Sicurezza e Giustizia

IL NUOVO CENTRO DELLA PROCURA DI ROMA: LE INTERCETTAZIONI IN ITALIA FRA PASSATO E FUTURO

di Giovanni Nazzaro

Incontro con l’Ufficio Automazione della Procura di Roma per approfondire gli argomenti contenuti nella nota diffusa il 20 dicembre 2010 dal proc. agg. Pierfilippo Laviani, con la quale si informava che la Procura di Roma si era dotata di un sistema proprietario che le consentiva di gestire in autonomia le intercettazioni, risparmiando 1,8 milioni di euro all’anno in costi di noleggio dell’apparecchiatura necessaria.

pdf-icon

 

L’intercettazione nel diritto processuale penale italiano è un mezzo di ricerca della prova tipico, in quanto previsto e disciplinato dagli artt. 266 e seguenti del codice di procedura penale. L’intercettazione è autorizzata dal giudice per le indagini preliminari con decreto motivato, su richiesta del pubblico ministero, ad eccezione dei casi di urgenza quando è lo stesso pubblico ministero a disporre l’intercettazione a cui comunque deve seguire la convalida dell’atto entro 48 ore da parte del giudice per le indagini preliminari. La polizia giudiziaria, che esegue su incarico del pubblico ministero le attività d’intercettazione, ha a disposizione diverse tecniche per ottenere le intercettazioni. Nel caso delle intercettazioni telefoniche e telematiche richieste agli operatori di telecomunicazioni, il contenuto delle comunicazioni, obiettivo dell’indagine, viene duplicato in maniera completamente trasparente all’intercettato verso il Centro InTercettazioni (CIT) della Procura della Repubblica che ha emesso il decreto. Il CIT è costituito da un apposito ufficio organizzato secondo procedure standardizzate in modo da monitorare costantemente l’evoluzione delle intercettazioni ed avere sotto controllo la relativa spesa. Ed è proprio questa spesa che ha indotto la Procura di Roma ad adottare importanti cambiamenti.

L’aspetto centrale di questi cambiamenti risiede nel fatto che i sistemi informativi presenti nel CIT, installati e messi in funzione l’8 dicembre 2011, non sono di proprietà di soggetti terzi, quindi estranei all’indagine, ma della Procura.

Prima di analizzare le novità introdotte, ripercorriamo i passaggi storici che hanno portato a questo cambiamento. Con l‘evoluzione del servizio di telefonia, prima fissa poi mobile, vennero inseriti nelle reti degli operatori di telecomunicazioni, opportuni apparti affinché all’Autorità Giudiziaria fosse data la possibilità, di  richiedere l’intercettazione delle comunicazioni di specifici utenti. Complice una legislazione italiana carente sull’argomento, le modalità d’invio di queste comunicazioni verso l’Autorità Giudiziaria non furono mai comunicate alla stessa.

Con decreto interministeriale del 21 settembre 1999 fu istituito un gruppo di lavoro, costituito da rappresentanti dei Ministeri delle Comunicazioni, della Giustizia e dell’Interno, con il compito di operare nel settore della sicurezza delle reti e della tutela delle comunicazioni a supporto degli interventi normativi regolamentari ed amministrativi. Il gruppo di lavoro studiò il fabbisogno, in termini di
risorse tecniche e di supporto normativo, per una evoluzione “sicura” dei servizi di telecomunicazione, la natura e la portata dei rapporti tra la pubblica amministrazione e gli organismi di telecomunicazione. Successivamente nacque la necessità di trasformare il gruppo di lavoro in “osservatorio”, istituito con decreto interministeriale del 14 gennaio 2003. Il gruppo di lavoro, prima di divenire un osservatorio permanente, predispose sia un repertorio contenente l’indicazione delle prestazioni da fornire all’autorità giudiziaria, sia un listino per la remunerazione agli organismi di telecomunicazioni delle prestazioni fornite [d. m. del 26 aprile 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 104 del 7 maggio 2001].

Il repertorio previsto anche dal Codice delle Comunicazioni all’art. 96 comma 2 non è stato mai emesso.
In mancanza di obblighi circa le modalità tecniche da adottare e da comunicare all’Autorità Giudiziaria, presso le sale CIT delle procure italiane furono installati apparati delle medesime società che avevano predisposto gli adeguamenti per le intercettazioni sulle reti degli operatori di telecomunicazioni. La conseguenza fu che tali società monopolizzarono il mercato del noleggio degli apparati, quindi i costi poterono aumentare senza controllo.

Per avere un ulteriore contributo sul motivo per cui il repertorio non fu mai approvato, si riporta un passaggio dell’audizione del dott. Pietro Saviotti, sostituto procuratore alla Procura di Roma, condotta il 13 settembre 2006 dalla II Commissione permanente di Giustizia del Senato della Repubblica, in merito all’indagine conoscitiva sul fenomeno delle intercettazioni: “Nell’osservatorio cercammo di far passare il principio, non so se ciò sia avvenuto o no, che la corresponsione di un prezzo a fronte di ogni singola attività dovesse essere semplicemente una remunerazione di costi, di spese vive, e che le prestazioni obbligatorie [omissis] non fossero attività da cui potesse derivare un profitto. [omissis] Redigemmo inoltre sia un repertorio delle prestazioni obbligatorie, in cui erano previste, in via di principio, tutte le attività che potevano essere svolte, i tempi, il grado di sicurezza, l’efficacia del mezzo che veniva messo a disposizione, sia un listino dei compensi a fronte di queste prestazioni obbligatorie”.

 

“La sorte ha voluto” continua Saviotti “che il listino fosse approvato in via amministrativa, mentre, quanto al repertorio, si obbiettò, ritengo in maniera fondata per alcuni aspetti, che non poteva essere approvato con decreto interministeriale, ma doveva necessariamente essere soggetto ad un ingresso normativo attraverso legge primaria. Per questo il progetto entrò nel circuito degli uffici legislativi dei Ministeri della Giustizia, delle Comunicazioni e dell’Interno e di fatto il repertorio non fu mai approvato”.

Tornando alla ricostruzione storica, nel contesto così delineato si inserì la Procura di Roma: nel 2000 con la riorganizzazione degli uffici requirenti, cioè dall’unificazione tra “procura presso il tribunale” e “procura circondariale”, il procuratore della Repubblica di allora, Salvatore Vecchione, dovette affrontare un complicato problema di bilancio nel quale pesavano non poco i costi di noleggio degli apparati per le intercettazioni. Una verifica del Ministero della Giustizia dello stesso anno rivelò che i prezzi si aggiravano intorno a 108 euro ad intercettato al giorno. Il procuratore Salvatore Vecchione si pose una semplice domanda: perché non comprare tali apparati anziché noleggiarli? Alle società che monopolizzavano il mercato non conveniva vendere, dall’altra parte un’alternativa di mercato ai loro apparati non poteva esserci, poiché le modalità tecniche per ricevere le intercettazioni non erano note alle altre società. Nel 2003 la Procura di Roma inviò, quindi, una lettera agli operatori di telecomunicazioni con la quale si chiedeva di rendere note queste modalità. Questo momento costituisce l’inizio del graduale cambiamento che oggi ha portato al nuovo centro intercettazioni.
Con la liberalizzazione delle tecniche d’invio delle intercettazioni telefoniche, la Procura di Roma, in quanto nominata procura pilota con il suddetto decreto interministeriale del 2003, avviò una sperimentazione avente l’obiettivo di abbassare i costi di noleggio. Furono invitate più di 100 società del settore, a cui furono consegnate le specifiche tecniche e alle quali fu chiesto di produrre un’ipotesi di costo di noleggio, per intercettato al giorno, di un sistema informativo che consentisse la ricezione e la registrazione delle intercettazioni telefoniche. Dopo aver condiviso i risultati della sperimentazione con la commissione interministeriale, furono installati presso il vecchio CIT quei sistemi che risultarono tecnicamente validi ed economicamente competitivi. Da qui in avanti i costi di noleggio precipitarono: 46 euro ad intercettato al giorno nel 2004, poi 36 euro, 25 euro, 15 euro fino ai 5 euro del 2007 e tuttora vigente.

Arriviamo così ai giorni d’oggi. Sulla base di questi numeri e sul prosieguo dei risparmi imposti dal Ministero di Giustizia, la Procura di Roma ha valutato che con la medesima cifra fosse possibile realizzare un nuovo Centro per l’Intercettazione delle Comunicazioni Elettroniche (CICE), comprare l’hardware e il software del sistema informativo necessario a ricevere tutte le intercettazioni telefoniche, senza spendere altro fino ai necessari interventi per obsolescenza tecnica. Il CICE è stato così fornito interamente dal Ministero della Giustizia.

Il nuovo sistema informativo consentirà di risparmiare di 1,8 Mln di euro in costi di noleggio delle apparecchiature. La media degli intercettati alla Procura di Roma è di 1.000 al giorno che moltiplicato per 5 euro fa 5.000 euro in costo di noleggio di apparecchiature al giorno, valore che per 365 giorni in un anno consente di ottenere la cifra anticipata nella nota pari a 1.825.000 euro all’anno, per le sole intercettazioni telefoniche effettuate in ambito fisso e mobile.

Il software del sistema è stato commissionato dal Ministero dopo un’analisi di mercato condotta dalla Procura della Repubblica di Roma e durata 18 mesi circa. E’ stata selezionata una società esterna, non appartenente alle classiche società operanti nell’ambito delle intercettazioni. Il CICE è oggi in funzione ed evolve gradualmente sulla base delle esigenze della Procura di Roma che quotidianamente vengono a crearsi. Alcune situazione tecniche, appartenenti ad un ambito diverso da quello della ricezione e gestione delle intercettazioni telefoniche, sono ancora da sviscerare e quindi in tali ambiti il software del sistema è ancora da verificare. Un caso su tutte è quello relativo alle intercettazioni telematiche.

Il vecchio CIT però è ancora in funzione perché sono attive intercettazioni “rilanciate” e che quindi non possono essere interrotte, fino a quando non termineranno. Infatti, la polizia giudiziaria può avere necessità di ascoltare presso le proprie sedi l’intercettazione, che quindi viene definita “rilanciata” verso un luogo diverso dal CIT, necessità di natura pratica dovuta al fatto che determinate indagini hanno bisogno d’interventi immediati sul territorio e necessità di natura economica per i costi di trasferta che devono sostenere le forze dell’ordine nell’inviare i propri uomini alla Procura di Roma. In tal caso il decreto del pubblico ministero prevede che le operazioni avvengano presso la Procura, in aderenza dunque al disposto dell’art. 268 c.p.p. ma contestualmente prevede la duplicazione del segnale con invio presso gli impianti in dotazione alla polizia giudiziaria operante, che potrà così effettuare, in sede, il mero riascolto delle conversazioni intercettate negli impianti della Procura.

Nei suoi primi 5 mesi di funzionamento il CICE ha gradualmente aumentato il numero degli intercettati che gestisce, fino ad arrivare a circa la metà del valore medio pari a 1.000 al giorno. Le nuove intercettazioni sono ricevute nel nuovo centro, quindi con buona previsione entro la fine dell’anno il CICE potrà sostituire completamente il vecchio CIT. A regime, con la dismissione del vecchio CIT, “nel giro di 3-4 mesi sarà ammortizzato il costo sostenuto per creare il Sistema  – continua la nota – pari a circa 300.000 euro, azzerando i costi per le intercettazioni”.

Per quanto concerne la sicurezza, con il CICE, ha commentato il proc. agg. Laviani nella nota, “la Procura può controllare per intero la procedura delle intercettazioni, che sarà affidata a funzionari di polizia giudiziaria sotto il suo controllo invece che a personale esterno”. Il CICE adotta una serie di standard per garantire un’elevata sicurezza fisica e informatica. Il CICE è dotato di circa 180 postazioni per la gestione delle intercettazioni. Ad ogni postazione può accedere esclusivamente un ausiliario di PG. Tutte le postazioni sono gestite totalmente dall’Amministratore del Sistema che, nel caso specifico, è designato tra gli ufficiali di polizia giudiziaria addetti al CICE, fisicamente presenti al suo interno. Nel CICE non sono presenti tecnici di ditte esterne e non è previsto che vi sia accesso da remoto per la gestione del software del Sistema da parte di terzi.

Anche dal punto di vista dell’alimentazione elettrica il CICE è completamente autonomo e i flussi telefonici che lo collegano all’esterno sono dedicati e separati. Così anche la struttura di gestione elettronica del sistema è completamente distinta dalla Procura. Tutte le postazioni sono alimentate separatamente ed ognuna di esse dispone di una chiave dedicata che può essere comandata a distanza dalla struttura di gestione, che quindi può interrompere l’operatività della postazione laddove si noti qualcosa di strano. Le masterizzazioni dei contenuti delle intercettazioni, che prima venivano fatte dai tecnici delle società noleggiatrici, nel CICE vengono realizzate direttamente dalla PG addetta al centro intercettazioni. Questo avviene anche ad intercettazione non più attiva, a tutela della riservatezza del dato e del soggetto posto ad intercettazione.

Con l’Ufficio Automazione abbiamo provato a simulare il funzionamento del nuovo CICE. La polizia delegata alle indagini, con delega del magistrato, entra nel CICE e si identifica all’ingresso, dove viene scansionato e conservato il decreto di autorizzazione. Al momento dell’identificazione viene assegnata automaticamente dal Sistema una postazione precisa. A causa del cambiamento della normativa sugli accessi biometrici (Garante della Privacy – deliberazione n. 23 del 14 giugno 2007, par. 7), non sono attualmente in essere tali accorgimenti sulle postazioni. Tramite credenziali assegnate, la polizia delegata accede alla postazione. A volte c’è la necessità di far ascoltare le intercettazioni ad un interprete, a cui viene assegnata una postazione con le medesime modalità ma in questo caso è necessaria la presenza della polizia delegata.

Le informazioni giudiziarie sono conservate all’interno dei server a cui le postazioni si collegano, quindi le postazioni non conservano alcun dato. Tutte le postazioni si autenticano verso i server. In mancanza di precise indicazioni legislative, le informazioni sui server vengono cancellate a distanza di circa 1 anno, dopo la fine delle attività. Questa conservazione verrà calibrata in futuro anche relativamente alla quantità d’intercettazioni che verranno gestite dal CICE.

Il rapporto con gli operatori di telecomunicazioni non è cambiato, ma in previsione cambierà. Ci sono stati molti incontri tra la Procura di Roma e gli operatori, perché fosse conseguito insieme lo scopo della nascita del CICE. Nei prossimi mesi inizierà la sperimentazione delle intercettazioni secondo quanto prevede ETSI, con gli operatori che si sono già adeguati a questi standards tecnici internazionali in materia di lawful interception. L’obiettivo principale sarà la sperimentazione delle intercettazioni delle comunicazioni telematiche come il VoIP.
In questo modo in futuro sarà evitato anche il costo del noleggio delle sonde che oggi è pari a € 90 al giorno, sonde che vengono installate presso le centrali degli operatori e, mediante duplicazione dei contenuti delle comunicazioni telematiche dell’interessato, inviano i dati intercettati nel CIT della Procura. Precisazione importante benché i costi delle intercettazioni telematiche al momento pesino poco rispetto al corrispettivo costo delle intercettazioni telefoniche, essendo in numero medio pari ad un 0,2% di quest’ultime. Il CICE gestisce anche i dati relativi alle intercettazioni ambientali e consente l’acquisizione automatica ed informatica dei tabulati di traffico storico direttamente dagli operatori di telecomunicazione.

La nota si conclude con un riferimento ai possibili benefici del Sistema,  che consente “un sensibile aumento dell’efficienza ed affidabilità sia sotto l’aspetto della qualità e sicurezza dei dati acquisiti, sia sotto quello del supporto all’attività investigativa”. L’eventuale estensione del Sistema a tutti gli uffici giudiziari italiani consentirebbe “un abbattimento della spesa di giustizia relativa alle intercettazioni quantificabile mediamente in 200 milioni di euro annui, risorse destinabili alla informatizzazione del processo per conseguire l’obbiettivo di un più efficiente e tempestivo servizio della Giustizia”. ©

 


Altri articoli di Giovanni Nazzaro

INTRODUZIONE AI TEMI DELLA LIA, TERZA EDIZIONE
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXVII)
Atti della Lawful Interception Academy edizione 2017. La Lawful Interception Academy ha raggiunto lo straordinario risultato delle oltre 1.000 persone formate, durante le prime tre edizioni, sui temi multidisciplinari afferenti alle intercettazioni delle comunicazioni. L’edizione 2017 della LIA si è svolta dall’ 8 al 10 novembre ed è stata ospitata dalla Direzione Centrale Anticrimine (DAC) della Polizia di Stato a Roma.
La riforma sulle intercettazioni, in sintesi
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXVII)
Un riforma criticata non tanto per i suoi contenuti, benché non abbia accontentato in modo completo tutti i principali soggetti coinvolti, quanto per i tempi di approvazione.
Il sempre più difficile equilibrio tra Privacy e Sicurezza nazionale
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXVII)
Il Regno Unito, la Germania e l’Australia hanno recentemente avviato la revisione della propria legge nazionale sul tema.
LA RIFORMA DELLE INTERCETTAZIONI TRA CRITICITÀ E UNA PLURALITÀ DI DECRETI ATTUATIVI
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVII)
Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario. Esamiamo gli aspetti pratici della riforma, considerando le intercettazioni come strumento investigativo bisognoso di regole tecniche di regolamentazione, in prospettiva anche del nuovo Regolamento EU privacy e della continua evoluzione delle telecomunicazioni.
Il futuro della contestata Section 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (FISA)
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVII)
Il 26 maggio 2017 le 30 principali aziende di servizi elettronici americane e del mondo hanno scritto una lettera a Bob Goodlatte.
SUPERAMENTO DELL’ISTITUTO DELLA ROGATORIA PER LE INTERCETTAZIONI: CRITICITÀ SULLO SCHEMA DI DLGS
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVII)
Schema di decreto legislativo recante norme di attuazione della direttiva 2014/41/UE relativa all’ordine europeo di indagine penale - Atto del Governo n. 405 del 21 marzo 2017.
The national legislation must make provision for a data retention within the same State
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVII)
The Russian law No. 242-FZ seems to have something in common with the judgment of CJEU in cases C-203/15 and C-698/15.
ANNOTAZIONE IN REGISTRI INFORMATICI DELLE OPERAZIONI DI INTERCETTAZIONE
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXVI)
Garante della Privacy - Provvedimento in materia di misure di sicurezza nelle attività di intercettazione da parte delle Procure della Repubblica - 18 luglio 2013 La moderna pervasività dei sistemi informatici impone maggiore rigore nel rispetto della privacy, affinché il dato che essi trattano venga correttamente gestito e trasformato in informazione. L’attenzione posta nel trattamento dei nostri dati dovrebbe essere commisurata al grado di importanza del dato stesso. La più alta attenzione deve essere quindi posta ai dati giudiziari. Qualunque sia stato il metodo di accettazione delle condizioni di trattamento del dato, esiste un modo per noi per comprendere se effettivamente le regole vengano rispettate? La risposta è Si e viene fornita dall’altrettanto moderno concetto di “Audit”.
The next generation of location-based service
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXVI)
Galileo satellite system promises to deliver more precise data than GPS. This does not seem to be enough, Google aims to analyze raw location reports received from more devices.
BLACKBERRY: INTERCETTABILITÀ DEI SERVIZI (II PARTE)
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXVI)
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, sentenza n. 50452 del 10 novembre 2015 e depositata il 23 dicembre 2015.Nel precedente numero: 1. Introduzione, 2. Identificativi dell’utente BlackBerry, 3. I servizi di messagistica del BlackBerry, 3.1 PIN-2-PIN Messaging. 3.2 BlackBerry Messenger, 4. I servizi BIS e BES, 4.1. I servizi BIS (Blackberry Internet Solution), 4.2 I servizi BES (Blackberry Enterprise Solution). In questo numero: 5. Cifratura delle comunicazioni, 5.1 BBM Protected, 6. La sentenza n. 50452/2015 della Corte di Cassazione, 6.1 Intercettazioni delle utenze straniere in roaming, 6.2 Intercettazione delle comunicazioni caratteristiche del Blackberry, 7. Conclusioni.
LIMITI CIRCA L’UTILIZZABILITÀ DELLE STATISTICHE NAZIONALI SULLE INTERCETTAZIONI
di Giovanni Nazzaro e Tommaso De Giovanni (N. III_MMXVI)
In Italia le spese di giustizia si articolano su tre capitoli di spesa, di cui il n. 1363 è relativo alle intercettazioni. Nell’ambito degli interventi di spending review (DL n. 98 del 2011, art. 37, co. 16) è previsto che, a decorrere dall’anno 2012, il Ministro della giustizia presenti alle Camere, entro il mese di giugno, una relazione sullo stato delle spese di giustizia. In tale contesto si ha finalmente conoscenza delle statistiche relative al nostro paese. Dall’approfondimento qui presente è emerso purtroppo che la metodologia utilizzata per questa ricognizione statistica è affetta da molte criticità, tra cui la mancata indicazione della durata delle intercettazioni e delle relative proroghe e, soprattutto, delle spese che vengono tracciate per fattura e per anno solare in cui vengono liquidate, senza la giusta scomposizione delle reali voci di costo, ed in modo svincolato dai numeri delle intercettazioni che fanno riferimento invece al momento dell’attivazione.
Looking for the best period of Data Retention
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXVI)
In some European States where data retention regimes are in place, capital and operational costs incurred in compliance are reimbursed by the government.
BLACKBERRY: INTERCETTABILITÀ DEI SERVIZI (I PARTE)
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVI)
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, sentenza n. 50452 del 10 novembre 2015 e depositata il 23 dicembre 2015. In questo numero: 1. Introduzione, 2. Identificativi dell’utente BlackBerry, 3. I servizi di messagistica del BlackBerry, 3.1 PIN-2-PIN Messaging. 3.2 BlackBerry Messenger, 4. I servizi BIS e BES, 4.1. I servizi BIS (Blackberry Internet Solution), 4.2 I servizi BES (Blackberry Enterprise Solution). Nel prossimo numero: 5. Cifratura delle comunicazioni, 5.1 BBM Protected, 6. La sentenza n. 50452/2015 della Corte di Cassazione, 6.1 Intercettazioni delle utenze straniere in roaming, 6.2 Intercettazione delle comunicazioni caratteristiche del Blackberry, 7. Conclusioni.
Attendibilità delle statistiche sulle intercettazioni
di Giovanni Nazzaro (N. II_MMXVI)
Il DL n. 98 del 2011, art. 37, co. 16) prevede dal 2012 che il Ministro della giustizia presenti alle Camere, entro il mese di giugno, una relazione sullo stato delle spese di giustizia.
LAWFUL INTERCEPTION ACADEMY REPORT 2015
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVI)
Pubblicato il Lawful Interception Academy (LIA) Report 2015 in formato ebook gratuito. Anche la II edizione della LIA ha mostrato numeri in aumento, come i frequentatori (distinti) che sono stati 428 nell’arco dei 5 giorni previsti. Il 66% ha ritenuto di aver ricevuto utili strumenti per le proprie attività professionali. L’89% ha espresso un alto interesse per i temi trattati nella LIA.
The need for encryption grows
di Giovanni Nazzaro (N. I_MMXVI)
Le nuove tecniche di comunicazione utilizzano proprie modalità di trasmissione e di trattamento delle informazioni, in un mondo sempre più telematico. Quali che siano le modalità utilizzate per comunicare, tutte hanno in comune lo strumento che conserva tracce digitali: pensiamo al computer o al cellulare ormai sempre con noi. L’attenzione si sposta verso un problema di più semplice gestione, solo apparentemente.
Le startup innovative
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXV)
Le startup innovative godono di un regime fiscale agevolato, a patto che soddisfino le caratteristiche elencate dal decreto-legge 179/2012, art. 25 commi da b)a g). A questi requisiti se ne aggiungono altri tre (art. 25 comma h) di cui se ne deve possedere almeno uno. Altri incentivi sono il “Fondo a favore di startup innovative”, che ha concesso quasi 156 milioni di euro di garanzie, il progetto SmartStart e l’equity crowdfunding che non ha ancora trovato la via per un significativo sviluppo. La II edizione del rapporto del MiSE si focalizza sulle dinamiche “demografiche” delle startup innovative.
ULTERIORE DIFFERIMENTO IN MATERIA DI MISURE DI SICUREZZA NELLE ATTIVITÀ DI INTERCETTAZIONI
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXV)
Garante della privacy - Deliberazione del 25 giugno 2015. Ulteriore differimento dei termini di adempimento delle prescrizioni di cui al provvedimento del 18 luglio 2013, in materia di misure di sicurezza nelle attività di intercettazione da parte delle Procure della Repubblica.
La difficile vita dell’agente … “captatore”
di Giovanni Nazzaro (N. III_MMXV)
Con la recente sentenza della cassazione n. 27100/ 2015 si è riaperto il dibattito sull’utilizzabilità dell’agente “captatore” che, il 5 luglio, ha acquisito una dimensione mondiale a causa del caso “Hacking Team”. Il problema delle garanzie delle attività svolte da una simile attività sul dispositivo target (computer, tablet o smartphone) erano già conosciute, anche attraverso il rapporto “CALEA II: Risks of Wiretap Modifications to Endpoints” del 2013, con cui 19 esperti mondiali di comunicazioni avevano evidenziato che, di contro, si sarebbe reso più facile il lavoro dei cyber-criminali.
Il suolo “mangiato”
di Giovanni Nazzaro (n.II_MMXV)
Il consumo di suolo in Italia continua a crescere in modo significativo: tra il 2008 e il 2013 il fenomeno ha riguardato mediamente 55 ettari al giorno, con una velocità compresa tra i 6 e i 7 metri quadrati di territorio che, nell’ultimo periodo, sono stati irreversibilmente persi ogni secondo.
La solita raccomandazione
di Giovanni Nazzaro (n.I_MMXV)
Censis - rapporto pubblicato il 19 marzo dal titolo “La composizione sociale dopo la crisi - Protagonisti ed esclusi della ripresa”. Per accelerare una pratica, ottenere un permesso o per altre ragioni di rapporto con la Pa, 4,2 milioni di italiani sono ricorsi ad una raccomandazione, all’aiuto di un parente, amico, conoscente; circa 800.000 italiani hanno fatto qualche tipo di regalo a dirigenti, dipendenti pubblici.
Il lavoro potenzialmente utilizzabile o sottoutilizzato
di Giovanni Nazzaro (n.IV_MMXIV)
Il 17 dicembre 2014 è stato pubblicato il rapporto di monitoraggio sul mercato del lavoro dell’ISFOL, alla sua quarta edizione, da cui spicca la figura del lavoratore con forte potenziale non utilizzato che possiamo identificare in colui che potenzialmente è disponibile a lavorare ma non intraprende azioni di ricerca attiva. Se si includesse nel calcolo del tasso di disoccupazione anche la forza lavoro potenziale, l’indicatore in Italia raggiungerebbe il 22%.
LE PARTICOLARITÀ DELL’INTERCETTAZIONE DEGLI SMS
di Giovanni Nazzaro (n.III_MMXIV)
È del mese di agosto la notizia che WhatsAPP gestisce la comunicazione di 600 milioni di utenti al mese. Gli SMS inviati tramite la rete tradizionale mobile GSM o UMTS sono nettamente diminuiti ma non sono scomparsi. Analizziamo le particolarità dell’intercettazione degli SMS.
Nasce la “Lawful Interception Academy”
di Giovanni Nazzaro (n.III_MMXIV)
La prima edizione della “Lawful Interception Academy” si terrà dal 17 al 21 novembre di quest’anno a Roma presso la scuola “Giovanni Falcone” della Polizia Penitenziaria. Inizialmente pensata come espressione tangibile del confronto intellettuale espresso in precedenza su questa Rivista, è stata poi ridisegnata in forma di seminario e poi di scuola, a vantaggio del lettore che si è “evoluto” in ascoltatore prima ed infine in “discente”.
LE PRESTAZIONI OBBLIGATORIE PER L’AUTORITÀ GIUDIZIARIA COME DISCIPLINA DI STUDIO
di Giovanni Nazzaro (n.II_MMXIV)
Il tema delle “prestazioni obbligatorie” per gli operatori di telecomunicazioni verso l’Autorità Giudiziaria è poco riconosciuto in Italia se confrontato con altri come l’antifrode o la sicurezza informatica o la sicurezza cibernetica, eppure come questi gode di una naturale autonomia in termini di competenza, al punto che non è sbagliato riferirsi ad esso come disciplina autonoma.
WIFI OFFLOAD OF MOBILE DATA: L’INTERCETTAZIONE DELLE COMUNICAZIONI DI RETE MOBILE CON ACCESSO WIFI
di Armando Frallicciardi e Giovanni Nazzaro (n.II_MMXIV)
L’aumento del traffico dati può portare alla congestione delle risorse radio per l’accesso alle reti mobili cellulari. Per ovviare a tale problema gli operatori mobili possono ricorrere al “WiFi offloading” che richiede tuttavia una particolare attenzione sotto il profilo delle intercettazioni mobili richieste dall’AG.
EU’s Data Retention Directive declared invalid
di Giovanni Nazzaro (n.II_MMXIV)
La Corte di giustizia europea ha invalidato la direttiva sulla data retention: il legislatore dell’Unione ha ecceduto i limiti imposti dal rispetto del principio di proporzionalità in termini di idoneità della conservazione dati, necessità della conservazione, livello di ingerenza, controllo dell’accesso ai dati, periodo di conservazione.
Justice delayed is Justice denied
di Giovanni Nazzaro (n.I_MMXIV)
“Giustizia tardiva equivale a giustizia negata”. Il 17 marzo 2014 la Commissione europea ha pubblicato la seconda edizione del quadro di valutazione europeo della giustizia per promuovere la qualità, l’indipendenza e l’efficienza dei sistemi giudiziari nell’Unione europea. Tra il 2010 e il 2012 l’Italia è al primo posto per cause civili pendenti, ma il quadro di valutazione non presenta una graduatoria unica generale e non promuove un tipo particolare di sistema giudiziario.
CLASSIFICAZIONE DEGLI OPERATORI MOBILI VIRTUALI (MVNO) E PRESTAZIONI OBBLIGATORIE PER L’AUTORITÀ GIUDIZIARIA
di Giovanni Nazzaro (n.IV_MMXIII)
Dalle ultime osservazioni dell’Agcom è emerso che il numero di abbonati degli operatori virtuali non tende a fermarsi o a rallentare, raggiungendo oggi la non irrilevante cifra di 5,12 milioni. Gli operatori mobili virtuali sono soggetti all’articolato del Codice delle Comunicazioni al pari degli operatori tradizionali, con particolare riferimento all’art. 96 rubricato “Prestazioni Obbligatorie” per l’Autorità Giudiziaria.
Un’occasione mancata per rafforzare la 231
di Giovanni Nazzaro ( n.IV_MMXIII )
Il tema dei modelli organizzativi di gestione e controllo all’interno delle società, così come disposto dal d.lgs. 231/01, che ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento la responsabilità in sede penale degli enti, ha suscitato sin dalla sua emanazione indubbio interesse, ma anche preoccupazione.
Il mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche
di Giovanni Nazzaro ( n.III_MMXIII )
L’economia mondiale si sta trasformando in un’economia basata su internet e occorre riconoscere il ruolo delle TIC come elemento decisivo per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Questo in sostanza il fulcro del contesto di riferimento in cui si posizionerà il nuovo regolamento proposto l’11 settembre 2013 dalla Commissione Europea, per creare il mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche.
Il Rating di legalità
di Giovanni Nazzaro ( n.II_MMXIII )
“Rating della legalità” assegnato dall’Agcm: il 17 aprile 2013 quattro aziende italiane hanno ricevuto le prime “stelle” come risultato della valutazione.
COS’È LA RETE INTELLIGENTE NELLA TELEFONIA FISSA E MOBILE
di Armando Frallicciardi e Giovanni Nazzaro (N. I_MMXIII)
La Rete Intelligente (il cui acronimo è RI oppure IN da Intelligent Network) è l’architettura di rete standard descritta nelle raccomandazioni ITU-T della serie Q.1200, utilizzata dalle reti di telecomunicazioni sia fisse che mobili. La RI consente agli operatori di differenziarsi tra loro offrendo servizi a valore aggiunto che quindi si aggiungono ai servizi standard di telecomunicazioni come PSTN, ISDN e servizi GSM-UMTS sui telefoni cellulari.
Riflessioni sullo stato della regolamentazione delle intercettazioni legali in Italia
di Giovanni Nazzaro ( n.I_MMXIII )
È stata emanata la direttiva sulla Gara Unica delle intercettazioni, tuttavia, è opportuno ricordare che nel nostro Paese è assente una normativa di riferimento per l’esecuzione tecnica delle intercettazioni.
Regulatory status of lawful interception in Italy
by Giovanni Nazzaro ( n.I_MMXIII )
Once again we find ourselves discussing interceptions, a subject of great media impact, and once again we notice the lack of technical and legal prominence that is given. Although the code of criminal procedure in chapter IV, regulates interceptions as a means of finding proof, in terms of limits of admissibility, requirements and formalities for the measure, execution of operations once the interceptions have been made, it does not add anything about how this tool should be used. There is a lack of regulations about the efficiency and execution of interceptions.
MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DELLE AZIENDE DI TLC, PER RISPONDERE ALLE RICHIESTE DELL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA
di Giovanni Nazzaro (n.IV_MMXII)
La Funzione che nelle aziende di telecomunicazioni risponde alle richieste dell’A.G. ha un ruolo fondamentale. Esempio di organizzazione di tale Funzione in termini di composizione, competenze e attività.
I LISTINI DEGLI OPERATORI MOBILI AMERICANI PER LE RICHIESTE DELLE FORZE DELL’ORDINE
di Giovanni Nazzaro ( n.III_MMXII )
L’articolo del NYT del 1° aprile 2012 sulla presunta pratica di monitoraggio dei telefoni cellulari negli USA ha sollevato una serie di questioni giuridiche, costituzionali e di privacy, a tal punto che è intervenuto il deputato Edward John Markey, che si è rivolto a nove operatori americani di telefonia cellulare, chiedendo a ciascuno di rispondere a quesiti diretti sul rapporto con le forze dell’ordine e l’eventuale guadagno che ne deriverebbe.

 

Translate »