Armando GabrielliIV_MMXIIILuigi MauroRelazioni e Rapporti

MIS REPORT 2013: LO SVILUPPO DELL’ICT

di Armando Gabrielli e Luigi Mauro

ITU - Measuring the Information Society Report 2013 - Chapter 2

Il rapporto Measuring the Information Society (MIS) dell’ITU, pubblicato annualmente dal 2009, dispone di due strumenti di benchmarking per misurare la società dell’informazione: l’Indice di Sviluppo ICT (IDI) e il Prezzo Carrello dell’ICT (IPB). L’indice IDI classifica 157 paesi in base al loro livello di accesso alle ICT, l’uso e le competenze, e mette a confronto i valori del biennio precedente. È ampiamente riconosciuto dai governi, dalle agenzie delle Nazioni Unite e dall’industria come la misura più accurata e imparziale di sviluppo complessivo nazionale dell’ICT. Il 5 ° rapporto del MIS è stato presentato il 7 ottobre 2013, presso la sede dell’ITU a Ginevra. I dati dell’edizione 2013 rivelano che la Repubblica di Corea è leader mondiale in termini di sviluppo delle ICT per il terzo anno consecutivo, seguita da Svezia, Islanda, Danimarca, Finlandia e Norvegia.

[dropcaps style=”fancy”]L[/dropcaps]’edizione annuale “Measuring the Information Society Report” del 2013 è stato redatto dal reparto ICT e dalla Divisione di Statistica all’interno della Telecommunication Development Bureau dell’ITU (International Telecommunication Union) e, come ogni edizione, si pone l’obiettivo di identificare i principali sviluppi del settore ICT ed i relativi costi ed economicità dei servizi ICT stessi, secondo metodologie concordate e riconosciute a livello internazionale.
Come noto, ormai sempre più persone entrano a far parte della società dell’informazione globale e reti di comunicazione ad alta velocità diventano infrastrutture sempre più indispensabili: pertanto il monitoraggio e la misurazione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICTs) assumono aspetti più che mai rilevanti.

La figura 1 descrive il trend stimato dello sviluppo generale dei servizi ICT su orizzonte decennale, evidenziando ad esempio che la crescita nel settore mobile si sta appiattendo, raggiungendo il 96% entro la fine del 2013. La banda larga mobile continua a crescere fortemente con un aumento medio del 40% previsto all’anno tra il 2010 e il 2013 e l’accesso delle famiglie a Internet ha anche accelerato negli ultimi tre anni, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, e raggiungerà un tasso di penetrazione di oltre il 40% a livello globale entro la fine del 2013.

La figura 2 descrive, invece, lo stato globale dell’utilizzo di internet per aree geografiche per l’anno 2013.

Conclusa la fase di dettaglio preliminare di alcuni settori ICT (overview sul mercato del mobile e sua forte crescita e sull’utilizzo di Internet), il Report ITU affronta la tematica inerente le definizione degli indici di benchmarking (IDI, IPB).
L’Indice di Sviluppo ICT (IDI – ICT Development Index) è un misuratore composto ed aggrega 11 indicatori in una unica misura finale di riferimento con lo scopo di monitorare e confrontare gli sviluppi delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) nei vari paesi. I principali obiettivi che l’IDI intende misurare sono:

  • il livello e l’evoluzione nel tempo degli sviluppi ICT in alcuni paesi rispetto ad altri ;
  • i progressi nello sviluppo ICT, sia per i paesi sviluppati (Developed) sia per quelli in via di sviluppo (Developing): l’indice globale dovrebbe riflettere i cambiamenti che avvengono in paesi a diversi livelli di sviluppo dei servizi ICT;
  • il divario digitale(digital divide), ossia le differenze tra i paesi con diversi livelli di sviluppo ICT;
  • il potenziale di sviluppo ICT dei paesi che possono fare uso dell’ICT per migliorare la loro crescita e il loro sviluppo, sulla base di capacità e competenze disponibili.

…continua su EDICOLeA

[fancy_heading style=”style2″ size=”small”]Altri articoli di Armando Gabrielli[/fancy_heading]
  • NUOVE CARATTERISTICHE E ARCHITETTURE DI SICUREZZA DELLE INFRASTRUTTURE E DEI SERVIZI DELLE RETI 5G
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro (n.III_MMXVII)
    La tecnologia 5G porterà una forte trasformazione della rete fissa e mobile con prestazioni superiori a quelle attuali, introducendo tuttavia ulteriori requisiti in materia di Sicurezza e Privacy.
  • ITALIAN CYBER SECURITY REPORT 2014
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro (n.I_MMXV)
    Il Centro di Ricerca in Cyber Intelligence e Information Security dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, in collaborazione con AgID e la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha svolto una ricerca volta a capire più in profondità la consapevolezza della minaccia cibernetica e l’attuale capacità difensiva della PA italiana.
  • LE NUOVE REGOLE DEL GARANTE PER I PAGAMENTI CON SMARTPHONE E TABLET
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro
    Il Garante della privacy ha definitivamente adottato il provvedimento (22 maggio 2014) che disciplina il trattamento dei dati personali di chi usufruisce dei cosiddetti servizi di mobile remote payment, utilizzando smartphone, tablet, pc, stabilendo un primo quadro organico di regole in grado di assicurare la protezione dei dati senza penalizzare lo sviluppo del mercato digitale.
  • LA TECNOLOGIA “NFC” PER LE COMUNICAZIONI RADIO A BREVE DISTANZA TRA CELLULARI E VULNERABILITÀ NOTE
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro
    La Near Field Communication (NFC) è un insieme di standard per dispositivi mobili progettati per stabilire la comunicazione radio a breve distanza, basandosi su protocolli di comunicazione diversi. Grazie alla notevole interoperabilità tra i diversi standard di riferimento, questa tecnologia è utilizzata in diversi ambiti applicativi, con conseguenti svantaggi legati alla forte esposizione verso diverse vulnerabilità ed annessi scenari di attacco.
  • CALEA II: i rischi delle intercettazioni sui “punti finali” delle comunicazioni
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro
    CALEA II: Risks of Wiretap Modifications to Endpoints. Il 17 marzo 2013 è stato pubblicato uno studio di 19 esperti mondiali di comunicazioni, cifratura e intercettazioni circa i rischi derivanti dalle modifiche che si vorrebbero introdurre nel CALEA Act. In sintesi lo studio afferma che obbligare i creatori di software, i service provider e tutti gli attori responsabili per i “punti finali” delle comunicazioni digitali (su PC o smartphone) a riscrivere il codice e riprogettare l’hardware per facilitare le intercettazioni (legali) non farebbe altro che rendere più facile il lavoro dei cyber-criminali.
  • VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELLA CONNESSIONE A INTERNET IN MOBILITÀ di Armando Gabrielli e Luigi Mauro
[fancy_heading style=”style2″ size=”small”]Altri articoli di Luigi Mauro[/fancy_heading]
  • NUOVE CARATTERISTICHE E ARCHITETTURE DI SICUREZZA DELLE INFRASTRUTTURE E DEI SERVIZI DELLE RETI 5G
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro (n.III_MMXVII)
    La tecnologia 5G porterà una forte trasformazione della rete fissa e mobile con prestazioni superiori a quelle attuali, introducendo tuttavia ulteriori requisiti in materia di Sicurezza e Privacy.
  • ITALIAN CYBER SECURITY REPORT 2014
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro (n.I_MMXV)
    Il Centro di Ricerca in Cyber Intelligence e Information Security dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, in collaborazione con AgID e la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha svolto una ricerca volta a capire più in profondità la consapevolezza della minaccia cibernetica e l’attuale capacità difensiva della PA italiana.
  • LE NUOVE REGOLE DEL GARANTE PER I PAGAMENTI CON SMARTPHONE E TABLET
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro
    Il Garante della privacy ha definitivamente adottato il provvedimento (22 maggio 2014) che disciplina il trattamento dei dati personali di chi usufruisce dei cosiddetti servizi di mobile remote payment, utilizzando smartphone, tablet, pc, stabilendo un primo quadro organico di regole in grado di assicurare la protezione dei dati senza penalizzare lo sviluppo del mercato digitale.
  • LA TECNOLOGIA “NFC” PER LE COMUNICAZIONI RADIO A BREVE DISTANZA TRA CELLULARI E VULNERABILITÀ NOTE
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro
    La Near Field Communication (NFC) è un insieme di standard per dispositivi mobili progettati per stabilire la comunicazione radio a breve distanza, basandosi su protocolli di comunicazione diversi. Grazie alla notevole interoperabilità tra i diversi standard di riferimento, questa tecnologia è utilizzata in diversi ambiti applicativi, con conseguenti svantaggi legati alla forte esposizione verso diverse vulnerabilità ed annessi scenari di attacco.
  • CALEA II: i rischi delle intercettazioni sui “punti finali” delle comunicazioni
    di Armando Gabrielli e Luigi Mauro
    CALEA II: Risks of Wiretap Modifications to Endpoints. Il 17 marzo 2013 è stato pubblicato uno studio di 19 esperti mondiali di comunicazioni, cifratura e intercettazioni circa i rischi derivanti dalle modifiche che si vorrebbero introdurre nel CALEA Act. In sintesi lo studio afferma che obbligare i creatori di software, i service provider e tutti gli attori responsabili per i “punti finali” delle comunicazioni digitali (su PC o smartphone) a riscrivere il codice e riprogettare l’hardware per facilitare le intercettazioni (legali) non farebbe altro che rendere più facile il lavoro dei cyber-criminali.
  • VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELLA CONNESSIONE A INTERNET IN MOBILITÀ di Armando Gabrielli e Luigi Mauro

Show More

Related Articles