Sicurezza e Giustizia

Gianluca BADALAMENTI

L’Ing. Gianluca BADALAMENTI, classe 77, è laureato in Ingegneria Elettronica, indirizzo Microelettronica presso l’Università degli Studi di Palermo, ed è abilitato all’esercizio della professione di Ingegnere. Ha conseguito un Master di II livello in Ingegneria Gestionale della Pubblica Sicurezza presso l’Università Federico II di Napoli.

Matura le proprie competenze prima come ricercatore presso enti privati e pubblici, quindi come funzionario presso la Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità del Ministero della Difesa.

Arruolato nella Polizia di Stato dal mese di novembre 2011 nel ruolo dei funzionari che espletano attività Tecnico-Scientifiche o Tecnica, ed assegnato alla Direzione Centrale Anticrimine, ha diretto la Sezione Sistemi Informativi per l’Analisi ed il Supporto della I Divisione del Servizio Polizia Scientifica.

Attualmente è Direttore della Sezione Realtà Virtuale e Ricostruzione 3D della IV Divisione dello stesso Servizio.

 

 


Articoli pubblicati

LE INNOVATIVE TECNICHE DI SOPRALLUOGO E RICOSTRUZIONE 3D APPLICATE AL COLD CASE DELL’OMICIDIO DI POLI VALERIANO
di Gianluca Badalamenti, Gianpaolo Zambonini, Giovanni Tessitore (N. III_MMXVIII)
Valeriano Poli era il buttafuori della discoteca TNT e ucciso in un agguato in via della Foscherara, il 5 dicembre 1999. Nel giugno del 2018 il gip ha ordinato l’arresto per Stefano Monti, 59 anni, accusato di quel delitto avvenuto 20 anni prima. Questo cold case è stato risolto grazie all’introduzione di tecniche di virtualizzazione di reperti e dei luoghi reali in ambienti tridimensionali ricreati al computer con la successiva simulazione dei fenomeni fisici che in esso accadono.