -
di Sebastiano Battiato e Fausto Galvan (N. II_MMXIV)
Tra le conseguenze che l’informatizzazione globale ha sul mondo delle investigazioni, vi è il sempre maggior utilizzo di strumenti digitali per la creazione di alibi. In questo contesto, le immagini e/o i video opportunamente modificati sono molto sfruttati. Al fine di rivelare le manipolazioni dei documenti visivi, oltre ai metodi forniti dalla Image Forensics “classica” vengono qui considerati, in una visione più globale del fenomeno falsificatorio, gli approcci che analizzano la possibile presenza di falsi originali. Alcuni esempi tratti da casi reali completano la trattazione.
RICOSTRUZIONE DI INFORMAZIONI 3D A PARTIRE DA IMMAGINI BIDIMENSIONALI -
di Sebastiano Battiato e Fausto Galvan ( n.IV_MMXIII )
Tra gli strumenti di indagine disponibili oggigiorno, cominciano a farsi strada anche metodi che permettono di estrapolare da una (o più) immagini informazioni relative alle dimensione di oggetti e/o persone fotografate. Alcuni di questi algoritmi rendono possibile ricostruire l’intera scena 3D ripresa dalla camera al momento dello scatto. Dopo una breve introduzione alla teoria matematica di riferimento verranno brevemente elencati alcuni risultati di rilievo già utilizzati ampiamente in ambito investigativo.
LA VALIDITÀ PROBATORIA DELLE IMMAGINI E DEI VIDEO -
di Sebastiano Battiato e Fausto Galvan ( n.II_MMXIII )
Il numero di immagini in circolazione sul web, e non solo, è in costante aumento. Questo scenario ha un inevitabile riscontro in ambito forense: è sempre più improbabile che un evento delittuoso possa consumarsi senza che la scena del crimine o parte di essa, oppure l’autore del fatto, non vengano ripresi da un sistema di videosorveglianza. La relativa facilità con cui al giorno d’oggi l’uso di software di fotoritocco o di editing video, anche di facile reperimento, permette di “comporre” una immagine o “montare” una scena alterandone i contenuti originari impone che l’acquisizione ed il trattamento di immagini e video digitali sia regolato da “best practice” di riferimento.

 

Altri articoli di Giovanni Tessitore

LE INNOVATIVE TECNICHE DI SOPRALLUOGO E RICOSTRUZIONE 3D APPLICATE AL COLD CASE DELL’OMICIDIO DI POLI VALERIANO -
di Gianluca Badalamenti, Gianpaolo Zambonini, Giovanni Tessitore (N. III_MMXVIII)
Valeriano Poli era il buttafuori della discoteca TNT e ucciso in un agguato in via della Foscherara, il 5 dicembre 1999. Nel giugno del 2018 il gip ha ordinato l’arresto per Stefano Monti, 59 anni, accusato di quel delitto avvenuto 20 anni prima. Questo cold case è stato risolto grazie all’introduzione di tecniche di virtualizzazione di reperti e dei luoghi reali in ambienti tridimensionali ricreati al computer con la successiva simulazione dei fenomeni fisici che in esso accadono.