Sicurezza e Giustizia

FALSO PROFILO SU FACEBOOK PER CONTROLLARE IL LAVORATORE COSTITUISCE CONTROLLO DIFENSIVO

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail 2 ' di lettura

di Angela Gabriele

Corte di Cassazione, Sezione IV Lavoro, sentenza n. 10955 del 17 dicembre 2014 e depositata il 27 maggio 2015

La creazione, da parte di preposto aziendale e per conto del datore di lavoro, di un falso profilo Facebook, al fine di effettuare un controllo sull’attività del lavoratore, già in precedenza allontanatosi dalla postazione lavorativa per parlare al cellulare, esula dal divieto di cui all’art. 4 dello Statuto dei lavoratori, trattandosi di controllo difensivo, volto alla tutela dei beni aziendali, insuscettibile di violare gli obblighi di buona fede e correttezza in quanto mera modalità di accertamento dell’illecito comportamento del dipendente.


 

Negli ultimi anni l’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori (L. n. 300/1970), da un lato, è stato sempre più interpretato in favore del datore per crescenti necessità di generale sicurezza sui posti di lavoro, dall’altro, è stato escluso dall’applicabilità quando la finalità perseguita è il diritto alla salvaguardia del patrimonio aziendale. Dunque nonostante la premessa della norma sia inequivocabile (“È vietato l’uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori”), le “eccezioni” ormai sono varie e numerose trovando giustificazione nei commi successivi dello stesso articolo, in un recente intervento del Governo e nella tipologia delle finalità perseguite che da ultimo ha approfondito la IV Sezione Lavoro della Cassazione con la sentenza n. 10955 del 17 dicembre 2014 e depositata il 27 maggio 2015.

Innanzitutto l’art. 4, L. n. 300/1970, consente comunque l’installazione di impianti e apparecchiature di controllo che risultino necessari per esigenze organizzative e produttive ovvero per la sicurezza del lavoro, a condizione che vi sia un previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali o una commissione interna, se da tali installazioni può derivare anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori. In mancanza di accordo, il datore di lavoro può fare istanza all’Ispettorato del lavoro il quale detterà, ove occorra, le modalità per l’uso di tali impianti.

Particolare il caso su cui si è pronunciata la Corte di Cassazione – Sez. Penale con la sentenza 17 aprile – 11 giugno 2012, n. 22611. Ricorreva alla Suprema Corte una datrice di lavoro condannata per aver installato telecamere di videosorveglianza nell’ambito aziendale senza aver previamente preso accordi con le rappresentanze sindacali né aver interpellato l’Ispettorato del lavoro, la quale però aveva un apposito documento autorizzativo sottoscritto da tutti i dipendenti. La Cassazione Penale ha quindi affermato che “non può essere ignorato il dato obiettivo – ed indiscusso – che, nel caso che occupa, era stato acquisito l’assenso di tutti i dipendenti attraverso la sottoscrizione da parte loro di un documento esplicito. Orbene, se è vero che non si trattava né di autorizzazione della RSU né di quella di una “commissione interna”, logica vuole che il più contenga il meno sì che non può essere negata validità ad un consenso chiaro ed espresso proveniente dalla totalità dei lavoratori e non soltanto da una loro rappresentanza. … l’esistenza di un consenso validamente prestato da parte di chi sia titolare del bene protetto, esclude la integrazione dell’illecito”(Cass. – Sez. III Penale 17 aprile – 11 giugno 2012, n. 22611).

Ad ulteriore “ammorbidimento” del divieto dell’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, è giunta la nota del Ministero del Lavoro, nello specifico dalla Direzione Generale dell’Attività Ispettiva, Prot. 37/0007162/MA008.A002 del 16 aprile 2012 che ha snellito ancor più le procedure per il rilascio delle autorizzazioni all’installazione di impianti di controllo a distanza da parte delle direzioni provinciali territoriali. La premessa del provvedimento motiva la sua emissione soprattutto perché “lo snellimento delle procedure si rende ormai indispensabile in quanto negli ultimi anni sono aumentate in maniera quasi esponenziale le richieste di autorizzazione … sia per la grande diffusione di questi impianti sia perché l’utilizzo di tali sistemi, compatti e poco costosi, si è diffuso in moltissimi piccoli esercizi commerciali dove non sono presenti rappresentanze sindacali aziendali”. Dato che la prassi operativa fino ad allora prevedeva un sopralluogo di un ispettore per valutare le caratteristiche del sistema e la rispondenza a quanto dichiarato, richiedendo così un notevole impiego di risorse ispettive spesso non giustificate dalle dimensioni della piccola impresa interessata, l’intervento ministeriale è mirato a fornire una prassi semplificativa ed uniforme.

 

…continua su EDICOLeA e sull’APP gratuita (iOSAndroid)

 


 

Altri articoli di Angela Gabriele

UN PORTALE COMMERCIALE DI NEWS RISPONDE DI DIFFAMAZIONE SE NON RIMUOVE LE OFFESE DI TERZI
di Angela Gabriele (N. IV_MMXV)
Corte europea dei diritti dell’Uomo, Grande Camera, sentenza del 16 giugno 2015 (ricorso n. 64569/09). La Corte europea dei diritti dell’Uomo ha respinto il ricorso di una società estone, che gestisce un portale di informazione, pubblicando articoli e notizie e consentendo l’aggiunta di commenti, senza moderazione e senza registrazione obbligatoria. Il manager di una società di traghetti era stato vittima di commenti offensivi e ne aveva chiesto la rimozione, avvenuta dopo 6 settimane. Di qui l’azione giudiziaria e la condanna del portale a una sanzione pecuniaria di 320 euro.
LINEE GUIDA IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI PER PROFILAZIONE ONLINE
di Angela Gabriele (n.II_MMXV)
Il Garante privacy, con il provvedimento n. 161/2015, ha deliberato l’adozione di specifiche “Linee guida” per garantire il rispetto dei principi per la protezione dei dati personali nell’espletamento delle attività dei soggetti che offrono servizi online accessibili al pubblico attraverso reti di comunicazione elettronica.
LE VITTIME DI STALKING NON DEVONO DIMOSTRARE LA NATURA DEL DISAGIO PSICHICO
di Angela Gabriele (n.I_MMXV)
Corte di Cassazione - sentenza n. 20531/2014. Il perdurante e grave stato di ansia o di paura, il fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto e l’alterazione delle abitudini di vita costituiscono “eventi di danno alternativamente contemplati dall’art. 612 - bis cod. pen.”; dall’altro, ai fini della integrazione del reato de quo “non si richiede l’accertamento di uno stato patologico ma è sufficiente che gli atti ritenuti persecutori [...] abbiano un effetto destabilizzante della serenità e dell’equilibrio psicologico della vittima”.
L’ADESIONE SPONTANEA ALLA CANCELLAZIONE DEI DATI PERSONALI DA PARTE DEGLI INTERESSATI, EX ART.149 DEL CODICE PRIVACY, NON ESCLUDE IL RISARCIMENTO DEI DANNI
di Angela Gabriele
Con la sentenza n. 19534/2014 la Cassazione ha confermato che la statuizione di non luogo a provvedere assunta dal Garante della Privacy ex art. 149 secondo comma d.lgs n. 196 del 2003 non impedisce l’esercizio dell’azione di risarcimento del danno davanti all’autorità giudiziaria ordinaria, né tale azione deve essere proposta nel termine perentorio di trenta giorni dalla comunicazione del provvedimento del Garante.
PUÓ ESSERE LEGITTIMA LA PUBBLICAZIONE SU QUOTIDIANO DELLA FOTOGRAFIA DI PERSONA IN COINCIDENZA DEL SUO ARRESTO
di Angela Gabriele
Corte di Cassazione, Sezione III Civile, sentenza n. 12834 del 21 marzo 2014 e depositata il 6 giugno 2014: la pubblicazione su un quotidiano della foto di una persona in coincidenza cronologica del suo arresto è legittima se sia rispettosa, oltre ai limiti di essenzialità per illustrare il contenuto della notizia e quelli dell’esercizio del diritto di cronaca, anche delle particolare cautele imposte a tutela della dignità della persona dal codice deontologico dei giornalisti.
IN ARRIVO NUOVE REGOLE PER LE CONTROVERSIE TRA UTENTI E OPERATORI DEL SETTORE POSTALE
di Angela Gabriele ( n.I_MMXIII )
AGCOM, delibera 586/12/CONS del 29/11/2012 (G. U. n. 295 del 19/12/2012). L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha avviato, con la delibera 586/12/CONS, una “consultazione pubblica sullo schema di regolamento in materia di definizione delle controversie derivanti dai reclami nel settore postale”. Lo schema, approvato dal Consiglio, introduce un valido strumento di tutela per gli utenti dei servizi postali, in linea con quanto previsto dalla normativa comunitaria.