Sicurezza e Giustizia

IL CASO SAN BERNARDINO: APPLE vs FBI

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

di Fabio Massa

Il recente caso investigativo americano ha suscitato numerose discussioni di carattere tecnico, giuridico etico e sociale in merito alla disputa tra la Apple inc., la Federal Bureau of Investigation e la DOJ (U.S. Department of Justice), generata dalla richiesta di sblocco di un Iphone 5C utilizzato da uno dei killer della strage di San Bernardino in California del dicembre 2015, dove sono rimaste uccise 14 persone e ferite gravemente 22. il telefono dell’attentore è stato recuperato intatto, ma risultava bloccato da un codice di blocco a 4 cifre e impostato per il wiping dei dati dopo 10 tentativi falliti nell’inserimento del codice di blocco, opzione presente nei dispositivi iPhone. La Apple inc. adducendo diverse motivazioni, tecniche e giuridiche, ha rifiutato la disponibilità nella creazione di un software che avrebbe consentito di bypassare i sistemi di sicurezza dei loro dispositivi, nodo cardine delle politiche commerciali dell’azienda.


 

Le evidenze digitali, nello scenario investigativo attuale, rivestono una grande importanza nella risoluzione dei casi giudiziari e investigativi, sia per la consistente quantità reperibile sia per la tipologia di dati che permettono spesso di ricostruire una precisa timeline degli eventi, fondamentale per la ricostruzione degli stessi. Purtroppo, in alcune circostanze, le possibilità di accesso e recupero di questi dati vengono complicate o rallentate da sistemi di protezione crittografica, hardware e software, implementati dai produttori dei dispositivi digitali, in particolar modo negli smartphone ed in generale su dispositivi mobili digitali. A tal proposito, un recente caso investigativo americano, ha suscitato numerose discussioni di carattere tecnico, giuridico etico e sociale in merito alla disputa tra la Apple inc., la Federal Bureau of Investigation e la DOJ (U.S. Department of Justice), generata dalla richiesta di sblocco di un dispositivo mobile utilizzato da uno dei killer della strage di San Bernardino in California. La disputa ha generato molti dibattiti pubblici di grande impatto mediatico sulla debolezza degli algoritmi crittografici, sulla privacy e la sicurezza evidenziando e setacciando al microscopio i ruoli e le responsabilità di imprese, individui e governi, ma si è accentrata, inoltre, sulla possibilità e misura in cui un Tribunale degli Stati Uniti può costringere un produttore ad aiutare a sbloccare i telefoni cellulari i cui dati sono protetti da crittografia o da un codice di blocco.

Precisamente, il citato dibattito è nato in correlazione con il caso giudiziario trattato dalla Corte Distrettuale degli Stati Uniti, Distretto centrale della California, a seguito della richiesta pervenuta alla Apple, da parte dell’FBI, di rilascio di un nuovo software che consentisse di sbloccare un iPhone 5C di proprietà del governo della Contea di San Bernardino (California), che era stato affidato ad un suo dipendente, Syed Rizwan Farook, uno dei tiratori coinvolti nell’attacco di dicembre 2015, dove sono rimaste uccise 14 persone e ferite gravemente 22. I due complici di Farook sono morti quattro ore dopo un conflitto a fuoco con la polizia, ma sono stati in grado di distruggere i loro telefoni cellulari personali vanificando la possibilità di recupero dei dati da parte della polizia. Tuttavia il telefono di Farook è stato recuperato intatto, ma risultava bloccato da un codice di blocco a quattro cifre e impostato per il wiping dei dati dopo dieci tentativi falliti nell’inserimento del codice di blocco, opzione presente nei dispositivi iPhone. La Apple inc., adducendo diverse motivazioni, tecniche e giuridiche, ha rifiutato la disponibilità nella creazione di un software di quel genere che avrebbe consentito di bypassare i sistemi di sicurezza dei loro dispositivi, nodo cardine delle politiche commerciali dell’azienda. L’udienza prevista per il 22 marzo 2016 avrebbe dovuto decidere in merito all’accesa disputa, ma l’FBI un giorno prima dell’inizio dell’udienza chiese una proroga temporale dichiarando di aver trovato una terza parte in grado di sbloccare l’iPhone 5C, oggetto di sequestro. Il 28 marzo 2016, l’FBI, ritirando la richiesta nei confronti della Apple, ha annunciato, nello stupore generale, di aver provveduto allo sblocco del dispositivo e di aver recuperato i dati d’interesse investigativo.

Per fare chiarezza sull’episodio, è necessario premettere alcuni aspetti tecnici generali legati ai sistemi di sicurezza dei dispositivi Apple per rispondere alle molteplici domande generate dal caso mediatico di San Bernardino.

 

…continua su EDICOLeA 

 


Altri articoli di Fabio Massa

LE TECNICHE DI ANTI FORENSICS -
di Fabio Massa (N. I_MMXVII)
L’Anti-Forensics è l’insieme di strumenti, metodi e processi che ostacolano l’applicazione della Digital Forensics. Sebbene il termine non sia nuovo, non esiste una chiara definizione di queste tecniche, tuttavia lo scopo finale rimane quello di influire negativamente sulla esistenza, quantità e/o qualità delle prove nella scena del crimine digitale, con la conseguenza di rendere impossibile o complesso condurre le indagini. Conoscere l’Anti-Forensics, o non far finta che non esista, consente di affrontare le nuove sfide offerte dalla tecnologia per sviluppare opportune metodologie di identificazione e di analisi digitale adeguate a tutte le situazioni.
GPS FORENSICS -
di Fabio Massa (N. IV_MMXVI)
Il 15 dicembre 2016 è entrata in funzione la rete GALILEO (in inglese GNSS - Global Navigation Satellite System) grazie ai primi 16 dei suoi complessivi 30 satelliti che saranno dispiegati entro la fine del 2019. La rete GALILEO è stata sviluppata in Europa come alternativa al Global Positioning System (NAVSTAR GPS), controllato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. L’uso del Sistema di navigazione satellitare è estremamente diffuso nella società odierna in molteplici applicazioni: civili, militari e industriali. Le potenziali fonti di prova che può fornire questo Sistema sono i dati storici di localizzazione.
ANATOMIA DI UN ATTACCO RANSOMWARE -
di Fabio Massa (N. II_MMXVI)
Come previsto in passato da numerosi esperti di sicurezza, oggi per la prima volta nel genere umano, un numero impressionante di persone sono sottoposte quotidianamente ad estorsioni digitali che prendono in ostaggio i dati, tramite ransomware e crittografia. L’uso dei personal computer e dei dispositivi digitali connessi alla rete, presenti oramai in tutte le attività quotidiane degli utenti, ha prodotto indirettamente un numero esponenziale di potenziali vittime di crimini informatici, amplificata dalle numerose campagne quotidiane di infezione. Ormai la già vasta gamma di ransomware è ulteriormente in crescita. La stragrande maggioranza di questi malware vengono generati per estorcere direttamente o indirettamente denaro alle vittime, a tal punto da essere considerati oggi una grave minaccia a livello globale.
MALWARE FORENSICS -
di Fabio Massa (N. I_MMXVI)
L’analisi forense in casistiche da infezione da malware (malicious software) è estremamente frequente nell’ambito delle investigazioni digitali, in particolar modo per fornire risposte ed elementi probatori ad attacchi e/o incidenti informatici, accessi abusivi, spionaggio, furto di identità e ricatto. I malicious software costituiscono una grave minaccia per la sicurezza dei sistemi informatici. Spesso, nelle casistiche relative alle investigazioni digitali di sistemi infettati da malware è necessario ricorrere ad una attenta analisi per fornire risposte mirate su cosa è accaduto e quali elementi probatori della sua esistenza possono essere reperiti nel sistema, riferiti anche agli attacker e ai metodi di diffusione ed infezione.
L’ANALISI FORENSE DELLE EMAIL -
di Fabio Massa (N. IV_MMXV)
Una email è composta da un header, un corpo messaggio, e in alcuni casi da un allegato, che generalmente contengono informazioni quali: mittente, destinatario, data e ora di invio e di ricezione, indirizzi IP del server di invio e di ricezione, e un ID messaggio univoco. In ambito forense queste informazioni hanno un valore probatorio molto importante, e possono essere recuperate tramite molteplici tecniche forensi da due categorie di applicazione di gestione della posta elettronica.
OSINT E CYBER INTELLIGENCE: TECNICHE DI INVESTIGAZIONE NELLA RETE -
di Fabio Massa (N. III_MMXV)
OSINT, acronimo di Open Source Intelligence, è un processo di analisi di Intelligence delle Fonti Aperte. L’Open Source Intelligence è una disciplina strettamente collegata al mondo della Cyber Intelligence, e rappresenta la raccolta di notizie che devono essere trasformate in “conoscenza”, attraverso fasi di validazione, di conferma e di attribuibilità certa della cosiddetta fonte di diffusione. Vediamo una panoramica dei più diffusi tools gratuiti a disposizione sul web che possono essere utilizzati per l’OSINT.
MAC OSX FORENSIC ANALYSIS (II PARTE) -
di Fabio Massa (n.II_MMXV)
Nel precedente numero: 1. Introduzione - 2. Tecniche di acquisizione ed analisi di un computer Macintosh - a) Avvio con CD DVD - b) Avvio Single User - c) Modalità Target Disk. In questo numero: 3. Machintosh file system - 4. La Radice UNIX - a) System tree - b) Local tree - c) User tree - d) Network tree - 5. Analisi Forense - a) Safari - b) Apple Mail - c) ichat - ) Keychains
MAC OSX FORENSIC ANALYSIS (I PARTE) -
di Fabio Massa (n.I_MMXV)
In questo numero: 1. Introduzione - 2. Tecniche di acquisizione ed analisi di un computer Macintosh - a) Avvio con CD DVD - b) Avvio Single User - c) Modalità Target Disk. Nel prossimo numero: 3. Machintosh file system - 4. La Radice UNIX - a) System tree - b) Local tree - c) User tree - d) Network tree - 5. Analisi Forense - a) Safari - b) Apple Mail - c) Keychains.
DEEP WEB: INVESTIGAZIONI DIGITALI NEL LATO OSCURO DELLA RETE -
di Fabio Massa
La peculiarità del deep web è l’elevato livello di anonimato favorito dall’utilizzo di particolari tecnologie, come Tor. Da una parte Tor garantisce un livello di anonimato che consente di trasferire in alta sicurezza i dati oppure di superare condizioni di censura presenti in alcuni paesi, dall’altra parte rappresenta il mezzo ideale per attività criminali. L’analisi forense dei client nei quali è stato installato “Tor Browser Bundle”, può aprire scenari investigativi interessanti, che smentiscono alcune certezze di anonimato garantite dai manutentori dello stesso progetto.
MICROSOFT WINDOWS 8 FORENSICS -
di Fabio Massa
Windows 8 ha introdotto molte novità che riguardano particolarmente la connessione costante alla rete Internet. Ora che possiamo considerarlo ampiamente diffuso, anche se è già in procinto di essere presentata la nuova versione 9, descriviamo le principali novità introdotte da Windows 8 ai fini delle indagini forensi.
BITCOINS FORENSICS -
di Fabio Massa ( n. II_MMXIV )
Bitcoin è una moneta elettronica creata nel 2009 da un anonimo conosciuto. La struttura peer-to-peer della rete Bitcoin e la mancanza di un ente centrale rende impossibile per qualunque autorità, governativa o meno, di bloccare la rete, sequestrare bitcoins ai legittimi possessori o di svalutarla creando nuova moneta. Al fenomeno è stato addirittura dedicato un evento alla Camera dei Deputati l’11 giugno 2014 dal titolo “Bitcoin in Italia: quali opportunità per le “monete matematiche” nel nostro paese?” nel quale si si sono messi in luce i rischi macroeconomici connessi ad una moneta a tendenza deflattiva. È stato poi annunciato il primo Bancomat Bitcoin italiano da oggi sul mercato, chiamato “Bit-Wallet”.
ANALISI FORENSE DI UNA SCHEDA SIM -
di Fabio Massa ( n.IV_MMXI )
Una delle casistiche più frequenti in una analisi forense, in particolar modo nel caso di un telefono cellulare, è la possibilità di ricavare da una SIM (Subscriber Identity Module) informazioni che risultano essenziali in moltissime circostanze, ad es. per ricostruire un evento criminoso, in molte situazioni anche di tipo omicidiario.
FACEBOOK FORENSICS -
di Fabio Massa ( n.IV_MMXIII )
Il social network Facebook®, con oltre un miliardo di utenti in tutto il mondo, ha acquisito il primato in qualità di mezzo di comunicazione digitale più famoso a livello globale. Una quantità impressionante di importanti informazioni personali e commerciali viene scambiata tra gli utenti quotidianamente, a tal punto da divenire anche un ottimo mezzo di acquisizione di fonti probatorie nel caso di indagini investigative criminali.
ANALISI FORENSE DEL PEER-TO-PEER: L’ESEMPIO DI EMULE -
di Fabio Massa ( n.III_MMXIII )
L’analisi forense di eMule, e di software dedicati alla stessa tipologia di attività su network P2P, può generare numerosi elementi probatori fondamentali ed inequivocabili in sede di giudizio.
LA DIGITAL FORENSICS NEL CLOUD COMPUTING -
di Fabio Massa ( n.II_MMXIII )
La digital forensics nel Cloud Computing è una nuova disciplina che studia il relativo crescente utilizzo di reti, computer e dispositivi di memorizzazione digitale impiegati in infrastrutture cloud, sfruttati per attività criminali hi tech e tradizionali.