Sicurezza e Giustizia

Francesco SIGONA

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Francesco SIGONA, nato a Bari nel 1973, si è laureato in ingegneria elettronica presso il politecnico di Bari nel 1998 e successivamente abilitato all’esercizio della libera professione.

Ha svolto attività di ricerca nel campo della Quality of Service (QoS) per reti Wireless LAN (IEEE 802.11), presso ST Microelectronics (STM).

Dal febbraio 2007 è responsabile tecnico del Centro di Ricerca Interdisciplinare sul Linguaggio (C.R.I.L.) dell’Università del Salento, nel quale è impegnato nel supporto alla ricerca nel campo dell’elaborazione numerica di segnali biometrici relativi alla percezione e produzione del parlato (speech/kinematics/ imaging), e nello studio di algoritmi di “forensic voice comparison / speaker identification” con relativo sviluppo di applicazioni software.

 


 

Articoli pubblicati

IL RICONOSCIMENTO DEL PARLANTE IN AMBITO FORENSE: UNO STUDIO INDIPENDENTE SUL SOFTWARE IDEM/SPREAD IN USO AI CARABINIERI
di Francesco Sigona, Mirko Grimaldi (N. IV_MMXV)
In Italia vi sono due software per il riconoscimento del parlante ispirati al metodo bayesiano - basato sul rapporto tra la probabilità che la traccia vocale anonima appartenga all’imputato (ipotesi accusatoria) e la probabilità che essa appartenga ad un qualunque individuo - in dotazione, rispettivamente, all’Arma dei Carabinieri e alla Polizia di Stato: IDEM e SMART. In questa sede discuteremo di alcune problematiche rilevate nel software IDEM/SPREAD, versioni 2013, 2011, 2009 e 2008 ML, emerse durante lo studio su casi di test e segnalate al referente della Fondazione “Ugo Bordoni” di Roma che lo ha realizzato. Gli autori del presente lavoro si sono resi disponibili a svolgere ulteriori verifiche su casi reali.