Sicurezza e Giustizia

Numero IV del MMXIX

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
La riforma delle intercettazioni riprende, tra contese politiche e la secretazione dell’archivio riservato
di Giovanni Nazzaro (N. IV_MMXIX)
In vista del 31 dicembre 2019, data in cui sarebbe ricorsa la scadenza della terza proroga della legge Orlando sulle intercettazioni, ovvero di quanto aveva previsto il decreto legislativo 216 del 29 dicembre 2017 che doveva inizialmente entrare in vigore il 26 luglio 2018, il Governo si è affannato a cercare una soluzione politica al tema che soddisfacesse le due fazioni politiche, M5S e PD, che ne fanno parte. Cerchiamo di ricostruire allora quanto accaduto durante questo mese.

 

DIRITTO DI INTERNET

LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA E LA DEINDICIZZAZIONE GEOGRAFICA DEL MOTORE DI RICERCA NEL DIRITTO ALL’OBLIO
di Elena Bassoli (N. IV_MMXIX)
Corte di Giustizia Europea - Sentenza del 24 settembre 2019 - Causa C 507/17. Il gestore di un motore di ricerca, nel dare seguito a una richiesta di cancellazione, non è tenuto ad eseguire tale operazione su tutti i nomi di dominio del suo motore, talché i link controversi non appaiano più indipendentemente dal luogo dal quale viene effettuata la ricerca avviata sul nome del richiedente. Il gestore di un motore di ricerca è tenuto a sopprimere i link controversi che appaiono in esito a una ricerca effettuata, a partire dal nome del richiedente, da un luogo situato all’interno dell’Unione europea. In tale contesto, detto gestore è tenuto ad adottare tutte le misure a sua disposizione per garantire una cancellazione efficace e completa. Ciò include, in particolare, la tecnica detta del «blocco geografico» da un indirizzo IP che si ritiene localizzato in uno degli Stati membri assoggettato alla direttiva 95/46, e ciò indipendentemente dal nome di dominio utilizzato dall’utente di Internet che effettua la ricerca.

 

GIURISPRUDENZA

SEQUESTRO PROBATORIO INEFFICACE SE NON CONVALIDATO DAL PM ENTRO 48 ORE
di Antonio Di Tullio D’Elisiis (N. IV_MMXIX)
Corte di Cassazione, Sezione II Penale, Sentenza n. 26606 del 12 marzo2019 e depositata il 17 giugno 2019. La Seconda sezione ha affermato che l’inefficacia del sequestro probatorio, eseguito di iniziativa della polizia giudiziaria e non convalidato nel termine perentorio di quarantotto ore dal pubblico ministero, fa sorgere, in capo a quest’ultimo, l’obbligo di restituzione non solo degli originali dei documenti sequestrati, ma anche delle copie eventualmente estratte.

 

LAWFUL INTERCEPTION

DISCIPLINA DELL’ISTITUTO DELLE INTERCETTAZIONI. LE FONTI NORMATIVE E LA LORO EVOLUZIONE
di Tommaso De Giovanni (N. IV_MMXIX)
Nel corso della storia l’uomo ha utilizzato diversi modi e strumenti per produrre la comunicazione. Il processo evolutivo è passato nel corso degli anni dalla comunicazione gestuale alla comunicazione orale, dalla rudimentale forma scritta alla comunicazione tipografica, da quella elettrica alla trasmissione dei dati telematici.

 

BALISTICA

 

DIGITAL FORENSICS

 

SECURITY

 

LEGGI E NORME